Siamo in centro, mica al Cep

Siamo in centro, mica al Cep

 

4 marzo 2014

Oggi “Il Secolo XIX” ha pubblicato questo articolo di Elisabetta Pagani

CANCELLO ANTI DEGRADO IN CENTRO
Si salvi chi può. E chi non può si protegga.
Galleria Martino Errico, quella dei tre tunnel che da via XII Ottobre sbucano in piazza Corvetto, da ieri è recintata.
Passaggio libero durante il giorno, interdetto la notte. Gli operai sono arrivati in mattinata, e all’ora di pranzo sono comparsi due cancelli in ferro zincato a sigillare i primi due tunnel (il terzo già da qualche anno viene chiuso la notte).
«Guardi per terra le macchie – indica Carlo Gallino, l’amministratore dell’unico condominio – non vanno via nemmeno a lavarle. Questa è diventata una latrina. Senzatetto che ci dormono, ubriachi usciti dalla discoteca che vomitano o fanno pipì…». «Siamo in centro mica al Cep, un minimo di decoro! – si sfoga un inquilino – ora speriamo migliori».
La decisione, partita dai residenti, non ha però messo tutti d’accordo.
Alcuni abitanti, così come alcuni commercianti, si sono opposti: «I negozi già chiudono uno dopo l’altro, così moriamo definitivamente».
Ma poi l’assemblea ha votato sì a maggioranza.
I cancelli sono stati montati ieri ma il “sistema” entrerà in funzione «fra 4-5 giorni» prevede Gallino.
Gli orari sono ancora motivo di dibattito – anche se «probabilmente chiuderemo dalle 20 alle 7», così come i giorni di apertura, perché alcuni commercianti hanno chiesto di tenere aperto la domenica.

Questo il mio commento sul sito del quotidiano:

il commento dell’inquilino è la dimostrazione che il degrado più evidente è quello che sta nella mente delle persone.
Questo “signore” probabilmente non è mai stato al Cep, quartiere di certo urbanisticamente non elegante ma nel quale nessuno ravvisa la necessità di proteggere gli ingressi con cancelli di ferro…
Auguro a questo “signore” che i tre tunnel di piazza Corvetto possano migliorare…
ma, soprattutto, che possa, lui, uscire dal tunnel del volgare pregiudizio in cui è immerso…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.