Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto

Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto

 

il racconto, anche fotografico, di una magica vacanza in Oman,  al Fanar Resort di Salalah (4 marzo – 15 marzo 2019), con oltre 400 fotografie suddivise per argomenti in 9 diverse gallerie

Il racconto è suddiviso in capitoli, ognuno dei quali con link alla singola galleria fotografica.

Da qui invece ci si collega alla pagina con i links a tutte le gallerie fotografiche

Link alle gallerie fotografiche

 

“Perché non in Oman?”

La domanda di Fulvia Ottonello, nostra amica nonché riferimento per le nostre vacanze, mi trovò impreparato.

Non avevo mai neanche lontanamente considerato l’Oman come meta per le nostre vacanze ed anche in questa occasione avevamo scandagliato altre possibilità, che avessero questi punti imprescindibili: il caldo, il mare, non troppe ore di volo, la sicurezza, un resort che desse garanzie sul piano della pulizia e dell’organizzazione ed infine, particolare non indifferente, costi non particolarmente esorbitanti.
Altro elemento imprescindibile: non una sola settimana, preferibilmente una decina di notti, che comprendessero o il 28 febbraio (per festeggiare l’anniversario di matrimonio) o il 14 marzo, per festeggiare il mio 65^ compleanno…
Insomma, un compito non facilissimo e, scartate alcune proposte, ecco Fulvia con la domanda che mi spiazza: “Perché non in Oman???”.

Già, perché non in Oman???

Il tempo di fare un giro sul web ed ecco individuato un altro elemento che ha reso ancor più intrigante la proposta: la possibilità di prendere parte ad un’escursione nel deserto con visione del tramonto e pernottamento in tenda beduina…

aggiungiamoci la rassicurazione sulla qualità del resort (il Fanar resort di Salalah, che si rivelerà ancora meglio di quanto garantito) e la possibilità di chiudere la vacanza festeggiando in Oman il mio compleanno ed ecco che già eravamo pronti per partire…

anzi, immediatamente pronti…perché abbiamo prenotato il tutto a pochissimi giorni dalla partenza e dovevamo necessariamente essere pronti subito…

la sera del 4 marzo si parte da Malpensa, destinazione Salalah, con breve scalo a Muscat

 

(clicca per ingrandire)
Il Dhofar

Salalah è la capitale del Governatorato del Dhofar, regione situata nel Sud dell’Oman, al confine con lo Yemen.
Il Dhofar è caratterizzato dal singolare contrasto tra la distesa delle acque oceaniche, incontaminate, e l’arido deserto di Rub‘ Al Khali, immenso (500km x 1000 km) ed in gran parte ancora inesplorato.

La crescita esponenziale dell’Oman in questi ultimi anni è dovuta alla presenza di un sultano colto ed illuminato, Qaboos bin Said Al Said, che ha saputo coniugare il rispetto della cultura e tradizione locale (cui l’abbigliamento maschile e femminile è rigorosamente allineato), con la necessità di apertura alle diverse culture e tradizioni, trasformandolo in una sorta di Svizzera della penisola arabica, con una popolazione dall’età media molto bassa e con una conoscenza della lingua inglese (ed altre lingue) favorita dall’obbligo di insegnamento già dalla scuola materna.

Gli omaniti “respirano” quest’atmosfera di rinascita del loro paese, che si traduce in una squisita gentilezza ed apertura, unita ad un grande rispetto e devozione per il sultano il cui ritratto, come da tradizione, è presente in ogni dove.

 
Il volo, l’arrivo in Oman, il Fanar Resort di Salalah

 

Galleria fotografica – Tramonti e selfie dal Fanar di Salalah

 

partiamo la sera del 4 marzo; il volo con Oman Air è assolutamente tranquillo, l’assistenza è accurata, sopra la media; variegata scelta di film anche in lingua italiana (ho scelto “A casa tutti bene”) e, dopo il rapido scalo a Muscat, arriviamo puntualissimi a Salalah, la più importante città del Dhofar, regione nel Sud del Sultanato dell’Oman…

Aeroporto modernissimo, quasi “spaziale”, e, come nel caso dell’aeroporto di Muscat, ci colpisce la pulizia quasi “esagerata”, una percezione che ci accompagnerà durante tutta la vacanza.

Susanna, Nina, Carlo, Antonio(clicca per ingrandire)

In meno di mezzora la navetta ci porta al Fanar Resort, e qui ci attendono altre piacevoli sorprese.
A riceverci troviamo Nina, la dolcissima (ed efficiente) componente dello staff Eden Viaggi che avevamo già conosciuto (ed apprezzato) lo scorso anno ad Antigua, braccio destro del capo staff Stefania Villanova.
Quest’ultima, con la quale siamo in frequente contatto whatsapp, ci aveva indicato come suo omologo al Fanar il simpatico (e molto zelante) Antonio, ma, per regalarci una sorpresa, non aveva fatto cenno alla presenza di Nina.

I primi giorni li dedichiamo sia a conoscere la struttura, per poterci orientare al meglio, che a gustare il mare, il relax ed il caldo sole…

 

La struttura del Fanar è semplicemente fantastica; piacevolmente (senza sconfinare nella “soggezione”) sontuosa ed elegante, ed in grado di soddisfare tutte le esigenze.
E’ inserita in un megacomplesso, l’Hawana Salalah, che comprende 8 diversi tour operators, centralmente costituito da un’elegante marina sulla quale si affacciano diversi negozi e ristoranti.

 

masterplan Hawana Salalah
(clicca per ingrandire)

La nostra camera è molto più accogliente di quanto osassimo pensare, molto spaziosa, con un “angolo salotto” ed un balcone attrezzato.
Non li sfrutteremo granché, ma è indiscutibilmente più piacevole, dopo diverse ore di sole e mare, “rimettersi in sesto” prima della cena in uno spazio accogliente…

Per rendere giustizia, sul piano fotografico, alla qualità della struttura, sarebbe stato necessario disporre di un drone, con riprese dall’alto…
in assenza di drone mi “limito” al link di un video promozionale, assolutamente fedele a quanto abbiamo potuto verificare nel corso della vacanza.

 

 

La terrazza dell’Horizon

 

(clicca per ingrandire)

Accanto all’ingresso principale del Fanar, sulla destra, c’è l’ingresso dell’Horizon, uno dei tanti bar a disposizione degli ospiti.
La sua particolarità?

E’ al quinto piano, il più alto, ed è in buona sostanza una terrazza panoramica dalla quale, sorseggiando un drink, si può gustare, prima di cena,  la piacevole luce del tramonto oppure, dopo cena, gustarsi un long drink osservando dall’alto le luci e l’animazione della bellissima Marina.

 

 

 

 

Di ottimo livello la cucina, in tutti i ristoranti (ben 6) messi a disposizione dal Fanar: dal Breakers, direttamente sulla spiaggia, all’Aubergine, con i tavoli disseminati su un curatissimo spazio verde; dall’Al Souk, il ristorante “centrale”, al  tranquillo Sindbad, ulteriormente impreziosito la sera dalla piacevole musica internazionale del piano bar; dall’Al Manara all’As Sammak, presso il Juweira, affacciato sulla stupenda marina.
Ogni giorno è possibile prenotare una diversa cena etnica: ne abbiamo approfittato per assaporare, in diverse sere, menu francesi, messicani, pakistani, turchi; l’ultima sera (quella del mio compleanno) ci è sembrato giusto optare per la cena omanita.
Difficile fare una classifica, siamo sempre rimasti piacevolmente sorpresi dalla qualità delle proposte, compresa la cucina internazionale ogni giorno “arricchita” da nuove proposte.

Ma non siamo di certo venuti fin qui “solo” per assaporare le diverse cucine, per quanto apprezzate…

Le spiagge del Fanar

 

Galleria fotografica – Le spiagge del Fanar di Salalah

 

il Fanar consente di scegliere anche la tipologia di spiaggia: due opzioni su mare “tranquillo”, grazie alla modulazione data da due moli (uno affacciato su uno spazio in cui è possibile, al tramonto, osservare alcuni delfini) e la gigantesca spiaggia che si affaccia sul mare oceanico, caratterizzato dalle onde lunghe (tipo quelle apprezzate dai surfisti) che con la loro “vivacità” rendono il bagno molto divertente.
Ed è stata la nostra costante opzione.
Per i più pigri c’è l’opzione rappresentata da diverse piscine, con spazi idromassaggio; una è anche dotata di canestro, ed io e Susanna non ci faremo sfuggire l’occasione…

La spiaggia oceanica è immensa…si sviluppa per oltre un chilometro al termine del quale, superato un piccolo promontorio, inizia un’altra spiaggia molto più grande, che si sviluppa a perdita d’occhio…

 

(clicca per ingrandire)

E’ lì che decidiamo di avventurarci il primo giorno.
Vorrei portarmi la macchina fotografica ma vengo dissuaso da Susanna,  abbiamo tanti giorni davanti a noi…
Se ne pentirà…

Superato il promontorio incrociamo immediatamente un enorme stormo di gabbiani… più avanti un altro, altrettanto numeroso…
Non c’è in giro altra anima viva, solo noi ed i gabbiani…

Per Susanna sarebbe stata una ghiotta occasione per immortalare la specie per la quale nutre una singolare passione…

Si penserà: vabbè, basta tornare con la fotocamera…

Facile a dirsi…siamo tornati, ma dei gabbiani in gruppo manco l’ombra, manco si fossero passati parola per farle un dispetto…
(a fine vacanza saranno loro, sul promontorio a cavallo tra le due grandi spiagge, a venire a trovare Susanna, in gran numero, quasi volessero farsi perdonare…)

su questa spiaggia, ad est del resort, il primo giorno abbiamo camminato per un’ora e mezza (andata/ritorno), senza riuscire a vederne la fine…

abbiamo incontrato solo una decina di persone all’andata, nessuno al ritorno…
un’immensa distesa di sabbia, per ora incontaminata…
(il centro abitato più vicino, Salalah, dista una ventina di km)…

il corpo accarezzato da una leggera, piacevolissima brezza, perfetta per lenire il calore dei raggi del sole…

il silenzio rotto solo dalla soffusa colonna sonora offerta dalle onde oceaniche, le classiche onde lunghe che piacciono molto ai surfisti, con le quali ogni giorno ci divertiremo a “giocare”…

…abbiamo avuto la percezione di essere al centro di un lembo di natura immutata nel tempo, identica a quella che si presentò la prima volta agli antenati degli attuali abitanti dell’Oman…

non so se sia proprio così, ma mi piace pensarlo…

e per Susanna il primo giorno si conclude con una singolare “prima volta”…
La sera, sulla spiaggia, gli animatori Eden propongono la romantica, magica atmosfera creata dal lancio delle lanterne cinesi.
Susanna si fa coinvolgere con entusiasmo…
a 53 anni è la sua prima lanterna cinese…
 

 

Il mini zoo e l’albero dei ciucci 

 

Galleria fotografica – Gabbiani ed altri animali al Fanar di Salalah

 

(clicca per ingrandire)

Più o meno a metà strada tra il corpo centrale del Fanar e la spiaggia oceanica, è posizionata una delle attrazioni “più gettonate”, soprattutto dai bambini.

Un mini zoo che consente, soprattutto a chi è cresciuto in città, di poter vedere da vicino (ed anche “coccolare”) animali un tempo talmente usuali da essere definiti “domestici”…

galline, galli, papere, capre, un pony, due pavoni, tre pappagalli verdi, un pappagallo ciarliero (soprattutto con Susanna) e variopinto, una tartaruga, porcellini d’India, conigli…e di certo me ne scordo un po’…

 

di fianco c’è la struttura “Simbad” riservata alle attività per i più piccoli e, proprio di fronte, un curioso albero, “l’albero cui affidare il ciuccio dei bambini”, con tanto di invito:”Su, piccolino, non è ora di lasciare andare il ciuccio?” .
Un invito raccolto da diversi bambini, con diversi ciucci appesi ai rami, sul modello dell’iniziativa ispirata dal libro di Moccia, “Tre metri sopra il cielo”, con la quale si suggeriva agli innamorati di suggellare il loro amore con un lucchetto fissato ad un ponte, in segno dell’eternità del loro sentimento.

(clicca per ingrandire)

All’inizio del vialetto, spesso percorso da biciclette per facilitare gli spostamenti tra le spiagge ed il corpo centrale del resort, uno spazio quasi obbligato, destinato all’albero d’incenso, vero e proprio simbolo dell’Oman.
Ma di questo parleremo più avanti.

 

 

La moschea Sultan Qaboos di Salalah…

 

Galleria fotografica – La moschea Sultan Qaboos di Salalah

 

domenica 10 è il giorno della nostra prima escursione; decidiamo di saltare a piè pari l’escursione organizzata e noleggiamo un’auto per una giornata “fai da te”.
Ci accompagnano due amici conosciuti già dal primo giorno, Valentina e Corrado (lei cagliaritana, lui romano “trapiantato” da anni a Cagliari).
Ci indirizziamo subito verso Salalah, per una visita alla moschea, che è aperta solo fino alle 11 (Corrado e Valentina l’hanno già visitata il giorno precedente, con un breve tour in taxi).

(clicca per ingrandire)

La moschea Sultan Qaboos di Salalah, nota come “la perla di Salalah”, è una delle più famose moschee in Oman.
Si trova nel centro della città ed è architettonicamente molto affascinante, con le sue due grandi cupole e due alti minareti bianchi, con numerose decorazioni.
Per entrare nella Moschea occorre ovviamente rispettare il codice di abbigliamento e togliersi le scarpe.
Le donne, oltre a portare il velo, devono vere le gambe coperte fino a sotto il malleolo.
Eravamo preparati, ed entriamo; alla sinistra un ampio lavatoio per le abluzioni.
Ci avviciniamo all’ingresso della sala di preghiera e l’addetto si premura di invitarci a camminare solo sulla “passatoia Blu”.
L’interno infatti, oltre ad essere decorato con bellissime lanterne e con diverse incisioni ad impreziosire le pareti, ha un pavimento completamente coperto da soffici tappeti verdi, con un percorso calpestabile rappresentato dalla passatoia di colore blu.
Comprensibile il motivo di tanta attenzione per il tappeto: è un enorme tappeto persiano, completamente tessuto a mano…

Il soffitto, al centro, ha un meraviglioso lampadario, e mi fa rabbia il fatto che, tra le tante fotografie scattate con la mia fotocamera, non ce ne sia una con la singolare inquadratura, esattamente da sotto, al centro, fatta da Susanna con il suo smartphone…

(clicca per ingrandire)

All’uscita dalla sala di preghiera il cortile interno ci accoglie con un sole alto e luminoso, che ci invoglia ad inquadrare le linee architettoniche mettendone in evidenza i tagli geometrici.

Prima di uscire dalla moschea, ci offrono deliziosi dolci ed una tazza di te.
Oltre alla gentilezza, squisita, ci colpisce la pulizia assoluta di tutta la struttura, lucente all’interno e molto curata, anche nel verde, all’esterno.

 

Il suq di El Haffa – Salalah

 

Galleria fotografica – Il suq di El Haffa – Salalah

 

All’uscita ci attendono Valentina e Corrado, pronti a tuffarsi con noi nel caotico suq (o souk) di El Haffa, che raggiungiamo in pochi minuti.
E’ molto più piccolo di quello che abbiamo visto anni fa a Dubai; il suq di Salalah è in realtà l’insieme di tre diversi suq che saranno smantellati per costruirne uno nuovo e molto più grande.

 

(clicca per ingrandire)

La principale attrattiva del suq di Salalah è rappresentata dall’incenso, una varietà apprezzata in tutto il mondo per la sua eccezionale qualità.
L’incenso è estratto dalla boswellia sacra, e l’importanza di questa resina nella storia e nell’economia ci apparirà ancor più chiara durante la visita, che faremo il giorno successivo, alla cosiddetta “valle dell’incenso”.

(clicca per ingrandire)

Nel vecchio mercato si respira un’aria particolarmente inebriante, in cui il profumo dell’incenso si miscela con altri profumi esotici, ai quali Susanna e Valentina non sanno resistere…

Fortunatamente la loro attenzione non si sposta sull’oudh, preziosa e costosissima resina utilizzata per la realizzazione di uno tra i più costosi profumi al mondo…
ma anche su questo torneremo più avanti…

Le proposte e le “avances” degli addetti ai vari banchi del suq mi sembrano assolutamente identiche, e mi sfugge il motivo per il quale (ogni volta) ci si fermi ad un certo banco anziché ad un altro, apparentemente con le stesse, identiche proposte…

ed è così che Susanna “si fa rapire” da un banco in cui, in tempo reale, si allestiscono profumi…
Valentina invece si fionda sul banco gestito da una donna della quale si vedono solo gli occhi e propone creme profumatissime, di diverso tipo, e si concede anche per un selfie ricordo.

A questo banco viene venduto anche l’incenso, di diverse qualità (e conseguenti diversi prezzi).
Qui mi inserisco io, ed ottengo un po’ di attenzione da Susanna, ancora impegnata al banco dei profumi: acquistiamo un po’ di prezioso incenso e lo porteremo a Don Giorgio, il parroco del Cep, con l’auspicio che non debba usarlo, almeno a breve, per me…

Nei vicoli del suq non mancano, così come nella maggior parte dei centri commerciali omaniti, le proposte di variopinte pashmine, con il cashmere a farla da padrone, a sottolineare ulteriormente le influenze indiane.

(clicca per ingrandire)

Il suq di El Haffa ci dà anche l’opportunità di un consistente acquisto dei magneti, che oltre al nostro andranno ad arricchire anche i frigoriferi di molti nostri amici…

All’uscita dal suq ci rechiamo in un piccolo market, posto all’altra parte della strada, per rifornirci d’acqua.
Nel breve percorso ci colpisce un ambulante, che posiziona con cura, accanto ai tradizionali coltelli omaniti, pure alcune armi…
saranno vere? saranno finte???
chi lo sa…
nel dubbio passiamo oltre, e ci colpisce lo stato di alcune case, dissestate, che sorprendentemente non mancano di esibire delle porte d’ingresso di grande eleganza e valore.

 

Con Valentina e Corrado decidiamo di puntare, per il pomeriggio, sulla zona di Mirbat, distante una cinquantina di chilometri dal Fanar, verso il quale ci dirigiamo per un breve, necessario ristoro.

Sulla strada, che costeggia Haffah, la città vecchia, non passano inosservate le fitte piantagioni di banane, così come una serie di bancarelle con un’offerta, variegata e colorata, di frutta esotica, che peraltro possiamo assaporare quotidianamente al Fanar.

(clicca per ingrandire)
Il Museo del Frankincenso

Lungo la strada ci fermiamo per una breve visita al Museo del Frankincenso, che si trova nel Parco Archeologico Al Balid, sito dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.
E’ stato inaugurato una decina d’anni fa ed è formato da due sale distinte: la Sala Storica, che attraverso reperti archeologici e manoscritti ripercorre e narra l’origine del Sultanato, oltre ovviamente la storia dell’antica via del frankincenso.
Nella Sala del Mare, in cui sono presenti ricostruzioni di imbarcazioni tradizionali, viene invece celebrata l’importanza della storia marinara dell’Oman, soprattutto in relazione ai commerci marittimi nel corso dei secoli.

(clicca per ingrandire)

 

…Mirbat e la catena montuosa del Jabal Samhan…

 

 

(clicca per ingrandire)

 

Galleria fotografica – Mirbat, Jabal Samhan e Tawi Atair Sink Hole

 

Il caldo, e la “voglia” di espandere la nostra escursione fino a Mirbat ci inducono a non inoltrarci nella parte all’aperto del Museo e, dopo la sosta ristoratrice al Fanar, riprendiamo la strada verso Mirbat.
Si viaggia in assoluta tranquillità, strade ampie, analoghe alle nostre autostrade, con velocità consentita nei limiti dei 120 km/h.

(clicca per ingrandire)

Occorre solo prestare attenzione alla presenza, ai lati della strada, di carovane di cammelli, che di tanto in tanto attraversano dove gli va…

(clicca per ingrandire)

d’altro canto uno dei cartelli stradali “di pericolo” indica proprio questa possibilità…e non sfuggiamo alla regola, per la gioia di Valentina che manifesta una particolare predilezione per gli incontri ravvicinati con questi singolari quadrupedi…

Raggiungiamo rapidamente MIrbat, città di pescatori, nota alle cronache per una famosa battaglia (1972) nel corso della guerra civile scoppiata nella provincia del Dhofar contro il Sultanato di Muscat.

Ci addentriamo nella città vecchia, che porta ancora tutti i segni di quella battaglia: case per la maggior parte abbandonate, con le facciate a testimoniarla con fori di proiettili e scritte arabe inneggianti alla rivoluzione.

 

Il tempo scorre e la scelta tra la visita alla parte nuova della città (il porto, il mercato del pesce, la spiaggia dorata con i cammelli sul bagnasciuga) o la possibilità di raggiungere, in tempo per il tramonto, la sommità del Jabal Samhan (la grande catena montuosa con il punto più alto del Dhofar, a 1821 metri) vede premiata quest’ultima opzione.

Si prende la strada per Tawi Atair che si inerpica tra punti panoramici e boschetti di baobab; una strada che, nonostante alcuni punti sterrati per lavori in corso, si percorre senza problemi, di tanto in tanto si incontra qualche cammello e, durante una nostra sosta per scattare alcune foto, tocchiamo con mano la gentilezza degli unici esseri viventi incontrati, due omaniti che si fermano con la loro vettura, ci danno il benvenuto e chiedono se abbiamo problemi…fantastico!

Ci stupisce anche la pulizia, garantita dalla presenza, in una zona così isolata, di numerosi cesti porta-rumenta ai lati delle strade

Si arriva in cima al Jabal Samhan, e ne è valsa la pena.
Nonostante un po’ di foschia, il panorama è stupendo, mozzafiato, sulle profondissime gole che si perdono a vista d’occhio…

(clicca per ingrandire)

Il tramonto andiamo a gustarcelo al vicino Sink-hole di Tawi Atair, un cratere formatosi a causa della caduta di un meteorite; è detto anche “pozzo degli uccelli”, durante la stagione piovosa diventa un laghetto popolato da numerosissimi uccelli, visibili peraltro anche nella stagione secca.

La leggera foschia sembra volerci impedire anche una benché minima visione del tramonto, ma ecco che, all’improvviso, si palesa il “momento del turista fortunato”…

(clicca per ingrandire)

il sole filtra, si manifesta in tutta la sua bellezza e, ad uso e consumo delle nostre fotocamere, da star consumata, sembra volersi mettere in posa, tra due alberi, le cui silhouttes in controluce interpretano magnificamente il ruolo di magnifica cornice naturale…

(clicca per ingrandire)

ed infine ci saluta, spostandosi leggermente di lato, impreziosendo la sagoma dell’unico albero completamente spoglio che si trasforma, per pochi attimi, in una perfetta “quinta” del suo palcoscenico…

(clicca per ingrandire)

Si chiude il sipario, è il momento di riprendere la strada verso il Fanar…
domani ci attende il deserto…

 

Quando, a pochi giorni dalla partenza, abbiamo prenotato questa vacanza, io e Susanna avevamo ipotizzato una vacanza di assoluto relax, al caldo, immersi nelle acque incontaminate dell’Oman, senza ipotizzare particolari escursioni tranne una: il tramonto ed il pernottamento in tenda beduina nel deserto di Rub’ Al Khali.
Arrivati al Fanar abbiamo appreso che la “nostra” escursione, che avrebbe compreso anche la visita alle rovine di Ubar (l’Atlantide del deserto) ed alla “via dell’incenso”, era prevista in una sola giornata della settimana, il lunedì; per noi quindi l’unica possibilità sarebbe stata lunedì 11 marzo.
E “quel giorno” era finalmente arrivato.

 

Frankincense Trail, “la via dell’incenso”…

 

Galleria fotografica – La via dell’incenso
 
Aladdin
(clicca per ingrandire)

Lunedì, ore 13.30, si parte dal Fanar; la “comitiva” è composta da 9 potenti mezzi, Toyota Land Cruise da 5300cc, il tutto coordinato dalla guida Aladdin, che parla un italiano assolutamente impeccabile.

Valentina e Corrado sono anche oggi nostri compagni di viaggio, l’autista è il simpatico Mohamed, che ci accoglie con una frase che ha imparato da altri turisti italiani.

Ci spiega che quando un lavoro non è svolto molto bene, in Italia si usa una frase ben precisa, che lui ha fatto sua…
“When my work is not good, I say ‘ho fatto una cazzata’…”…

Non resisto…lo convinco che in chiusura di frase manca un vocabolo, molto usato nella nostra città e molto indicato per rafforzare il concetto…

e lui apprende subito:”ho fatto una cazzata, belin!!!…” e giù una risata…

 

 

 

Alla prima sosta commetteremo l’errore di riferire la gag ad Aladdin, che sicuramente conosce la traduzione letterale di “belin” e non il fatto che sia, tutto sommato, un innocuo intercalare…
ne siamo convinti perché da lì in poi Mohamed, forse messo sull’avviso da Aladdin, non ripeterà più per intero la frase… (è solo una nostra illazione, ma è l’unica spiegazione plausibile).

Il viaggio è confortevole, in poco più di un’ora (circa 150 km) si raggiunge la prima tappa della nostra escursione: è a Wadi Dawkah, dove si trova “la via dell’incenso”, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità, non solo per la singolare bellezza del contesto paesaggistico ma anche, se non soprattutto, per la sua valenza culturale, che ci verrà illustrata da Aladdin, capace di catturare l’attenzione (ed imprimere il ricordo) grazie al racconto che si sviluppa attraverso curiosità ed aneddoti.

Un bravissimo affabulatore.

Questa parte meridionale della penisola arabica, tra l’Oman e lo Yemen, è quella che un tempo era indicata come Arabia Felix, unica parte del mondo in cui crescono le piante resinose da cui si ricavano la mirra e l’incenso (Boswellia sacra), nell’antichità tra i prodotti più preziosi tant’è che, unitamente all’oro, vennero portate in dono a Gesù dai Re Magi.
L’incenso era talmente prezioso da essere venduto alla pari con l’oro (cioè un chilo d’incenso veniva pagato con un chilo d’oro!).

(clicca per ingrandire)

Il Wadi Dawkah, da cui parte la “Frankincense Trail”, la via del frankincenso, è uno dei più estesi boschi di Boswellia del Dhofar, una distesa enorme, arida, con migliaia di queste piante che per dimensioni e fattezze (basse e con tronco ritorto) richiamano quelle degli arbusti mediterranei.
Ancora oggi, come da millenni, per estrarre questo bene prezioso si pratica, in primavera, un’incisione sulla corteccia per far uscire una linfa biancastra, lattiginosa, che viene raccolta più avanti.
E’ l’incenso bianco, quello più pregiato, per il 30% ancora riservato alla Santa Sede.

(clicca per ingrandire)

Un altro raccolto si fa, a primavera inoltrata, sulle incisioni praticate in inverno, e se ne ricava una qualità più scura, meno pregiata, in una scala che comprende quattro livelli diversi di purezza (e di conseguente valore).
La produzione viene ancora indirizzata a Sumhurum, la città che, secondo la leggenda, ha visto crescere, all’epoca della sua relazione con Re Salomone, il mito della Regina di Saba, la cui inestimabile, infinita ricchezza comprendeva anche l’incenso stoccato dai mercanti che da lì inviavano le loro carovane verso l’India ed il resto del mondo.

L’incenso, fin dall’antichità, ha evidenziato proprietà medicamentose ad ampio spettro, che lo hanno reso ancor più prezioso: dall’azione ansiolitica alla depurazione renale, dalla cura dei dolori muscolari all’azione antireumatica, dalla soluzione acquosa per curare il raffreddore alla masticazione per curare le patologie dell’apparato gastrointestinale. e così via.

Come abbiamo visto durante la visita al suq, anche la produzione cosmetica è molto legata all’uso dell’incenso, e qui Aladdin ci rivela una chicca.
Alcuni anni fa un parente del Sultano, volendo omaggiare ai livelli più alti la sua amata, fece realizzare per lei un esclusivo profumo, la cui essenza più pregiata era rappresentata dall’incenso più pregiato, quello riservato ai regnanti.
Il profumo, ca va sans dire, fu molto gradito…e qualche tempo più avanti divenne oggetto di un’importante azione commerciale con l’ormai affermato e prestigioso marchio “Amouage”, il profumo più costoso al mondo (al duty free ho temuto che anche Susanna volesse provare l’ebbrezza degli aromi regali…che per me non sarebbero stati propriamente dei…regali…)  

In Oman tutto profuma d’incenso, anzi, si può dire che tutto profumi, un tratto caratteristico degli uomini (che lasciano dietro di loro piacevoli scie profumate), degli ambienti, ed anche del caffè, profumato (grazie all’aggiunta di cardamomo) e servito in tazzine senza manici rigorosamente accompagnato da datteri o da un classico dolce omanita di cui non ricordo il nome.

E’ così che lo assaporiamo nella seconda tappa della nostra escursione, che ci porta alla “scoperta” di Ubar, detta anche la “Atlantide del deserto”, la cui storia ci è arrivata dalle pagine de Le mille e una notte, le cui novelle vengono spesso richiamate dai racconti di Aladdin. 

Ubar, la “Atlantide del deserto”…


Galleria fotografica – Ubar, “Atlantide del deserto”

Una sosta che, grazie per l’appunto alla presenza di un baretto, si rivela provvidenziale anche per le necessità fisiologiche, soprattutto femminili, in ossequio alla nostra tradizione…

Ubar dal satellite(clicca per ingrandire)
Ubar dal satellite
(clicca per ingrandire)

 

Ubar, dal 2000 dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, la cosiddetta “Città perduta del Corano”, è la città leggendaria, la cui origine viene fatta risalire al 3000 a.c., definita da Lawrence d’Arabia “Atlantide del deserto”.
Secondo la leggenda, l’incredibile ricchezza raggiunta grazie ad oro, perle ed altro portò il re ed il suo popolo alla corruzione ed alla disubbidienza. Allah, per punirli, fece soffiare un fortissimo vento per 8 giorni e 7 notti, ricoprendo completamente di sabbia la città, come non fosse mai esistita.

Per secoli molti esploratori cercarono questa mitica città perduta, tra le dune del Rub‘ Al Khali, inutilmente.

La leggenda sopravvive grazie alla scoperta effettuata nel 1992 da un archeologo, che rinviene alcune rovine di un’antica città ai margini del deserto del Rub‘ Al-Khali, una ricerca perfezionata grazie all’aiuto internazionale con l’ausilio di satelliti della NASA.

(clicca per ingrandire)

Gli scavi sono arrivati fino a 45 metri di profondità e, per motivi di sicurezza, il lavoro archeologico sta procedendo con la fedele ricostruzione, in superficie, di quanto rilevato in profondità.

Si ipotizza che la città, abitata fin dal 3000 a.c., rappresentasse l’ultimo punto di riferimento per l’approvvigionamento d’acqua prima di affrontare il deserto.

Ecco, appunto…l’acqua…
In questa zona predesertica non sono sfuggiti alla nostra attenzione impianti di irrigazione e campi coltivati…

E’ stata appurata la presenza a circa 200 metri di profondità, sempre grazie ad indagini satellitari, di un imponente corso d’acqua…
e, come ci ha rivelato Aladdin, gran parte della frutta e della verdura presente a pranzo ed a cena al Fanar e negli altri resort proviene proprio da qui…

…ed i selfie con i cammelli…

Si riparte, in direzione del deserto di Rub‘ Al Khali; visto che siamo leggermente in anticipo, Aladdin propone una variazione, con visita ad un allevamento di cammelli da latte, in cui potremo ammirare anche il cammello nero, un’altra esclusiva locale.

(clicca per ingrandire)

Un intermezzo molto piacevole, con Susanna e Valentina impegnate in tentativi di selfie con i docilissimi cammelli, presumibilmente avvezzi agli incontri ravvicinati con turisti a caccia di selfie con le gobbe…

(clicca per ingrandire)
 
…e finalmente il deserto del Rub‘ Al Khali, il “Quarto vuoto”…

 

Galleria fotografica – Il tramonto nel deserto Rub’ Al Khali

 

l’ultima tappa è la più attesa, e non solo per questo la più emozionante…

il paesaggio diventa sempre più desertico, solo qualche cammello di tanto in tanto…
si lascia la strada principale e prima di addentrarsi nel cuore dell’oceano di sabbia, Mohamed ed i suoi colleghi provvedono a sgonfiare le gomme delle loro potentissime Toyota.
Capiremo subito il motivo…

l’escursione si trasforma in qualcosa di simile ad un gigantesco, divertentissimo luna park, con le Toyota a sfrecciare su e giù per le dune…

(clicca per ingrandire)

con le gomme “piene” ci sarebbe il rischio di rimbalzare troppo e pure ribaltarsi, nonostante la grande perizia degli autisti, che si sfidano di continuo pur nel rispetto dell’ordine rigoroso dettato dalla numerazione delle vetture…
con il passare dei minuti ci si trova “circondati” da dune, senza altri punti di riferimento…  
ci appare chiaro il motivo per il quale questo deserto sia soprannominato “Il Quarto vuoto”…

 

(clicca per ingrandire)

Allah divise l’universo in quattro spazi: cielo, terra e mare.
Il quarto spazio rimase vuoto: era il deserto di Rub‘ Al Khali, con un’estensione di 650.000 km2, secondo solo al Sahara, privo di piante e di animali, disabitato ed ancora oggi in gran parte inesplorato, anche se pare che fino a circa 1700 anni fa zone, oggi assolutamente impercorribili, fossero praticate dalle carovane che trasportavano incenso…
Non ci si addentra molto (anche i beduini se ne guardano bene), ma è più che sufficiente per farci ammirare qualcosa di incredibilmente magico.

Scendiamo ai piedi di una duna alta circa 150 metri, veniamo invitati a toglierci le calzature.
Mai suggerimento fu più azzeccato: la percezione, camminando a piedi scalzi su questa soffice sabbia, è analoga alla morbidezza che si prova accarezzando un tessuto di prezioso cachemire…
sembra quasi impossibile: la solidità di queste gigantesche dune abbinata alla morbidezza di una sabbia microfine che non si appiccica, scivola sulla pelle senza lasciare traccia…

(clicca per ingrandire)

 

le dune, a perdita d’occhio sotto di noi e tutt’attorno, ci fanno sentire in cima ad un magico mondo, che invita ad osservare con stupore…

ci metto un po’ prima di mettere in azione la fotocamera, voglio gustarmi appieno il particolare sapore di questi momenti, c’è quasi il timore che anche lo scatto dell’otturatore possa rovinare l’incantesimo…

il progredire del calar del sole ci regala contrasti e cromaticità che variano di continuo, sensazioni che difficilmente le immagini potranno restituire appieno…

 

 

 

 

 

 

(clicca per ingrandire)

 

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

 

 

 

come il giorno precedente, sulla catena montuosa del Jabal Samhan, un’improvvisa leggera foschia all’orizzonte sembra volerci negare l’auspicato “tramonto da cartolina” ma, come da copione (verrebbe da dire come da contratto…) ecco che il sole fa capolino, regalandoci nuove cromaticità e, soprattutto, la palla rosata all’orizzonte da immortalare a futura memoria…  

fatalmente sono momenti caratterizzati da un generale, crescente fermento…
saggiamente Aladdin ci chiede di ripristinare per qualche minuto un assoluto, rispettoso silenzio…
un “sacrificio” che viene ripagato da un nuovo, incantevole momento di rara bellezza…

(clicca per ingrandire)

la temperatura scende abbastanza rapidamente, veniamo accompagnati all’accampamento beduino presso il quale trascorreremo la notte.

C’è una grande “tenda ristorante”, nella quale tutti insieme condivideremo la cena (nel menu anche un assaggio di gustosa carne di cammello) e ci sono diverse tende biposto per il pernottamento (con due ottimi materassi, coperte, lenzuola).

Io e Susanna scegliamo la numero 23 (il numero di maglia di Michael Jordan e Le Bron James…) che però risulta già “prenotata” da una simpatica signora bresciana.
Ci assegnano la tenda 31, per la felicità di Susanna cui non sfugge, immediatamente, il “richiamo” al nostro 31^ anniversario di matrimonio, festeggiato pochi giorni prima dell’inizio della vacanza…

Un segno del destino, visto che la signora bresciana sarà costretta ad abbandonare immediatamente, senza rimpiazzo, la tenda numero 23, già “occupata” da un innocuo topolino…il che mi porterà immediatamente a chiamarla “Minnie”, nomignolo che le resterà appiccicato per il resto della vacanza…

nel dopo cena Aladdin raduna tutti in cerchio in uno spazio attrezzato all’aperto…

le stelle in assenza di inquinamento luminoso appaiono molto più luminose e più vicine…

ogni tanto ne cade una, anche se la notte di S.Lorenzo è molto lontana…chissà, forse l’equivalente omanita di S.Lorenzo si festeggia proprio oggi…

 

(clicca per ingrandire)

i narghilè, le piacevoli tazze di tè, il fuoco acceso al centro, il canto dei cuochi originari del Bangladesh…

 

 

la perfetta, magica cornice per i racconti di Aladdin che, in un’atmosfera che ci proietta “dentro” le favole da Mille e una notte, ci erudisce sui motivi che hanno consentito la rapida, incredibile crescita dell’Oman, fino a pochi lustri fa un paese praticamente fallito…

apprendiamo così, tra una citazione favolistica e l’altra, che la crescita dell’Oman è dovuta alla lungimiranza del Sultano Qaboos Bin Said, ora 78enne, asceso al potere nel 1970 detronizzando il papà, uomo mite ma limitato dalla difesa delle tradizioni feudali.
Qaboos aveva studiato in Inghilterra, in un collegio militare in cui aveva potuto familiarizzare con lo stile di vita occidentale, gusti musicali compresi.
Al ritorno si era trovato proiettato in un mondo in cui non si riconosceva più, un paese senza radio, senza televisione, senza giornali, senza scuole. Inesistenti le strade (papà Said si muoveva ancora esclusivamente su cammello, risiedeva stabilmente nella dorata dimora di Salalah ed alla sera chiudeva i portoni di accesso alla città).
Realizzato il colpo di stato senza spargimenti di sangue puntò immediatamente su due pilastri per colmare il gap secolare: le infrastrutture e l’istruzione.

Vennero realizzate importanti opere (strade, aeroporti) che consentissero una migliore comunicazione sia all’interno che verso il mondo esterno, vennero realizzate adeguate strutture sanitarie e, soprattutto, venne varato un importante piano scolastico.
4 anni di scuola materna nel corso dei quali ai bambini viene insegnata la lingua inglese; nel percorso che equivale alla nostra scuola elementare viene insegnata un’altra lingua; i ragazzi con predisposizione allo studio universitario vengono accompagnati e sostenuti nel loro percorso, ed una volta laureati vengono assunti nelle strutture pubbliche.
Le donne fruiscono di privilegi assolutamente impensabili nei vicini paesi della penisola arabica: molte donne frequentano l’università, ricoprono ruoli anche importanti negli organigrammi di grandi aziende, possono trattenere il loro reddito (e la dote, obbligatoria in caso di matrimonio) per se stesse ed è anche prevista la possibilità, per quanto non propriamente praticata, che chiedano il divorzio.

L’abbigliamento, sia maschile che femminile, deve invece essere segno di rispetto per le tradizioni locali, un sentimento che ha portato il Sultano Qaboos a difendere le tradizioni beduine, un mondo ancora legato a rituali del passato.

In un territorio occupato solo per il 18% dai circa 4 milioni di abitanti, ai maschi, al compimento dei 18 anni viene regalato un terreno di 600mq, sui quali poter costruire la casa, elemento imprescindibile per poter chiedere la mano di una donna, cui dovrà essere destinata anche una consistente dote.
In caso di difficoltà economiche per la costruzione della casa lo Stato contribuisce con un finanziamento a bassissimo tasso d’interesse (circa il 2%) e spesso, nei casi di maggiore difficoltà, interviene anche a sostenere l’estinzione del mutuo.

In questa parte del racconto Aladdin ha raccontato in modo spassoso l’ossessione con la quale sua mamma lo invogliava a cercar moglie, un’ossessione comune ed espressa in modo colorito da tutte le mamme omanite…

ed in modo altrettanto spassoso ci ha illustrato gli “incidenti di percorso” che ha dovuto affrontare e superare prima di arrivare a chiedere la mano della donna che ora è sua moglie…

la nostra giornata da “mille e una notte” si chiude con il tappeto di stelle che ci accompagna alla tenda 31…
le coperte (la mia con sgargianti fumetti Disney) sono benedette…

(clicca per ingrandire)

Susanna, previdente come sempre, si era portata un paio di berretti che ci hanno consentito di affrontare al meglio alcuni spifferi che ci hanno fatto toccare con mano il significato dell’espressione “escursione termica”…

al risveglio (alle 6) ci precipitiamo a vedere l’alba, ma verso l’orizzonte c’è parecchia foschia…

mi piace pensare che una sapiente regia abbia voluto evitare che le emozioni vissute con il magico tramonto sulle dune potessero essere “inquinate” da altre emozioni, e potessero quindi restare impresse dentro di noi come un patrimonio emotivo da conservare il più a lungo possibile…   

 

Nei giorni successivi non abbiamo fatto altre escursioni, abbiamo riportato la vacanza, o meglio la sua parte residua, sul piano del più assoluto relax, non mancando di “regalarci” momenti indimenticabili…


ed infine i gabbiani…

è il 13 marzo, ultimo giorno di vacanza per Valentina e Corrado, che torneranno in Italia un giorno prima rispetto a noi.
Li accompagniamo nella loro ultima passeggiata sulla spiaggia, con una divagazione lungo il promontorio che separa le due grandi spiagge.

Ci incamminiamo verso il punto più panoramico, sull’oceano aperto…

ed ecco che, improvvisamente, quasi cogliendo l’ormai imminente fine anche della nostra vacanza, uno stormo di gabbiani si indirizza, festante, sul promontorio che stiamo percorrendo, proprio in direzione di Susanna, quasi a volerla salutare e farsi perdonare la “buca” dei giorni scorsi…

Susanna è l’immagine della felicità, scatta foto a raffica con il suo smartphone (che poi toccherà a me selezionare…) e pure io non posso resistere alla tentazione di immortalare questo magico momento…

(clicca per ingrandire)

a dire il vero Susanna, per incentivare la presenza dei gabbiani, si era portata un po’ di pane…
ma è un segreto che non si può rivelare, toglierebbe molto fascino al racconto…

water slum dunk, water hook shoot, water 3point hook shoot…

OK, lo sapevo da tempo…
il 14 marzo 2019, giorno del mio 65^ compleanno, avrebbe segnato ufficialmente il mio ingresso nell’età dei “benefici per gli anziani”
esenzioni dal ticket sanitario, sconti al supermercato, e così via…

per disinnescare un conseguente possibile, probabile velo di tristezza ho puntato tutte le fiches sul cazzeggio cestistico…

una delle piscine del Fanar è infatti dotata di un canestro da basket, già “sperimentato” nei giorni scorsi da Susanna, con esibizione di un perfetto stile di tiro…

(clicca per ingrandire)

 

non ho resistito alla tentazione di provare, anche in acqua, a ripetere quello che mi è più volte riuscito in alcuni palazzetti nei pre partita dell’NBAZena…
il gancio da tre!

e perché non aggiungere il gancio tradizionale?
e perché non approfittarne anche per una schiacciata, un’ebbrezza che per limiti atletici non ho mai provato su un campo da basket?
e perché non farne un videocazzeggio, magari con rimando agli spassosi video didattici di Alessandro Ogliani ed Andrea Brovia?

già, perché non un videocazzeggio?

curiosamente, la vacanza che era iniziata con una domanda (“Perché non in Oman?”), cui era seguita la risposta “Già, perché non in Oman?”, si concludeva con un’analoga domanda (“Perché non un videocazzeggio?”) cui è seguita un’inevitabile identica risposta: “Già, perché non un videocazzeggio?”…

 e questo è il risultato…

 

 

La vacanza volge veramente al termine, e la chiudiamo con un’ulteriore cena etnica: la scelta, in omaggio al paese che ci ha ospitati in questi 10 giorni, cade sulla cena omanita, al Breakers.
Per noi una piacevolissima sorpresa, una cucina ricca di sapori senza essere, sotto questo aspetto, particolarmente “invasiva”.

Per me l’aggiunta della sorpresa ordita da Susanna con il supporto di Antonio: lo staff Eden mi fa recapitare, a fine cena, una torta (buonissima) con tanto di candeline…non tutte e 65 ovviamente…

(clicca per ingrandire)

facciamo un ultimo giro nella splendida Marina…
ogni giovedì sera, visto che il venerdì è giorno di festa, i tour operators organizzano una festa musicale, che dura diverse ore, più o meno dalle 19 in poi…

la festa occupa la piazza principale, sulla quale confluiscono anche diverse famiglie locali…

però è già tardi, la grande piazza si sta svuotando…

sembra, per un attimo, simbolizzare la nostra vacanza: è stato tutto molto bello, divertente, però…

“la musica è finita”, fra poche ore Oman Air ci riporterà a Malpensa, via Muscat…

e cerchiamo di convincerci che, dai, non lamentiamoci…

in fin dei conti, come si dice…è sempre piacevole tornare a casa…

home sweet home…

non sappiamo ancora che, una volta giunti a casa, in tarda serata (ancor più tarda del previsto, visto il ritardo del secondo volo), la nostra serenità sarà messa a dura prova dal frigorifero…

spento da 10 giorni causa un inconveniente elettrico capitato proprio il giorno dopo la nostra partenza, con la conseguente putrefazione del suo contenuto…

non apriamo manco le valigie…

stracci, finestre aperte (con temperature ben diverse da quelle cui ci eravamo abituati), detergenti, aceto…

“Pronto, aeroporto Malpensa? Scusi, a che ora parte il prossimo volo??? qualunque destinazione va bene…”

 

Note aggiuntive: non so se mi capiterà di nuovo una vacanza in Oman…

difficile, la mia età è già avanzata e sono così tanti i posti che vorrei vedere che mi occorrerebbero tre vite…
però, qualora dovesse capitare, opterei per una vacanza più lunga…

una prima settimana (con macchina a noleggio) con più tempo da dedicare alla visita alle città di Salalah e Mirbat…
alla ricerca dei tanti paesini-villaggi disseminati sulle alture del Dhofar…
alle atmosfere che caratterizzano la tomba del profeta Giobbe, luogo di pellegrinaggio ubicato su una sommità, circondata da un giardino profumato d’incenso e villaggi in cui si parla ancora l’aramaico…

ed a seguire una settimana di relax al Fanar resort, che offre molte più opportunità di quante ci sia riuscito di toccare con mano…

e, già che ci penso…

non sarebbe male un salto in Dhofar nel periodo dei monsoni (da giugno ad agosto).
E’ il periodo in cui il nord dell’Oman è messo a dura prova da alte temperature ed umidità opprimente, mentre il Dhofar è in pieno “khareef”, la stagione monsonica in cui abbondano le piogge e nella zona tra la montagna e la costa  “esplode” la vegetazione e le sorgenti dei fiumi (wadi) si rigonfiano d’acqua, garantendo le forniture d’acqua per i successivi mesi più aridi.
Il contesto naturale, diventato verdissimo, è irriconoscibile rispetto a quello che abbiamo visto noi…

ed i cammelli nuotano nel deserto…

come documentato dalle foto qui sotto…(foto Iberpress)

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

per tutta la regione del Dhofar, che tornerà rapidamente arida nei mesi successivi, è occasione di gioia e di festa, che trova il suo punto più alto nel Salalah Khareef Festival, che si tiene a luglio o ad agosto.

beh, un “salto” anche in questo periodo non sarebbe male…

a questo punto però mi occorrerebbero più di tre vite…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.