40.000, 30.000, 20.000…senza polemica, giusto per capire…

40.000, 30.000, 20.000…senza polemica, giusto per capire…


40.000, 30.000, 20.000…???…

la domanda da porsi è un’altra…
senza polemica, solo per capire…

Ieri su Fb ho partecipato attivamente alla discussione promossa dai post pubblicati da Monica Di Carlo ed Emanuela Pericu, relativa alla “domanda del giorno”:
“possibile che fossero presenti 40mila persone in piazza De Ferrari la sera del 31 dicembre?”.

Ho fornito alcune informazioni provenienti da fonti “neutre”, che si basano su valutazioni certificate e, sì, in base a questi calcoli, visto che la piazza ha una superficie di 11mila mq è ragionevolmente possibile che ci possano stare almeno 35mila persone.

Il fatto che sia ragionevolmente possibile non sta a significare che ci fossero veramente così tante persone; occorrerebbero foto dall’alto, che possano evidenziare quanti e quali spazi fossero liberi e non stipati, e così via.

Ora, parto da un postulato: il Comune dice 40mila?
Ok, erano 40mila.

A questo punto però la domanda che mi sorge spontanea è un’altra: la normativa (o circolare) Gabrielli, dopo i tragici fatti di Torino, ha stabilito che negli eventi di piazza non sia possibile autorizzare una densità superiore a 2 persone/mq.

Quanto dichiarato dal Comune indica una densità molto superiore, pari a 3,63 persone/mq, quasi il doppio del consentito.

Ho cercato sul web anche le modifiche alla prima stesura della normativa, non ho trovato (ma forse non ho cercato con attenzione) alcuna modifica che consentisse di superare quel limite.

Anzi, le linee guida sono molto chiare:

• capienza dell’area: viene calcolata tendo come massima densità di affollamento quella di 2 persone ogni m2 di area della manifestazione, verificando inoltre che la capacità di deflusso sia pari a 250 persone a modulo….
…per quanto riguarda gli ingressi, questi devono essere presidiati e devono essere contate le persone che entrano nell’area;

• suddivisione in settori: richiesta, ai fini di safety, nel caso di affollamento superiore a 10000 persone. Fino a 20000 persone si deve prevedere la suddivisione in almeno due settori, oltre 20000 persone dovranno essere almeno tre, realizzati secondo precisi requisiti, esplicitati nello schema esemplificativo allegato…

La questione, comunque la si guardi, è etica:

(1) sono state sparate cifre ad minchiam?
beh, se è così bisognerebbe un pochino vergognarsi…

(2) le cifre sono giuste, e quindi dichiari di aver infranto, e non di poco, una normativa che imponi a tutti i tuoi cittadini?…
anche in questo caso un po’ di imbarazzo (giusto per usare un eufemismo…) sarebbe doveroso…

delle due l’una…

mi piacciono le piazze piene, sia quando la gente le occupa per esprimere una posizione che quando la gente partecipa ad un momento di festa.
Le vorrei sempre piene.

Però con tutto il rispetto sia dell’altrui intelligenza che con il rispetto delle norme che a me ed a tutti gli altri vengono imposte.

Quindi, in buona sostanza…

le domande da porsi non sono sulla veridicità o meno dei numeri dichiarati dalla Pubblica Amministrazione, ma se sono state rispettate le normative che per ogni altro evento organizzato da soggetti privati vengono dichiarate, dalla stessa Amministrazione Pubblica, come insuperabili…

Senza polemica, solo per capire…

foto da primocanale.it
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.