Oman, il suq di El Haffa-Salalah

Oman, il suq di El Haffa-Salalah

 

Il suq di El Haffa (Salalah) ed il Museo del Frankincenso… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

(clicca per ingrandire)

10 marzo 2019, escursione a Salalah per visitare Moschea Sultan Qaboos e Suq di El Haffa; nel pomeriggio ci spingeremo fino a Mirbat e sulla catena montuosa del Jabal Samhan.

il suq di El Haffa (Salalah)
(clicca per ingrandire)

All’uscita ci attendono Valentina e Corrado, pronti a tuffarsi con noi nel caotico suq (o souk) di El Haffa, che raggiungiamo in pochi minuti.
E’ molto più piccolo di quello che abbiamo visto anni fa a Dubai; il suq di Salalah è in realtà l’insieme di tre diversi suq che saranno smantellati per costruirne uno nuovo e molto più grande.

La principale attrattiva del suq di Salalah è rappresentata dall’incenso, una varietà apprezzata in tutto il mondo per la sua eccezionale qualità.
L’incenso è estratto dalla boswellia sacra, e l’importanza di questa resina nella storia e nell’economia ci apparirà ancor più chiara durante la visita, che faremo il giorno successivo, alla cosiddetta “valle dell’incenso”.

Nel vecchio mercato si respira un’aria particolarmente inebriante, in cui il profumo dell’incenso si miscela con altri profumi esotici, ai quali Susanna e Valentina non sanno resistere…

Fortunatamente la loro attenzione non si sposta sull’oudh, preziosa e costosissima resina utilizzata per la realizzazione di uno tra i più costosi profumi al mondo…ma anche su questo torneremo più avanti…

Le proposte e le “avances” degli addetti ai vari banchi del suq mi sembrano assolutamente identiche, e mi sfugge il motivo per il quale (ogni volta) ci si fermi ad un certo banco anziché ad un altro, apparentemente con le stesse, identiche proposte…

ed è così che Susanna “si fa rapire” da un banco in cui, in tempo reale, si allestiscono profumi…
Valentina invece si fionda sul banco gestito da una donna della quale si vedono solo gli occhi e propone creme profumatissime, di diverso tipo, e si concede anche per un selfie ricordo.

A questo banco viene venduto anche l’incenso, di diverse qualità (e conseguenti diversi prezzi).
Qui mi inserisco io, ed ottengo un po’ di attenzione da Susanna, ancora impegnato al banco dei profumi: acquistiamo un po’ di prezioso incenso e lo porteremo a Don Giorgio, il parroco del Cep, con l’auspicio che non debba usarlo, almeno a breve, per me…

Nei vicoli del suq non mancano, così come nella maggior parte dei centri commerciali omaniti, le proposte di variopinte pashmine, con il cashmere a farla da padrone, a sottolineare ulteriormente le influenze indiane.

Il suq di El Haffa ci dà anche l’opportunità di un consistente acquisto dei magneti, che oltre al nostro andranno ad arricchire anche i frigoriferi di molti nostri amici…

All’uscita dal suq ci rechiamo in un piccolo market, posto all’altra parte della strada, per rifornirci d’acqua.
Nel breve percorso ci colpisce un ambulante, che posiziona con cura, accanto ai tradizionali coltelli omaniti, pure alcune armi…
saranno vere? saranno finte???
chi lo sa…
nel dubbio passiamo oltre, e ci colpisce lo stato di alcune case, dissestate, che sorprendentemente non mancano di esibire delle porte d’ingresso di grande eleganza e valore.

 

 

Con Valentina e Corrado decidiamo di puntare, per il pomeriggio, sulla zona di Mirbat, distante una cinquantina di chilometri dal Fanar, verso il quale ci dirigiamo per un breve, necessario ristoro.

Sulla strada, che costeggia Haffah, la città vecchia, non passano inosservate le fitte piantagioni di banane, così come una serie di bancarelle con un’offerta, variegata e colorata, di frutta esotica, che peraltro possiamo assaporare quotidianamente al Fanar.

Il Museo del Frankincenso

Lungo la strada ci fermiamo per una breve visita al Museo del Frankincenso, che si trova nel Parco Archeologico Al Balid, sito dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.
E’ stato inaugurato una decina d’anni fa ed è formato da due sale distinte: la Sala Storica, che attraverso reperti archeologici e manoscritti ripercorre e narra l’origine del Sultanato, oltre ovviamente la storia dell’antica via del frankincenso.
Nella Sala del Mare, in cui sono presenti ricostruzioni di imbarcazioni tradizionali, viene invece celebrata l’importanza della storia marinara dell’Oman, soprattutto in relazione ai commerci marittimi nel corso dei secoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.