Oman, Mirbat, Jabal Samhan e Tawi Atair Sink Hole

Oman, Mirbat, Jabal Samhan e Tawi Atair Sink Hole

 

Mirbat, Jabal Samhan e Tawi Atair Sink Hole… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

(clicca per ingrandire)

10 marzo 2019, escursione a Salalah per visitare Moschea Sultan Qaboos e Suq di El Haffa; nel pomeriggio ci spingeremo fino a Mirbat e sulla catena montuosa del Jabal Samhan.

Mirbat
(clicca per ingrandire)

Il caldo, e la “voglia” di espandere la nostra escursione fino a Mirbat ci inducono a non inoltrarci nella parte all’aperto del Museo del Frankincenso e, dopo la sosta ristoratrice al Fanar, riprendiamo la strada verso Mirbat.
Si viaggia in assoluta tranquillità, strade ampie, analoghe alle nostre autostrade, con velocità consentita nei limiti dei 120 km/h.

Occorre solo prestare attenzione alla presenza, ai lati della strada, di carovane di cammelli, che di tanto in tanto attraversano dove gli va…

d’altro canto uno dei cartelli stradali “di pericolo” indica proprio questa possibilità…e non sfuggiamo alla regola, per la gioia di Valentina che manifesta una particolare predilezione per gli incontri ravvicinati con questi singolari quadrupedi…

Raggiungiamo rapidamente Mirbat, città di pescatori, nota alle cronache per una famosa battaglia (1972) nel corso della guerra civile scoppiata nella provincia del Dhofar contro il Sultanato di Muscat.

Ci addentriamo nella città vecchia, che porta ancora tutti i segni di quella battaglia: case per la maggior parte abbandonate, con le facciate a testimoniarla con fori di proiettili e scritte arabe inneggianti alla rivoluzione.

Jabal Samhan e Tawi Atair Sink Hole
(clicca per ingrandire)

Il tempo scorre e la scelta tra la visita alla parte nuova della città (il porto, il mercato del pesce, la spiaggia dorata con i cammelli sul bagnasciuga) o la possibilità di raggiungere, in tempo per il tramonto, la sommità del Jabal Samhan (la grande catena montuosa con il punto più alto del Dhofar, a 1821 metri) vede premiata quest’ultima opzione.

Si prende la strada per Tawi Atair che si inerpica tra punti panoramici e boschetti di baobab; una strada che, nonostante alcuni punti sterrati per lavori in corso, si percorre senza problemi, di tanto in tanto si incontra qualche cammello e, durante una nostra sosta per scattare alcune foto, tocchiamo con mano la gentilezza degli unici esseri viventi incontrati, due omaniti che si fermano con la loro vettura, ci danno il benvenuto e chiedono se abbiamo problemi…fantastico!

Ci stupisce anche la pulizia, garantita dalla presenza, in una zona così isolata, di numerosi cesti porta-rumenta ai lati delle strade

Si arriva in cima al Jabal Samhan, e ne è valsa la pena.
Nonostante un po’ di foschia, il panorama è stupendo, mozzafiato, sulle profondissime gole che si perdono a vista d’occhio…

Il tramonto andiamo a gustarcelo al vicino Sink-hole di Tawi Atair, un cratere formatosi a causa della caduta di un meteorite; è detto anche “pozzo degli uccelli”, durante la stagione piovosa diventa un laghetto popolato da numerosissimi uccelli, visibili peraltro anche nella stagione secca.

La leggera foschia sembra volerci impedire anche una benché minima visione del tramonto, ma ecco che, all’improvviso, si palesa il “momento del turista fortunato”…

il sole filtra, si manifesta in tutta la sua bellezza e, ad uso e consumo delle nostre fotocamere, da star consumata, sembra volersi mettere in posa, tra due alberi, le cui silhouttes in controluce interpretano magnificamente il ruolo di magnifica cornice naturale…

ed infine ci saluta, spostandosi leggermente di lato, impreziosendo la sagoma dell’unico albero completamente spoglio che si trasforma, per pochi attimi, in una perfetta “quinta” del suo palcoscenico…

Si chiude il sipario, è il momento di riprendere la strada verso il Fanar…
domani ci attende il deserto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.