Oman: Ubar, “Atlantide del deserto”

Oman: Ubar, “Atlantide del deserto”

 

Ubar, la “Atlantide del deserto” ed un simpatico allevamento di cammelli da latte… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

(clicca per ingrandire)

11 marzo 2019, nella nostra vacanza in Oman è giunto il giorno dell’escursione tanto attesa: il tramonto sulle dune del deserto Rub’ Al Khali ed il pernottamento in tenda beduina, preceduti, lungo il percorso, da una visita alla “via dell’incenso”, cui seguono la visita al sito archeologico di Ubar (la “Atlantide del deserto”) e la “divagazione” con la visita ad un allevamento di cammelli da latte.

Ubar, la “Atlantide del deserto”, ed i selfie con i cammelli…

In Oman tutto profuma d’incenso, anzi, si può dire che tutto profumi, un tratto caratteristico degli uomini (che lasciano dietro di loro piacevoli scie profumate), degli ambienti, ed anche del caffè, profumato (grazie all’aggiunta di cardamomo) e servito in tazzine senza manici rigorosamente accompagnato da datteri o da un classico dolce omanita di cui non ricordo il nome.

E’ così che lo assaporiamo nella seconda tappa della nostra escursione, che ci porta alla “scoperta” di Ubar, detta anche la “Atlantide del deserto”, la cui storia ci è arrivata dalle pagine de Le mille e una notte, le cui novelle vengono spesso richiamate dai racconti di Aladdin. 

Una sosta che, grazie per l’appunto alla presenza di un baretto, si rivela provvidenziale anche per le necessità fisiologiche, soprattutto femminili, in ossequio alla nostra tradizione…

Ubar, dal 2000 dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, la cosiddetta “Città perduta del Corano”, è la città leggendaria, la cui origine viene fatta risalire al 3000 a.c., definita da Lawrence d’Arabia “Atlantide del deserto”.
Secondo la leggenda, l’incredibile ricchezza raggiunta grazie ad oro, perle ed altro portò il re ed il suo popolo alla corruzione ed alla disubbidienza. Allah, per punirli, fece soffiare un fortissimo vento per 8 giorni e 7 notti, ricoprendo completamente di sabbia la città, come non fosse mai esistita.

Per secoli molti esploratori cercarono questa mitica città perduta, tra le dune del Rub‘ Al Khali, inutilmente.

La leggenda sopravvive grazie alla scoperta effettuata nel 1992 da un archeologo, che rinviene alcune rovine di un’antica città ai margini del deserto del Rub‘ Al-Khali, una ricerca perfezionata grazie all’aiuto internazionale con l’ausilio di satelliti della NASA.

Gli scavi sono arrivati fino a 45 metri di profondità e, per motivi di sicurezza, il lavoro archeologico sta procedendo con la fedele ricostruzione, in superficie, di quanto rilevato in profondità.

Si ipotizza che la città, abitata fin dal 3000 a.c., rappresentasse l’ultimo punto di riferimento per l’approvvigionamento d’acqua prima di affrontare il deserto.

Ecco, appunto…l’acqua…
In questa zona predesertica non sono sfuggiti alla nostra attenzione impianti di irrigazione e campi coltivati…

E’ stata appurata la presenza a circa 200 metri di profondità, sempre grazie ad indagini satellitari, di un imponente corso d’acqua…
e, come ci ha rivelato Aladdin, gran parte della frutta e della verdura presente a pranzo ed a cena al Fanar e negli altri resort proviene proprio da qui…

Si riparte, in direzione del deserto di Rub‘ Al Khali; visto che siamo leggermente in anticipo, Aladdin propone una variazione, con visita ad un allevamento di cammelli da latte, in cui potremo ammirare anche il cammello nero, un’altra esclusiva locale.

Un intermezzo molto piacevole, con Susanna e Valentina impegnate in tentativi di selfie con i docilissimi cammelli, presumibilmente avvezzi agli incontri ravvicinati con turisti a caccia di selfie con le gobbe…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.