La bandana blu di Mauro Culotta, leggende e misteri senza età…

La bandana blu di Mauro Culotta, leggende e misteri senza età…

 

 


quanti anni ha Mauro Culotta?…
che significato hanno le sue inseparabili chitarra e bandana blu?
la risposta, come spesso accade, è nelle scritture…

 

Mauro Culotta oltre ad essere un carissimo amico, è un grande artista.

Eccellente chitarrista, ha fatto parte del gruppo “Gens” con i quali, nel 1972, ha vinto il Cantagiro con il brano “Per chi”, cover di “Without you” di Harry Nilsson.

Mauro oltre ad aver accompagnato, con la sua chitarra, moltissimi grandi artisti come Eros Ramazzotti, Mia Martini, Loredana Bertè, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, ed ha avuto il privilegio di vedere incisi suoi brani da grandissimi come Ornella Vanoni, Ivano Fossati e, soprattutto, Mina.

Uno dei suoi segni caratteristici è un’inseparabile bandana blu, spesso oggetto di divertissement tra amici nelle diverse occasioni in cui si trascorre una piacevole serata in sua compagnia…

Questo “videocazzeggio” vuole essere un simpatico, demenziale omaggio ad un artista che ho il privilegio di poter annoverare nella cerchia dei miei amici.

 

 

 

Ogni giorno ci poniamo mille domande sul creato,
da quelle più banali a quelle più complicate,
che spesso trovano risposte solo nella fede…

Alcune delle domande più frequenti, per chi lo conosce, sono queste…
Mauro Culotta…
quanti anni ha???
sembra sempre e da sempre uguale…

e poi…
perché, sempre, la chitarra e la bandana blu???

La risposta, come spesso accade, è nelle scritture…

e come per i Vangeli ufficiali, che sono stati spesso integrati o confutati da quelli apocrifi, esistono anche versioni apocrife, magari ammantate di leggenda, che ci rivelano la genesi della chitarra, della bandana blu, e di Mauro Culotta…

Bisogna risalire non al Nuovo Testamento, non al Vecchio Testamento
ma addirittura al quasi sconosciuto Antichissimo Testamento…

Ne sono state trovate testimonianze in Sicilia…

Lì viveva una popolazione molto dedita al canto, non aveva un nome particolare, per tutti era “la gente”, o “gens”, come si diceva allora…

un antichissimo documento ci rivela un segreto…

Dio, ogniqualvolta decidesse di arricchire il suo creato con qualcosa di nuovo, lo voleva contraddistinguere con qualcosa di simbolico, che lo identificasse in eterno…
quel giorno Dio aveva tra le mani qualcosa di nuovo…
uno strumento con sei corde, una cassa di legno, un plettro…

aveva anche già il nuovo simbolo, “il segno divino”, che l’avrebbe contraddistinto in eterno…

una bandana blu…

ma…a chi affidare tutto questo?

Dio posò lo sguardo su quel villaggio, quello popolato da quella “gens” predisposta per il canto e per la musica…
era piena estate…
un bambino aveva giocato all’aperto tutto il pomeriggio, sotto il cocente sole siciliano, rischiando un’insolazione…

Dio, che non a caso è Dio, vede e provvede…

quello che accadde quel giorno è documentato nel libro della Genesi dell’Antichissimo Testamento, ritrovato nel 1972 a.C., e riassunto nel testo di un canto popolare, che si è tramandato poi di gens in gens, con la rivelazione di tutti questi misteri…

(testo del brano)

Quel bel dì per il suo creato
il buon Dio che si è inventato?
Lo strumento, proprio quello che sai tu…

sei corde, una cassa in legno
il plettro e poi…
chi la suona?
già, ma chi?

A chi
potrei donare il mio segno?

A chi
la bandana blu?…

A chi
se non a Mauro Culotta?

A chi
se non proprio a lui?…

ed è così che le Sacre Scritture dell’Antichissimo Testamento ci danno le risposte che cercavamo, rivelandoci che Mauro Culotta non ha un’età, esiste da sempre, e che l’inseparabile bandana blu non è un banale copricapo…
è “il segno divino” che contraddistingue quello strumento…
che non a caso lui…
“suona da Dio”…

 

La bandana blu di Mauro Culotta leggende e misteri senza età…
videocazzeggio di Carlo Besana

sottofondo musicale
Without you
sax instrumental by Freddy Just

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.