peccato che ieri, accanto a me, ci fosse Susanna…

peccato che ieri, accanto a me, ci fosse Susanna…

dal diario di un marito sulla spiaggia di Spotorno, con la moglie, la vigilia di Ferragosto…

Si sa…

quando un uomo trascorre una giornata sulla spiaggia, in compagnia della “sua” donna (morosa, moglie o amante che sia), deve avere occhi (e parole) solo per lei…


lei lo sa…
sulla spiaggia il confronto è impietoso: non ci sono capi d’abbigliamento flou che possano aiutare a nascondere o attenuare eventuali rotondità…

il bikini “mette a nudo” ogni singolo centimetro, senza possibilità di appello…

il sole radente, quello che accarezza la pelle al volgere del tramonto, è terribilmente infido, riesce ad evidenziare anche la più piccola imperfezione della pelle, privata della sapiente correzione del maquillage…

ed ogni impercettibile commento, fosse anche il movimento apparentemente compiaciuto di un sopracciglio, verrebbe interpretato come una bocciatura senza appello, scatenando irrimediabilmente quel terribile mix tra collera e gelosia di cui ogni donna, anche inconsciamente, è abbondantemente provvista…

con tutte queste premesse, si può immaginare come sia trascorsa la mia giornata sulla spiaggia di Spotorno, ieri, vigilia di Ferragosto, in compagnia di Susanna

per un giorno sono tornato al “giornale cartaceo”, Corriere della Sera e l’immancabile, ferragostana, Gazzetta dello Sport, con rispettivi inserti…

un aiuto provvidenziale per indirizzare il mio sguardo verso qualcosa che non mi facesse correre il rischio di assumere, anche inconsapevolmente, un’espressione compiaciuta verso qualsiasi altro soggetto di sesso femminile…

un vero peccato, perché se non avessi avuto accanto Susanna avrei potuto descrivervi, nei dettagli, quella meravigliosa creatura che ha trascorso la sua giornata lì, proprio davanti al mio lettino, una cornice sublime allo spettacolo di cielo e mare che si presentava davanti ai miei occhi…

avrei potuto descrivere nei dettagli il suo viso, dai lineamenti delicati impreziositi da un piccolo naso, una sorta di apostrofo delizioso a fare da trait d’union tra gli occhi profondi e le labbra che, senza un filo di rossetto, riuscivano comunque a disegnare un intrigante profilo a forma di cuore…

avrei potuto descrivere i movimenti, quasi una danza con le mani, con i quali, di tanto in tanto, distribuiva preziose gocce di una protezione solare per il viso, dalla tonalità leggermente più chiara del suo flessuoso corpo, perfettamente ambrato ed a prova dei più accaniti “cacciatori di cellule adipose”…

non mi sarebbe di certo sfuggito, ed avrei potuto condividerne con voi la minuziosa descrizione, il movimento, un’elegante torsione del corpo con la quale, in un battito di ciglia, si è portata dalla posizione supina a quella sul fianco sinistro, offrendo a chi stava alle sue spalle uno spettacolo incomparabile…

il braccio sinistro ripiegato all’indietro, il gomito a formare un perfetto triangolo chiuso dalla mano sinistra, con i polpastrelli a sorreggere il capo proprio là dove i capelli erano racchiusi in una piccola crocchia…

la schiena a formare con le gambe un angolo quasi innaturale, con una torsione tanto incredibile quanto elegante…

nel mezzo, prepotentemente stagliata a cavallo dell’orizzonte, la forma armonica, elegante, di un prezioso violino di Paganini prestata, nell’occasione, ad un lato B da lasciare senza parole…

Ecco, come dicevo, è proprio un peccato che ieri, accanto a me, ci fosse Susanna…

sennò avrei potuto ammirare, e condividere con voi, tutti i dettagli di una visione celestiale…

sarà per un’altra volta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.