Oman, il tramonto nel deserto Rub’ Al Khali

Oman, il tramonto nel deserto Rub’ Al Khali

  

Il deserto del Rub’ Al Khali, il “Quarto vuoto”… 
galleria fotografica e video della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che le precedono

(clicca per ingrandire)

11 marzo 2019, nella nostra vacanza in Oman è giunto il giorno dell’escursione tanto attesa: il tramonto sulle dune del deserto Rub’ Al Khali ed il pernottamento in tenda beduina.
Prima tappa “la via dell’incenso”, poi il sito archeologico di Ubar (la “Atlantide del deserto”) e la “divagazione” con la visita ad un allevamento di cammelli da latte.
Poi…  

…finalmente il deserto del Rub‘ Al Khali, il “Quarto vuoto”…
(clicca per ingrandire)

l’ultima tappa è la più attesa, e non solo per questo la più emozionante…

il paesaggio diventa sempre più desertico, solo qualche cammello di tanto in tanto…
si lascia la strada principale e prima di addentrarsi nel cuore dell’oceano di sabbia, Mohamed ed i suoi colleghi provvedono a sgonfiare le gomme delle loro potentissime Toyota.
Capiremo subito il motivo…

l’escursione si trasforma in qualcosa di simile ad un gigantesco, divertentissimo luna park, con le Toyota a sfrecciare su e giù per le dune…

con le gomme “piene” ci sarebbe il rischio di rimbalzare troppo e pure ribaltarsi, nonostante la grande perizia degli autisti, che si sfidano di continuo pur nel rispetto dell’ordine rigoroso dettato dalla numerazione delle vetture…
con il passare dei minuti ci si trova “circondati” da dune, senza altri punti di riferimento…  
ci appare chiaro il motivo per il quale questo deserto sia soprannominato “Il Quarto vuoto”…

Allah divise l’universo in quattro spazi: cielo, terra e mare.
Il quarto spazio rimase vuoto: era il deserto di Rub‘ Al Khali, con un’estensione di 650.000 km2, secondo solo al Sahara, privo di piante e di animali, disabitato ed ancora oggi in gran parte inesplorato, anche se pare che fino a circa 1700 anni fa zone, oggi assolutamente impercorribili, fossero praticate dalle carovane che trasportavano incenso…
Non ci si addentra molto (anche i beduini se ne guardano bene), ma è più che sufficiente per farci ammirare qualcosa di incredibilmente magico.

Scendiamo ai piedi di una duna alta circa 150 metri, veniamo invitati a toglierci le calzature.
Mai suggerimento fu più azzeccato: la percezione, camminando a piedi scalzi su questa soffice sabbia, è analoga alla morbidezza che si prova accarezzando un tessuto di prezioso cachemire…
sembra quasi impossibile: la solidità di queste gigantesche dune abbinata alla morbidezza di una sabbia microfine che non si appiccica, scivola sulla pelle senza lasciare traccia…

le dune, a perdita d’occhio sotto di noi e tutt’attorno, ci fanno sentire in cima ad un magico mondo, che invita ad osservare con stupore…

ci metto un po’ prima di mettere in azione la fotocamera, voglio gustarmi appieno il particolare sapore di questi momenti, c’è quasi il timore che anche lo scatto dell’otturatore possa rovinare l’incantesimo…

il progredire del calar del sole ci regala contrasti e cromaticità che variano di continuo, sensazioni che difficilmente le immagini potranno restituire appieno…

come il giorno precedente, sulla catena montuosa del Jabal Samhan, un’improvvisa leggera foschia all’orizzonte sembra volerci negare l’auspicato “tramonto da cartolina” ma, come da copione (verrebbe da dire come da contratto…) ecco che il sole fa capolino, regalandoci nuove cromaticità e, soprattutto, la palla rosata all’orizzonte da immortalare a futura memoria…  

fatalmente sono momenti caratterizzati da un generale, crescente fermento…
saggiamente Aladdin ci chiede di ripristinare per qualche minuto un assoluto, rispettoso silenzio…
un “sacrificio” che viene ripagato da un nuovo, incantevole momento di rara bellezza…

la temperatura scende abbastanza rapidamente, veniamo accompagnati all’accampamento beduino presso il quale trascorreremo la notte.

 

 

 

 

 

 

 
 

C’è una grande “tenda ristorante”, nella quale tutti insieme condivideremo la cena (nel menu anche un assaggio di gustosa carne di cammello) e ci sono diverse tende biposto per il pernottamento (con due ottimi materassi, coperte, lenzuola).

Io e Susanna scegliamo la numero 23 (il numero di maglia di Michael Jordan e Le Bron James…) che però risulta già “prenotata” da una simpatica signora bresciana.
Ci assegnano la tenda 31, per la felicità di Susanna cui non sfugge, immediatamente, il “richiamo” al nostro 31^ anniversario di matrimonio, festeggiato pochi giorni prima dell’inizio della vacanza…

Un segno del destino, visto che la signora bresciana sarà costretta ad abbandonare immediatamente, senza rimpiazzo, la tenda numero 23, già “occupata” da un innocuo topolino…il che mi porterà immediatamente a chiamarla “Minnie”, nomignolo che le resterà appiccicato per il resto della vacanza…

nel dopo cena Aladdin raduna tutti in cerchio in uno spazio attrezzato all’aperto…

le stelle in assenza di inquinamento luminoso appaiono molto più luminose e più vicine…

ogni tanto ne cade una, anche se la notte di S.Lorenzo è molto lontana…chissà, forse l’equivalente omanita di S.Lorenzo si festeggia proprio oggi…

i narghilè, le piacevoli tazze di tè, il fuoco acceso al centro, il canto dei cuochi originari del Bangladesh… 

la perfetta, magica cornice per i racconti di Aladdin che, in un’atmosfera che ci proietta “dentro” le favole da Mille e una notte, ci erudisce sui motivi che hanno consentito la rapida, incredibile crescita dell’Oman, fino a pochi lustri fa un paese praticamente fallito…

apprendiamo così, tra una citazione favolistica e l’altra, che la crescita dell’Oman è dovuta alla lungimiranza del Sultano Qaboos Bin Said, ora 78enne, asceso al potere nel 1970 detronizzando il papà, uomo mite ma limitato dalla difesa delle tradizioni feudali.
Qaboos aveva studiato in Inghilterra, in un collegio militare in cui aveva potuto familiarizzare con lo stile di vita occidentale, gusti musicali compresi.
Al ritorno si era trovato proiettato in un mondo in cui non si riconosceva più, un paese senza radio, senza televisione, senza giornali, senza scuole. Inesistenti le strade (papà Said si muoveva ancora esclusivamente su cammello, risiedeva stabilmente nella dorata dimora di Salalah ed alla sera chiudeva i portoni di accesso alla città).
Realizzato il colpo di stato senza spargimenti di sangue puntò immediatamente su due pilastri per colmare il gap secolare: le infrastrutture e l’istruzione.

Vennero realizzate importanti opere (strade, aeroporti) che consentissero una migliore comunicazione sia all’interno che verso il mondo esterno, vennero realizzate adeguate strutture sanitarie e, soprattutto, venne varato un importante piano scolastico.
4 anni di scuola materna nel corso dei quali ai bambini viene insegnata la lingua inglese; nel percorso che equivale alla nostra scuola elementare viene insegnata un’altra lingua; i ragazzi con predisposizione allo studio universitario vengono accompagnati e sostenuti nel loro percorso, ed una volta laureati vengono assunti nelle strutture pubbliche.
Le donne fruiscono di privilegi assolutamente impensabili nei vicini paesi della penisola arabica: molte donne frequentano l’università, ricoprono ruoli anche importanti negli organigrammi di grandi aziende, possono trattenere il loro reddito (e la dote, obbligatoria in caso di matrimonio) per se stesse ed è anche prevista la possibilità, per quanto non propriamente praticata, che chiedano il divorzio.

L’abbigliamento, sia maschile che femminile, deve invece essere segno di rispetto per le tradizioni locali, un sentimento che ha portato il Sultano Qaboos a difendere le tradizioni beduine, un mondo ancora legato a rituali del passato.

In un territorio occupato solo per il 18% dai circa 4 milioni di abitanti, ai maschi, al compimento dei 18 anni viene regalato un terreno di 600mq, sui quali poter costruire la casa, elemento imprescindibile per poter chiedere la mano di una donna, cui dovrà essere destinata anche una consistente dote.
In caso di difficoltà economiche per la costruzione della casa lo Stato contribuisce con un finanziamento a bassissimo tasso d’interesse (circa il 2%) e spesso, nei casi di maggiore difficoltà, interviene anche a sostenere l’estinzione del mutuo.

In questa parte del racconto Aladdin ha raccontato in modo spassoso l’ossessione con la quale sua mamma lo invogliava a cercar moglie, un’ossessione comune ed espressa in modo colorito da tutte le mamme omanite…

ed in modo altrettanto spassoso ci ha illustrato gli “incidenti di percorso” che ha dovuto affrontare e superare prima di arrivare a chiedere la mano della donna che ora è sua moglie…

la nostra giornata da “mille e una notte” si chiude con il tappeto di stelle che ci accompagna alla tenda 31…
le coperte (la mia con sgargianti fumetti Disney) sono benedette…

Susanna, previdente come sempre, si era portata un paio di berretti che ci hanno consentito di affrontare al meglio alcuni spifferi che ci hanno fatto toccare con mano il significato dell’espressione “escursione termica”…

al risveglio (alle 6) ci precipitiamo a vedere l’alba, ma verso l’orizzonte c’è parecchia foschia…

mi piace pensare che una sapiente regia abbia voluto evitare che le emozioni vissute con il magico tramonto sulle dune potessero essere “inquinate” da altre emozioni, e potessero quindi restare impresse dentro di noi come un patrimonio emotivo da conservare il più a lungo possibile…   

 
 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.