Ciao Bruno, chissà se si pesca ancora bene da quegli scogli…

Ciao Bruno, chissà se si pesca ancora bene da quegli scogli…

 

 

oggi avrebbe dovuto far ritorno a casa…non ha fatto in tempo…ciao Bruno…

 

Mi aveva chiamato ieri, nel primo pomeriggio, dalla stanza dell’Ospedale Evangelico in cui era ricoverato da qualche tempo.

La comunicazione era molto disturbata, in più il respiro mi sembrava un po’ affannoso ed infine la comunicazione è caduta un paio di volte.

Qualcosa però ero riuscito a capire: stavano per entrare i medici per visitarlo e di lì a poco sarebbe arrivata Giuliana, sua moglie.

Ho provato a richiamarlo, più tardi, ma non era più raggiungibile, gli si era scaricata la batteria.

Susanna, dopo qualche tentativo, è poi riuscita a parlare con Giuliana, che ci ha tranquillizzati: oggi Bruno sarebbe tornato a casa; non che fosse migliorato molto lo scenario che le avevano prospettato già da tempo i medici, però le sue condizioni gli avrebbero consentito di lasciare l’ospedale.

Invece Bruno non ce l’ha fatta, poche ore fa il suo fisico ha ceduto in modo definitivo, proprio nel giorno in cui sarebbe dovuto tornare a casa…
aveva da poco compiuto 69 anni…

 

14 agosto 2007, Bruno “Staff Security” con Jimmy Fontana
(clicca per ingrandire)

Bruno era molto legato a noi, nel corso degli anni lo si è visto spesso al Pianacci e nel periodo in cui si organizzavano serate musicali la sua presenza, con il fisico massiccio e la maglietta nera con la scritta “Staff Security”, era una presenza rassicurante per gli artisti, soprattutto per i grandi degli anni ’60 che venivano regolarmente presi d’assalto dai fans alla ricerca di una foto o un autografo.

Bruno c’era anche la sera della “Notte grigio topo”, nel 2008, la sera in cui al Pianacci Beppe Grillo preannunciò la nascita delle liste a 5 Stelle.
C’era anche Marco Travaglio tra gli ospiti più attesi dagli oltre 4000 presenti, ma all’improvviso si scatenò un furioso temporale con grandi raffiche di vento.
Travaglio ci teneva comunque a salire sul palco, almeno per un saluto, e Bruno rappresentò l’unica soluzione possibile: si armò di un grande ombrellone da spiaggia che solo con lui, con la sua forza, avrebbe potuto resistere alle raffiche di vento, e con quella protezione Travaglio riuscì a salire sul palco, scatenando l’entusiasmo degli spettatori.

26 agosto 2005, lo Staff Security con Wilma Goich
(clicca per ingrandire)

 

Bruno è immortalato anche in uno dei video cui sono più affezionato, “Il Tango della ronda”, che spopolò sul web a fine estate 2009.
E’ uno dei “coristi”, il penultimo sulla destra, che eseguono il ritornello dal PalaCep…

 

Nel corso degli anni ha collaborato spesso con il Pianacci e proprio al Pianacci abbiamo visto crescere suo figlio Daniel, una presenza obbligata, per lui, nella stretta cabina dell’Ape Piaggio che frequentemente utilizzava per le varie incombenze del circolo.
Per molto tempo Daniel, anche quando alla guida c’era qualcun altro, ha “preteso” di accompagnare il conducente in cabina, perché era l’Ape “di papà”…

E Bruno, finché la salute gliel’ha consentito, è stato l’unico a dare, di tanto in tanto, una mano in quella che ormai è un’incombenza di esclusiva pertinenza di Susanna: portare con l’Ape Piaggio i sacchi di rumenta dal circolo ai cassonetti di via della Benedicta.
Quando notava l’Ape “carico” di sacchi chiedeva le chiavi al bar e lo faceva di sua iniziativa, senza necessità di chiederglielo…

La malattia che ha aggredito il suo fisico lo ha gradualmente fiaccato, era sempre più difficile associare alla sua figura il soprannome di “Maciste” che gli avevano dato alcuni ospiti del Pianacci che non conoscevano il suo nome…

3 luglio 2006, Bruno e Giuliana al Pianacci
(clicca per ingrandire)


Poche settimane fa, il 20 settembre, durante la nostra vacanza in Sardegna, ci ha chiamati.

Stavamo rientrando dalla spiaggia di Piscinas e Bruno voleva informarci che il martedì avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento.

Non sapeva che fossimo in vacanza, si è scusato per averci disturbati ma ci teneva a condividere con noi le sue preoccupazioni.
Non ci aveva disturbati, anzi…

Ci siamo sentiti altre volte, non ho potuto fare a meno di rimproverarlo per aver deciso di lasciare l’ospedale sotto la sua responsabilità…

Successivamente è stato ricoverato di nuovo, sono andato a trovarlo una decina di giorni fa, qualche giorno fa è andata a trovarlo anche Susanna, la nostra attenzione gli faceva piacere…

C’era anche sua moglie Giuliana quando l’ho visto l’ultima volta…
Di fronte a lei mi ha assicurato che stavolta no, non avrebbe fatto “colpi di testa”: sarebbe uscito dall’ospedale solo con il benestare dei medici…

e poi, una volta recuperate le forze, basta lavori faticosi, che aveva lasciato già da un po’…

anzi, per rendere più piacevole la convalescenza avrebbe rispolverato la sua canna da pesca…

ed aggiunse, con gli occhi luminosi volti verso un punto lontano, quasi a cercare i dettagli di un ricordo felice: “chissà se si pesca ancora bene da quegli scogli che…ti ricordi Giuliana?”…
non lo sapremo mai…

ora Bruno può prendersi tutto il tempo che vuole per la sua convalescenza…

con la sua canna da pesca potrà cercare, con tutta la tranquillità necessaria, gli scogli più pescosi nelle immense, meravigliose scogliere che lambiscono gli sconfinati mari dell’aldilà…

chissà, forse da qualche parte troverà anche un Ape Piaggio…

l’intervento di Bruno alla “Notte Grigio Topo”

Bruno tra i coristi nel “Tango della ronda”

14 agosto 2006, Bruno con Michele
(clicca per ingrandire)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.