Oman, tramonti e selfie dal Fanar di Salalah

Oman, tramonti e selfie dal Fanar di Salalah

 

Le piacevoli “sorprese” del Fanar resort di Salalah… 
galleria fotografica e video della pagina web
“Oman, una vacanza tra il profumo d’incenso e la magia del deserto”
dalla quale è tratto il commento che le precedono

(clicca per ingrandire)

 

 

Il volo, l’arrivo in Oman, il Fanar Resort di Salalah
Susanna, Nina, Carlo, Antonio
(clicca per ingrandire)

partiamo la sera del 4 marzo; il volo con Oman Air è assolutamente tranquillo, l’assistenza è accurata, sopra la media; variegata scelta di film anche in lingua italiana (ho scelto “A casa tutti bene”) e, dopo il rapido scalo a Muscat, arriviamo puntualissimi a Salalah, la più importante città del Dhofar, regione nel Sud del Sultanato dell’Oman…

Aeroporto modernissimo, quasi “spaziale”, e, come nel caso dell’aeroporto di Muscat, ci colpisce la pulizia quasi “esagerata”, una percezione che ci accompagnerà durante tutta la vacanza.

In meno di mezzora la navetta ci porta al Fanar Resort, e qui ci attendono altre piacevoli sorprese.
A riceverci troviamo Nina, la dolcissima (ed efficiente) componente dello staff Eden Viaggi che avevamo già conosciuto (ed apprezzato) lo scorso anno ad Antigua, braccio destro del capo staff Stefania Villanova.
Quest’ultima, con la quale siamo in frequente contatto whatsapp, ci aveva indicato come suo omologo al Fanar il simpatico (e molto zelante) Antonio, ma, per regalarci una sorpresa, non aveva fatto cenno alla presenza di Nina.

I primi giorni li dedichiamo sia a conoscere la struttura, per poterci orientare al meglio, che a gustare il mare, il relax ed il caldo sole…

La struttura del Fanar è semplicemente fantastica; piacevolmente (senza sconfinare nella “soggezione”) sontuosa ed elegante, ed in grado di soddisfare tutte le esigenze.
E’ inserita in un megacomplesso, l’Hawana Salalah, che comprende 8 diversi tour operators, centralmente costituito da un’elegante marina sulla quale si affacciano diversi negozi e ristoranti.

La nostra camera è molto più accogliente di quanto osassimo pensare, molto spaziosa, con un “angolo salotto” ed un balcone attrezzato.
Non li sfrutteremo granché, ma è indiscutibilmente più piacevole, dopo diverse ore di sole e mare, “rimettersi in sesto” prima della cena in uno spazio accogliente…

Per rendere giustizia, sul piano fotografico, alla qualità della struttura, sarebbe stato necessario disporre di un drone, con riprese dall’alto…
in assenza di drone mi “limito” al link di un video promozionale, assolutamente fedele a quanto abbiamo potuto verificare nel corso della vacanza.

Di ottimo livello la cucina, in tutti i ristoranti (ben 6) messi a disposizione dal Fanar: dal Breakers, direttamente sulla spiaggia, all’Aubergine, con i tavoli disseminati su un curatissimo spazio verde; dall’Al Souk, il ristorante “centrale”, al  tranquillo Sindbad, ulteriormente impreziosito la sera dalla piacevole musica internazionale del piano bar; dall’Al Manara all’As Sammak, presso il Juweira, affacciato sulla stupenda marina.
Ogni giorno è possibile prenotare una diversa cena etnica: ne abbiamo approfittato per assaporare, in diverse sere, menu francesi, messicani, pakistani, turchi; l’ultima sera (quella del mio compleanno) ci è sembrato giusto optare per la cena omanita.
Difficile fare una classifica, siamo sempre rimasti piacevolmente sorpresi dalla qualità delle proposte, compresa la cucina internazionale ogni giorno “arricchita” da nuove proposte.

La terrazza dell’Horizon
(clicca per ingrandire)

Accanto all’ingresso principale del Fanar, sulla destra, c’è l’ingresso dell’Horizon, uno dei tanti bar a disposizione degli ospiti.
La sua particolarità?

E’ al quinto piano, il più alto, ed è in buona sostanza una terrazza panoramica dalla quale, sorseggiando un drink, si può gustare, prima di cena,  la piacevole luce del tramonto oppure, dopo cena, gustarsi un long drink osservando dall’alto le luci e l’animazione della bellissima Marina.

 

 

“mi ritrovo a Zanzibar, tutto solo dentro un bar”…
così canta l’amico Frank Maiello nella sua divertente (ed orecchiabilissima) “Good vibrations”…

quando abbiamo visto, la mattina del 9 marzo 2019, ancora vuoto lo “Zanzibar”, uno dei tanti bar disseminati all’interno del Fanar Resort di Salalah…

io e Susanna non abbiamo resistito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.