Io, il Milan, Balotelli…

Io, il Milan, Balotelli…

 

12 marzo 2014

(clicca per ingrandire)

Premessa: sono un tifoso del Milan e, pur consapevole, ho assistito alla partita di ieri sera con un po’ di speranza…
Premessa 2: ricordo ancora le due retrocessioni in B, San Siro stracolmo (58mila abbonati) contro la Cavese ecc ecc, quindi non mi impressionano le “annate no”, nello sport prima o poi arrivano…

Oggi però mi ha infastidito, in una serie di commenti qua e là, la ricerca del capro espiatorio più comodo mediaticamente, cioè Balotelli..

Quindi, premessa 3: non credo che Balotelli sarà mai un campione del livello di un Ibrahimovic o similari, non mi piacciono gran parte dei suoi atteggiamenti in campo, però ritengo sia comunque un ottimo giocatore, e, aldilà della pessima prestazione di ieri sera, uno dei pochi da “salvare” in questo anno sciagurato.
Prendiamo la formazione di ieri sera:
Abbiati (no comment, è il portiere che ci regalò lo scudetto nel 1999 con una gran parata su Bucchi a Perugia, ma sono appunti trascorsi 15 anni… e dietro di lui ci sono gli angoscianti Gabriel ed Amelia…
Abate: possibile che De Sciglio sia così fuori forma da giustificare ancora l’utilizzo di questo giocatore inutile? Dicono: è veloce e fa i cross. Certo, ma i cross, per diventare un valore, devono servire a qualcosa, e di Abate non ne ricordo uno (non ieri sera ma da sempre) che possa essere definito “pericoloso”..
Emanuelson: vedi Abate. Con altri due similari si fa una buona staffetta 4×100… cioè con il calcio non c’entrano nulla
Bonera: quando è in campo lui penso “meno male, questo almeno è una garanzia”. E’ anche la triste consapevolezza di una difesa che, se lui è il meglio, siamo messi male (alternative Mexes, uno così sopravvalutato che non l’ha voluto nessuno manco a gennaio), Silvestre, scarto del Catania, e Zapata che di buono ha solo il cognome…)
Rami: è il diminutivo di “Grami”, termine che in genovese indica in modo inequivocabile le scarse qualità
Essien: è sufficiente riguardare l’errore sulla sinistra dopo 100 secondi (primo gol) ed un altro disimpegno scellerato che ha dato il via al secondo gol (sempre degli altri) per capire che è un ex giocatore. Altrimenti l’avrebbero lasciato andar via gratis???
De Jong: la sua azione tipo è: ricevo la palla, di norma un paio di metri prima di metà campo, la stoppo, l’accarezzo con la suola spostandola di lato e la passo al compagno più vicino (se è oltre 10 metri il passaggio si trasforma in un possesso degli avversari). Quando arrivò (gratis…) al Milan Galliani disse “ora il Milan è da scudetto”… da ricovero (Galliani, ma anche De Jong…)
Taarabt: più adatto (con quel cognome) a fare la seconda riga dall’oculista che a giocare a calcio. Nel Milan poi …
Kakà e Poli: tra i pochi da salvare nel disastro di ieri sera, anche se sono (da sempre) convinto che il ruolo (non definito e non definibile) di Kakà sia tale da rendere difficile la vita ad una punta vera che giochi accanto a lui. Nel periodo d’oro, quando era devastante e segnava parecchio, il problema era meno evidente. Con tutto questo, comunque, giù il cappello…
Finita questa lunga dissertazione la domanda è: con questa accozzaglia di impresentabili e pur con tutti i suoi limiti, possibile che il responsabile sia Balotelli?
Mettetegli alle spalle il miglior Pirlo, Seedorf del 2007, proteggete il centrocampo con Gattuso e Kaladze, sistemate la difesa con Thiago Silva (o Nesta) e Maldini, ed anche Balotelli farà valanghe di gol come li faceva Shevchenko, il Pato dei tempi migliori e così via.
In buona sostanza: la squadra attuale è impresentabile sia in campionato (infatti è meritatamente 11^) che in Champions (infatti è fuori in modo anche poco dignitoso) perché, semplicemente, è “scarsa”…
è il prodotto di anni in cui la proprietà ha pensato più a vendere che ad acquistare campioni, accontentandosi di “parametri zero” ( che sono tali probabilmente per un motivo preciso…), e che vengono ingaggiati con cifre assurde che li rendono poi “incedibili”, nel senso che non li vuole nessuno (tipo Mexes, Robinho ecc).
Infine due parole sull’allenatore: Seedorf, che sta facendo (e non per colpa sua) peggio di Allegri in quanto a risultati, gode buon per lui di “buona stampa”, ma deve ancora dimostrare (a se stesso prima ed a tifosi e società poi) di poter diventare (se mai lo sarà) un allenatore all’altezza della qualità del giocatore eccellente che fu.
Allegri ha vinto uno scudetto il primo anno, il secondo anno se fosse stato “visto” il gol di Muntari avrebbe probabilmente fatto la doppietta…
certo che se poi vendono i migliori, gli danno gli scarti degli altri, non vendono un Pato distrutto alle cifre assurde cui sarebbe stato venduto, e di conseguenza non prendono Tevez (cuore rossonero diceva Galliani…), e così via…
Ma risorgeremo, come sempre…
d’altro canto son passati solo 7 anni dall’ultima Champions vinta…
c’è chi ha aspettato 47 anni, altri che la inseguono inutilmente…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.