Oman, la Moschea Sultan Qaboos di Salalah

Oman, la Moschea Sultan Qaboos di Salalah

 

La moschea Sultan Qaboos di Salalah… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

clicca per ingrandire)

10 marzo 2019, escursione a Salalah per visitare Moschea Sultan Qaboos e Suq di El Haffa; nel pomeriggio ci spingeremo fino a Mirbat e sulla catena montuosa del Jabal Samhan.

La moschea Sultan Qaboos di Salalah
(clicca per ingrandire)

domenica 10 è il giorno della nostra prima escursione; decidiamo di saltare a piè pari l’escursione organizzata e noleggiamo un’auto per una giornata “fai da te”.
Ci accompagnano due amici conosciuti già dal primo giorno, Valentina e Corrado (lei cagliaritana, lui romano “trapiantato” da anni a Cagliari).
Ci indirizziamo subito verso Salalah, per una visita alla moschea, che è aperta solo fino alle 11 (Corrado e Valentina l’hanno già visitata il giorno precedente, con un breve tour in taxi).

La moschea Sultan Qaboos di Salalah, nota come “la perla di Salalah”, è una delle più famose moschee in Oman.
Si trova nel centro della città ed è architettonicamente molto affascinante, con le sue due grandi cupole e due alti minareti bianchi, con numerose decorazioni.
Per entrare nella Moschea occorre ovviamente rispettare il codice di abbigliamento e togliersi le scarpe.
Le donne, oltre a portare il velo, devono vere le gambe coperte fino a sotto il malleolo.
Eravamo preparati, ed entriamo; alla sinistra un ampio lavatoio per le abluzioni.
Ci avviciniamo all’ingresso della sala di preghiera e l’addetto si premura di invitarci a camminare solo sulla “passatoia Blu”.
L’interno infatti, oltre ad essere decorato con bellissime lanterne e con diverse incisioni ad impreziosire le pareti, ha un pavimento completamente coperto da soffici tappeti verdi, con un percorso calpestabile rappresentato dalla passatoia di colore blu.
Comprensibile il motivo di tanta attenzione per il tappeto: è un enorme tappeto persiano, completamente tessuto a mano…

Il soffitto, al centro, ha un meraviglioso lampadario, e mi fa rabbia il fatto che, tra le tante fotografie scattate con la mia fotocamera, non ce ne sia una con la singolare inquadratura, esattamente da sotto, al centro, fatta da Susanna con il suo smartphone…

All’uscita dalla sala di preghiera il cortile interno ci accoglie con un sole alto e luminoso, che ci invoglia ad inquadrare le linee architettoniche mettendone in evidenza i tagli geometrici.

Prima di uscire dalla moschea, ci offrono deliziosi dolci ed una tazza di te.
Oltre alla gentilezza, squisita, ci colpisce la pulizia assoluta di tutta la struttura, lucente all’interno e molto curata, anche nel verde, all’esterno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.