Oman, le spiagge del Fanar di Salalah

Oman, le spiagge del Fanar di Salalah

 

Le sconfinate spiagge del Fanar resort di Salalah… 
galleria fotografica della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che la precede

(clicca per ingrandire)
le sconfinate spiagge del Fanar
(clicca per ingrandire)

il Fanar consente di scegliere anche la tipologia di spiaggia: due opzioni su mare “tranquillo”, grazie alla modulazione data da due moli (uno affacciato su uno spazio in cui è possibile, al tramonto, osservare alcuni delfini) e la gigantesca spiaggia che si affaccia sul mare oceanico, caratterizzato dalle onde lunghe (tipo quelle apprezzate dai surfisti) che con la loro “vivacità” rendono il bagno molto divertente.
Ed è stata la nostra costante opzione.
Per i più pigri c’è l’opzione rappresentata da diverse piscine, con spazi idromassaggio; una è anche dotata di canestro, ed io e Susanna non ci faremo sfuggire l’occasione…

La spiaggia oceanica è immensa…si sviluppa per oltre un chilometro al termine del quale, superato un piccolo promontorio, inizia un’altra spiaggia molto più grande, che si sviluppa a perdita d’occhio…

E’ lì che decidiamo di avventurarci il primo giorno.
Vorrei portarmi la macchina fotografica ma vengo dissuaso da Susanna,  abbiamo tanti giorni davanti a noi…
Se ne pentirà…

Superato il promontorio incrociamo immediatamente un enorme stormo di gabbiani… più avanti un altro, altrettanto numeroso…
Non c’è in giro altra anima viva, solo noi ed i gabbiani…

Per Susanna sarebbe stata una ghiotta occasione per immortalare la specie per la quale nutre una singolare passione…

Si penserà: vabbè, basta tornare con la fotocamera…

Facile a dirsi…siamo tornati, ma dei gabbiani in gruppo manco l’ombra, manco si fossero passati parola per farle un dispetto…
(a fine vacanza saranno loro, sul promontorio a cavallo tra le due grandi spiagge, a venire a trovare Susanna, in gran numero, quasi volessero farsi perdonare…)

su questa spiaggia, ad est de resort, il primo giorno abbiamo camminato per un’ora e mezza (andata/ritorno), senza riuscire a vederne la fine…

abbiamo incontrato solo una decina di persone all’andata, nessuno al ritorno…
un’immensa distesa di sabbia, per ora incontaminata…
(il centro abitato più vicino, Salalah, dista una ventina di km)…

il corpo accarezzato da una leggera, piacevolissima brezza, perfetta per lenire il calore dei raggi del sole…

il silenzio rotto solo dalla soffusa colonna sonora offerta dalle onde oceaniche, le classiche onde lunghe che piacciono molto ai surfisti, con le quali ogni giorno ci divertiremo a “giocare”…

…abbiamo avuto la percezione di essere al centro di un lembo di natura immutata nel tempo, identica a quella che si presentò la prima volta agli antenati degli attuali abitanti dell’Oman…

non so se sia proprio così, ma mi piace pensarlo…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.