Luca, Mia, e l’Hallelujah per Bruno…

Luca, Mia, e l’Hallelujah per Bruno…

 


una volta tanto, Bruno ha potuto ascoltare una “canzone”, tutta per lui, senza dover spostare, prima e dopo, pesanti casse amplificate…

 

Poche ore fa abbiamo portato l’ultimo, affettuoso saluto a Bruno Brunalli, un caro amico, da sempre presente al Pianacci, spesso di grande aiuto soprattutto nel periodo in cui si organizzavano serate musicali.

E proprio dalla musica sono partito quando ho pensato che Bruno potesse meritare un momento “speciale” in quello che sarebbe stato l’ultimo saluto dei suoi amici

Il brano “Hallelujah” di Leonard Cohen mi è sembrato perfetto, e dopo aver ottenuto il placet di Giuliana, moglie di Bruno, e quello di Don Giorgio, ho cercato qualcuno che potesse interpretare un brano così struggente.
Le due persone cui ho subito pensato, due ragazze cresciute al Cep e brave cantanti, hanno dovuto rinunciare, con sincero rammarico, per motivi di lavoro.

Ieri ho contattato due amici, Luca Borriello e Mia Nkem.

Io e Susanna abbiamo avuto il privilegio di ascoltarli più volte in locali in cui spesso vengono chiamati, sia in duo che in gruppo con altri musicisti.

Non conoscevano Bruno, il loro “rapporto” con il Cep ed il Pianacci è tutto nella partecipazione, lo scorso anno, unitamente a tanti altri artisti, nella serata dedicata al ricordo di Don Gallo.
Quando li ho chiamati, si sono resi subito disponibili.
Luca è fisioterapista in una struttura in centro città, Mia aveva un impegno a Spezia in tarda mattinata…

Però non hanno avuto titubanze: Luca alle 7.30 era già alla stazione di Pra’ con la sua chitarra, Mia ci ha raggiunti direttamente alla Chiesa di via Cravasco.

Alcune delicate note di chitarra all’ingresso di Bruno in chiesa, altre durante la Comunione…

poi, al termine della funzione religiosa, il sapiente tocco di chitarra di Luca e la struggente voce di Mia hanno accompagnato l’ultimo saluto a Bruno…

che, una volta tanto, ha potuto ascoltare una “canzone”, tutta per lui, senza dover affrontare la fatica di spostare, prima e dopo, le pesanti casse che al Pianacci lui, “il nostro Maciste”, faceva sembrare leggeri fuscelli…

ed al mio “grazie di cuore” a Mia e Luca,
si unisce, ne sono certo, il “grazie” commosso di Bruno, da lassù…💗

 

Luca Borriello e Mia Nkem

 

 

_____________

 

 

in questa breve clip il finale di “Hallelujah” nell’esecuzione dell’autore Leonard Cohen durante il concerto “Live in London” del 2009.
Questo il testo della strofa conclusiva, nella traduzione ufficiale del sito leonardcohen.it:

e anche se

è andato tutto storto
mi ergerò davanti al Dio della Canzone
e dalle mie labbra altro non uscirà che
Alleluja
Alleluja…

Il video completo ha avuto, ad oggi, circa 146 milioni di visualizzazioni…

Hallelujah è il capolavoro di questo grande compositore-poeta canadese scomparso nel 2016.

Oltre 200 le versioni pubblicate da grandi artisti, tra i quali Bob Dylan e Jeff Buckley.

Come capita a tutti i poeti, a questo stupendo brano sono stati attribuiti molti significati, tutti plausibili…
Cohen la “dipinse” così in un’intervista all’Indipendent:

la canzone spiega che diversi tipi di hallelujah esistono, e tutte le hallelujah perfette e infrante hanno lo stesso valore. È un desiderio di affermazione della vita, non in un qualche significato religioso formale, ma con entusiasmo, con emozione.”
Un inno alla vita, quindi, e alle gioie e le sofferenze che contiene inevitabilmente.
So che c’è un occhio che ci sta guardando tutti – raccontò, – c’è un giudizio che valuta ogni cosa che facciamo”.

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.