Il pesce puzza sempre dalla testa…e la sardina, purtroppo, è un pesce…

Il pesce puzza sempre dalla testa…e la sardina, purtroppo, è un pesce…

 


girotondi, popolo viola, sardine…e poi?

Credo che il successo della piazza di Bologna (la cosiddetta “piazza delle sardine”) con l’iniziativa partita da quattro giovani stia proprio in quello che è parso ai più: un’iniziativa spontanea, direi quasi “geniale” nell’individuare la sardina come simbolo, e nella capacità (consapevole o meno) di tradurre in modo originale un “sentire comune” di molta gente.

La capacità di amplificazione dei social è ormai un dato di fatto, e l’effetto mediatico è stato dirompente.

Immediatamente l’evento è stato etichettato come un auspicato risveglio dal torpore del “popolo della sinistra”, una sinistra in realtà esterrefatta di fronte ad una piazza piena di gente, ricordo sbiadito dei tempi in cui “muoveva le masse”…

ed ecco che dopo una serie di sbadigli (quando si dorme a lungo i tempi del risveglio sono più lenti) eccoli lì, i dormienti, a “cavalcare l’onda”, a promuovere (magari in modo discreto, attraverso la diffusa condivisione social) la partecipazione alla “clonazione” della piazza delle sardine in altre città…

“venghino venghino, signore e signori…sulle piazze la gente è con noi, il popolo della sinistra fa sentire la sua voce”

come se il “popolo delle sardine” non potesse essere composto da un mondo molto più variegato,  che comprende anche chi non ha mai votato a sinistra, chi non vota più da tempo…

e mi assale immediatamente netta, fastidiosa, l’impressione dell’ennesima appropriazione indebita, appropriazione politica intendo, di un successo mediatico imprevedibile in queste dimensioni, confezionato da altri, consapevolmente o meno, lì pronto ad essere infiocchettato e sfoggiato come un proprio valore dai “soliti noti”…

alzi la mano chi è riuscito ad intravvedere, nelle piazze con le “sardine” (o anche in altro…) un nuovo progetto politico di sinistra…
io non ne vedo, nemmeno sbiaditi…

senza una traduzione in progetto politico concreto,  come hanno dimostrato in tempi diversi i “girotondi” ed “il popolo viola”, giusto per fare due esempi, qualunque “movimento”, sia quando si esprime solo sui social che quando riempie le piazze, è destinato a non lasciare traccia…

grande coinvolgimento popolare, numeri da capogiro, un indiscutibile stimolo a “svegliarsi”, a promuovere il “rinnovamento”, senza determinare però alcun riscontro concreto sul piano politico…

un “popolo” sempre pronto a risvegliarsi, magari anche con un pizzico di snobistica nostalgia, all’apparire di nuovi geniali, occasionali pifferai… 

gli inguaribili ottimisti dicono che migliaia di sardine potrebbero far fuggire lo squalo verde
può darsi…
ma ho l’impressione, o forse il timore, che lo squalo più pericoloso sia quello che si è subito messo alle spalle del branco, pronto a fagocitare chi, consapevole o meno, ha meglio saputo interpretare la voglia di partecipazione della gente, di sinistra o meno, uno squalo pronto a prendere la testa del branco…

che farà perdere, in breve tempo, una qualità essenziale per gustare tutto il sapore delle sardine: la freschezza…
e si sa…il pesce, dopo tre giorni, puzza…

e come dice la saggezza popolare…
il pesce puzza sempre dalla testa…

ps: si avvicinano le elezioni regionali in Liguria e già si leggono esortazioni ad uscire allo scoperto per il necessario dialogo tra soggetti che agiscono nei diversi territori, periferie comprese…tranquilli, non abbiamo bisogno di uscire allo scoperto…siamo stati lasciati da sempre allo scoperto…pregasi astenersi…grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.