Pian della Cavalla, tra narcisi, asfodeli ed altre magie della natura…

Pian della Cavalla, tra narcisi, asfodeli ed altre magie della natura…

Sabato 21 maggio, giornata caldissima…

sembrerebbe più logico raggiungere una delle spiagge più vicine e puntare ad un confortevole bagno in mare…

invece no, Susanna è categorica: “Oggi si va al Pian della Cavalla, è il periodo della fioritura dei narcisi ed i prati diventano immense praterie bianche…”.
Aggiunge anche che ci sarà un breve tratto, più o meno mezz’ora, da percorrere a piedi, in piano, per raggiungere la meta dall’abitato di Fascia.
Impossibile, come spesso accade, farle cambiare idea, e ci avviamo verso Fascia attraverso Torriglia e Cassingheno.

Lungo la strada, è ora di pranzo, ci imbattiamo nel “Rifugio dei cacciatori”, una trattoria che già dal nome ci offre sufficienti garanzie per lenire le sofferenze dello stomaco vuoto…

Ravioli al ragù e mandilli al pesto, brasato al vino rosso…

Varrebbe le pena fermarsi lì ancora un po’ e dare fondo anche ai dolci che ammiccano dal bancone…

Ma prevale il buon senso ed il sonno post prandiale viene rapidamente metabolizzato nel breve percorso che ci porta fino a Fascia, accompagnati, a bordo strada, dal giallo sgargiante delle piante di maggiociondolo.

maggiociondolo
(clicca per ingrandire)
maggiociondolo
(clicca per ingrandire)

Fascia è un piccolo paese all’interno del Parco Naturale dell’Antola che non solo può contare su una popolazione di poco più di 70 anime, ma addirittura l’età media, secondo il censimento del 2019, è di circa 66 anni, il che lo ha qualificato quell’anno come “borgo più vecchio d’Italia”.

Un primato che presto potrebbe passare di mano perché non solo nel 2020 si è trasferita in paese una coppia trentenne ma addirittura dopo 23 anni si registrerà una nuova nascita.

Il paese si sviluppa tra il fiume Trebbia e le prime pendici del Monte Antola, e comprende anche la cosiddetta “Casa del Romano” che con i suoi 1426 metri slm rappresenta il punto più alto del paese.

Fascia è stata una delle capitali della Resistenza Partigiana in Liguria, sede operativa di capi della Resistenza tra i quali Aldo Gastaldi, comandante della Divisione Bisagno.
E proprio ad Aldo Gastaldi ed alla Resistenza Partigiana è dedicato il monumento all’ingresso del paese, a ridosso del parcheggio che si trova a pochi passi dal sentiero che porta al Pian della Cavalla.

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

Il tempo di cambiare le scarpe (finalmente Susanna mi ha visto calzare le preziose scarpe da trekking acquistate mesi fa e mai usate; d’altro canto mai visto calzare scarpe da trekking per stare sul divano…) ed eccoci pronti ad imboccare il sentiero che ci porterà all’agognata meta.

Ora, che io sia fuori forma è un dato di fatto…
che l’ormai perenne, per quanto leggero, broncospasmo di natura allergica tenda a non favorire la mia respirazione è altrettanto acclarato…

però, sarà stato il caldo, sarà stato il brasato aggiunto a ravioli e mandilli…
insomma, ci ho messo un po’ a “rompere il fiato” ed i brevi tratti in salita li ho patiti non poco…sottolineati dalla scarsa delicatezza di Susanna che non ha mancato di farmi notare che il percorso è indicato come “adatto ai bambini”…

improvvisamente un segnale tale da trasmettere grande gioia…
un cartello che indica la distanza da Fascia, 25 minuti…
vuol dire che ci siamo!!!

E la meraviglia di quest’immensa distesa verde, che si estende fino al punto in cui può arrivare la vostra vista, ed anche oltre, effettivamente è proprio lì, ad una manciata di minuti, e compare improvvisamente, accompagnata da un “oohhh” di meraviglia…

le immagini non necessitano di altri commenti, vero?

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

Narcisi però ce ne sono pochi, la prolungata siccità ha di fatto “annullato lo spettacolo”, o quasi…

non c’è l’immensa distesa bianca di narcisi che ci è stata descritta, con giusta enfasi, da due occasionali compagni di sentiero, habituées di queste zone…

ci sono bellissime “macchie” di bianco che bastano a farci immaginare a quale spettacolo avremmo assistito in altre annate…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

l’assenza delle bianche distese di petali è ampiamente compensata dall’incontro ravvicinato dei narcisi con l’obiettivo fotografico…

un’autentica meraviglia!!!…

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

e se i narcisi, come visto, sono un’autentica meraviglia, non sono da meno gli asfodeli, che tappezzano letteralmente ampie zone del manto erboso…

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

Potrei qui dilungarmi sulle proprietà benefiche dell’asfodelo, una pianta che può arrivare fino all’altezza di 150 cm, sulla tradizione sarda che oltre ad utilizzarla per la produzione di un ottimo miele utilizza anche il gambo per produrre nastri per l’intreccio dei cestini ed altro ancora, fino ad arrivare al fiore polverizzato utilizzato per produrre la Pozione Rigeneratrice e al Distillato della Morte Vivente, dagli effetti soporiferi molto potenti, citata nel capitolo 8 di “Harry Potter e la pietra filosofale”…

ma è forse più piacevole ammirare la meraviglia offerta dai primi piani di un fiore originalissimo e spettacolare…

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

E’ tempo di rientrare, lasciamo alle nostre spalle queste meraviglia della natura e riprendiamo in senso inverso il sentiero che ci riporta a Fascia.

Il “solito” cartello mi terrorizza ricordandomi che mancano ancora 25 minuti di cammino…
ma dura un attimo…se all’andata si è andati in salita il ritorno sarà tutto in discesa…

il tempo di ammirare un’altra specie presente al Pian della Cavalla, il bottondoro, e le originali, spontanee geometrie del fogliame…

(cliccare sulla singola foto per ingrandire)

ed eccoci di nuovo immersi nel buio del bosco…

una luce filtrante dai rami trasforma in immagini quasi inquietanti un’intricata ragnatela ed un’innocua fogliolina

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

è tempo di tornare ad immagini più tranquillizzanti…

che ne dite dell’immancabile selfie?

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.