Mauro Culotta nell’Olimpo dell’Italian Songbook di Mina

Mauro Culotta nell’Olimpo dell’Italian Songbook di Mina

 

 

 

un’altra perla nella carriera di Mauro Culotta

 

 

27 novembre 2020, esce il nuovo doppio album dell’intramontabile Mina, l’atteso “Italian songbook”.
Sono i primi due capitoli di un progetto composto da sei antologie, frutto del “censimento” fatto dall’artista tra oltre 1400 canzoni in 100 album.

In “Cassiopea” ed “Orione”(che insieme vanno a formare “Italian Songbook”) sono equamente distribuiti 30 brani (tra i quali due inediti)…
da “La lontananza” a “Caruso”, passando attraverso “La canzone del sole”, “I migliori anni della nostra vita”, “Parlami d’amore Mariù” ed altri ancora…

La traccia n^11 di “Cassiopea” è “Con te sarà diverso”, brano con testo di Fabrizio Berlincioni e musica di Mauro Culotta, carissimo amico (e persona splendida), ex chitarrista dei Gens, gruppo con il quale nel 1972 con il brano “Per chi” vinse il Cantagiro.

 

Le tracce di “Italian Songbook”
(clicca per ingrandire)

 

E’ un brano che Mina pubblicò nel 1997 nell’album “Leggera”, e sono ben otto (ad oggi) i brani di Mauro Culotta interpretati e pubblicati da Mina (sei di questi con testo di Fabrizio Berlincioni), oltre ad un nono brano interpretato da Mina in duetto con Monica Naranjo e mai pubblicato in Italia…

Mauro, nella sua carriera, ha avuto anche il privilegio di veder pubblicati suoi brani anche da Ivano Fossati (1973, “La realtà e il resto”, album “Il grande mare che avremmo attraversato”) e da Ornella Vanoni (1978, “Mentre vivo senza te”, album “Vanoni”)…

ha accompagnato artisti come gli stessi Ivano Fossati ed Ornella Vanoni, ed anche Eugenio Finardi, Eros Ramazzotti, Loredana Bertè, Mia Martini, Ornella Vanoni…

ma credo che il suo maggiore motivo di orgoglio (più che giustificato) stia proprio nel gran numero di brani incisi dall’immortale “tigre di Cremona”, un privilegio che ben pochi possono vantare…

cui si aggiunge ora questa preziosissima perla…

a fine lockdown, ci ritroveremo un giorno dall’amico Mario Rollandini, da “PizzaPoint”, come ci è capitato di fare, spesso, in era pre Covid…

un gruppo di amici (tra i quali, oltre a Mauro,altri ottimi musicisti), una pizza in compagnia, poi dalle custodie escono chitarre, qualche percussione, microfoni…
Mario attiva tastiera ed impianto di amplificazione…

ed insieme ci si fa travolgere dalla piacevole compagnia della buona musica…

quel giorno festeggeremo sicuramente il ritorno alla normalità…

Mauro Culotta
(clicca per ingrandire)

 

sicuramente non mancheremo di festeggiare il nostro amico Mauro, e la difficoltà maggiore sarà quella di vincere la sua naturale ritrosia…

perché Mauro, come ho già avuto modo di scrivere in passato, è persona di grande umiltà…

altri, nei suoi panni, “se la tirerebbero” non poco… 

lui no, è un ottimo musicista che ha saputo conservare un mix di gioia fanciullesca e signorile umiltà…

anche quando la grandissima Mina sceglie un suo brano per l’Olimpo del primo Italian Songbook…

 

 

 

 

ps: oggi sul quotidiano genovese “Il Secolo XIX” è stata dedicata un’intera pagina all’uscita di “Italian songbook”, con citazione di molti dei brani inseriti nei due album ed una “curiosa” dimenticanza
stranamente proprio quella del “genovese” Mauro Culotta…

 

 

 

 

 

 

mi piace immaginare Mauro Culotta così, 
nel cuore di Mina…

 

(clicca per ingrandire)

 

 

articoli correlati:

(clicca per visualizzare l’articolo)
21 dicembre 2018

“gioia fanciullesca” e signorile umiltà…il mio “chapeau” a Mauro Culotta…

(clicca per visualizzare l’articolo)
23 aprile 2019

Mauro Culotta ed Anna Maria Mazzini (in arte Mina)

(clicca per visualizzare l’articolo)
2 dicembre 2019

La bandana blu di Mauro Culotta, leggende e misteri senza età…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.