non potevo correre il rischio di attendere altri 11 anni…

non potevo correre il rischio di attendere altri 11 anni…

Il “mio” Milan aveva vinto il suo ultimo scudetto undici anni fa, campionato 2010-2011…
erano poi seguiti 9 scudetti consecutivi della Juventus (a partire dal campionato 2011-2012, quello del “caso Muntari”), un’egemonia rotta lo scorso anno dai “cugini” dell’Inter, curiosamente pure loro reduci da 11 anni consecutivi all’asciutto…

insomma, questo inatteso scudetto conquistato dalla squadra magistralmente condotta da Stefano Pioli, sembra rimettere a posto le cose, con l’auspicio che non ricomincino altri nove anni di egemonia bianconera…

ho una certa età, e mi piacerebbe poter rivivere di nuovo le emozioni che ieri sera, nel corso dei festeggiamenti post partita a “Casa Milan”, hanno costituito la degna conclusione di un’annata veramente speciale…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

La scorsa estate tutta la tifoseria era choccata dall’addio, a parametro zero, di Donnarumma e Calhanoglu, quest’ultimo addirittura migrato all’Inter per un pugno di dollari, con tanto di provocatoria dichiarazione “Sono venuto all’Inter per vincere lo scudetto”

Non poteva sapere che c’erano una serie di congiunzioni tra numeri, date ed episodi che gli avrebbero ricacciato in gola quell’incauta affermazione, congiunzioni ancora più forti di alcune sviste arbitrali che sembravano aver tolto le speranze anche al tifoso più ottimista…(preciso: sviste, errori, non ho mai pensato alle fantasiose ipotesi di “complotti”).

Eh sì, perché Ibra, in occasione del suo ritorno al Milan poco più di due anni fa l’aveva preannunciato, il suo compito sarebbe stato quello di riportare il Milan là dove deve stare…
Ibra aveva vinto con il Milan l’ultimo scudetto dell’era Berlusconi, questo sarebbe stato il primo dell’era post berlusconiana…
e quale occasione migliore dello scudetto ad 11 anni di distanza???
…11, proprio il numero di maglia di Zlatan…


E che dire della magia di quella data, il 22 maggio?…
Il 22 maggio 1963 Cesare Maldini, papà di Paolo e nonno di Daniel, nonché capitano di quel Milan, sollevò nello stadio di Wembley la prima Coppa dei Campioni, la prima non solo nella storia rossonera ma anche nella storia del calcio italiano.
E per Paolo Maldini il destino aveva già deciso che nella stessa data, il 22 maggio 2022, avrebbe conquistato il suo primo trofeo da dirigente, al termine del campionato più incerto degli ultimi anni, un campionato nel quale suo figlio Daniel ha realizzato il suo primo gol in Serie A, un gol prezioso nella difficile trasferta a Spezia…

Insomma, Calhanoglu non poteva sapere che forse attendere un anno sarebbe stato meglio…
ma tutto sommato per noi meglio così…
magari avrebbe tolto un po’ di spazio a Sandro Tonali, un’altra bella storia di questa incredibile annata…

Tonali lo scorso anno, il suo primo in Serie A, non aveva del tutto convinto, e quest’anno c’era in ballo il suo trasferimento definitivo nella squadra per la quale lui aveva fatto il tifo fin dalla tenera età…

la società gli ha concesso fiducia, e lui ha voluto ripagare la fiducia ricevuta autoriducendosi lo stipendio di ben 400.000 euro…
da ragazzo umile quale è prima di accettare la maglia numero 8 ha voluto il placet di uno dei più straordinari “numero 8”, Gennaro Gattuso…
il destino lo ha ampiamente premiato: una stagione da grande protagonista culminata con la doppietta al Verona nel giorno del suo 22^ compleanno, l’8 maggio 2022 (toh, di nuovo il numero 8…e la stessa data in cui, 40 anni prima di Tonali, è nato un altro mito rossonero, Franco Baresi)…
il tutto all’interno di una partita delicatissima per il Milan (con i riferimenti storici alla “fatal Verona”) che proprio grazie a quella doppietta torna in vetta alla classifica, per non mollarla più…

Un’annata di belle storie umane (quelle di Messias e Kjaer su tutte), tra le quali ha un posto particolare quella di Davide Calabria.

Al Milan da sempre, dall’età in cui la categoria si chiama “pulcini”, ha attraversato momenti difficili, con frequenti mugugni dagli spalti di San Siro che avrebbero minato le sicurezze di molti giocatori.
Lui non si è perso d’animo, ha tenuto duro, e quest’anno non solo ha conquistato il suo primo scudetto ma lo ha fatto indossando più volte (ultima giornata compresa) la fascia di capitano della squadra dei suoi sogni, con i convinti applausi dei suoi tifosi…

Insomma, un’annata speciale che si è conclusa con una festa speciale, davanti a “Casa Milan”, conclusasi dopo il ritorno della squadra in pullman da Reggio Emilia…

E potevo mancare a questa festa?
Certo che no, e con Susanna ce la siamo gustata fino a notte inoltrata, in compagnia dell’amico Pino Scandale, milanista e prezioso collaboratore del Circolo Pianacci…

mica potevamo correre il rischio di attendere altri 11 anni…


p.s.; ed in mezzo ai 30mila e più tifosi ecco che l’occhio cade su una sigla su uno striscione…quelle tre lettere così famigliari…dal CEP di Genova sono arrivati anche Fabio Avino e due suoi amici…e la foto insieme è di rito…

lo striscione dal Cep di Genova
(clicca per ingrandire)
io, Pino, Fabio Avino (sulla destra) ed altri ragazzi del CEP (clicca per ingrandire)

Alcuni frammenti video da “Casa Milan”

Le foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.