Oman, gabbiani ed altri animali al Fanar di Salalah

Oman, gabbiani ed altri animali al Fanar di Salalah

 

Al Fanar resort di Salalah di tutto e di più…mini zoo, albero dei ciucci, gabbiani… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

(clicca per ingrandire)

Il mini zoo e l’albero dei ciucci 

Più o meno a metà strada tra il corpo centrale del Fanar e la spiaggia oceanica, è posizionata una delle attrazioni “più gettonate”, soprattutto dai bambini.

Un mini zoo che consente, soprattutto a chi è cresciuto in città, di poter vedere da vicino (ed anche “coccolare”) animali un tempo talmente usuali da essere definiti “domestici”…

galline, galli, papere, capre, un pony, due pavoni, tre pappagalli verdi, un pappagallo ciarliero (soprattutto con Susanna) e variopinto, una tartaruga, porcellini d’India, conigli…e di certo me ne scordo un po’…

di fianco c’è la struttura “Simbad” riservata alle attività per i più piccoli e, proprio di fronte, un curioso albero, “l’albero cui affidare il ciuccio dei bambini”, con tanto di invito:”Su, piccolino, non è ora di lasciare andare il ciuccio?” .
Un invito raccolto da diversi bambini, con diversi ciucci appesi ai rami, sul modello dell’iniziativa ispirata dal libro di Moccia, “Tre metri sopra il cielo”, con la quale si suggeriva agli innamorati di suggellare il loro amore con un lucchetto fissato ad un ponte, in segno dell’eternità del loro sentimento.

All’inizio del vialetto, spesso percorso da biciclette per facilitare gli spostamenti tra le spiagge ed il corpo centrale del resort, uno spazio quasi obbligato, destinato all’albero d’incenso, vero e proprio simbolo dell’Oman.

“finalmente” i gabbiani…
(clicca per ingrandire)

è il 13 marzo, ultimo giorno di vacanza per Valentina e Corrado, che torneranno in Italia un giorno prima rispetto a noi.
Li accompagniamo nella loro ultima passeggiata sulla spiaggia, con una divagazione lungo il promontorio che separa le due grandi spiagge.

Ci incamminiamo verso il punto più panoramico, sull’oceano aperto…

ed ecco che, improvvisamente, quasi cogliendo l’ormai imminente fine anche della nostra vacanza, uno stormo di gabbiani si indirizza, festante, sul promontorio che stiamo percorrendo, proprio in direzione di Susanna, quasi a volerla salutare e farsi perdonare la “buca” dei giorni scorsi…

Susanna è l’immagine della felicità, scatta foto a raffica con il suo smartphone (che poi toccherà a me selezionare…) e pure io non posso resistere alla tentazione di immortalare questo magico momento…

a dire il vero Susanna, per incentivare la presenza dei gabbiani, si era portata un po’ di pane…
ma è un segreto che non si può rivelare, toglierebbe molto fascino al racconto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.