Mi faccio domande…la risposta è, forse, in una…”parabola”…

Mi faccio domande…la risposta è, forse, in una…”parabola”…

 

 

belli i progetti, bellissimi…però sorge spontanea una domanda…

L’altro ieri è stato presentato il progetto del Parco sotto il ponte, un progetto molto articolato, indiscutibilmente un gran bel progetto.

Mi ha però colpito un dato, che ritengo assolutamente non secondario: come si evince da sottotitolo e testo dell’articolo pubblicato ieri dal Secolo XIX la realizzazione dell’intero progetto prevede il reperimento di risorse economiche pari a 180 milioni di euro, ad oggi ce ne sono disponibili solo 3 (!!!)…

E sorge spontanea la domanda…
“bello il progetto, bellissimo…ma quando mai sarà realizzato?”

Una domanda che mi sono fatto anche in occasione della trionfalistica presentazione del progetto della riqualificazione della ex Caserma Gavoglio al Lagaccio, una questione spinosa che si trascina da diversi anni…

progetto molto articolato (per il quale occorrerebbero oltre settanta milioni) suddiviso in cinque lotti…

progetto bellissimo, ma i quattrini disponibili (una dozzina di milioni, reperiti dalla Giunta Doria) bastano unicamente per il primo lotto, il cosiddetto parco urbano, il cui progetto esecutivo (dell’attuale Giunta) vedrà la luce nei tempi necessari.

Gli altri 4 lotti non hanno ancora né quattrini né bozza di progetto definitivo…

e si potrebbe continuare con altri esempi cittadini, tipo i percorsi progettuali di Ponte Parodi, la riconversione dell’ex mercato di Corso Sardegna e così via…

situazioni analoghe, che mi fanno venire in mente una simpatica storiella, quasi una “parabola”…

 

LA PARABOLA DEL CONDOMINIO X

Il condominio “X” si trovava in un complesso residenziale che da tempo denotava urgenti necessità di una seria manutenzione, alcune palazzine erano state addirittura sgomberate in quanto inagibili.

I condomini, che occupavano i numerosi appartamenti, avevano manifestato le loro preoccupazioni all’amministratore della proprietà, il signor “Y”, che li aveva tranquillizzati: il loro condominio non solo sarebbe stato messo in sicurezza ma, addirittura, sarebbe stato totalmente rimesso a nuovo, riqualificato.

Aveva dato incarico allo studio del famoso architetto MonCheri di elaborare un rivoluzionario piano dettagliato, che prevedesse la ristrutturazione degli appartamenti e la riqualificazione degli spazi verdi comuni, un piano da elaborare attraverso la condivisione con gli stessi inquilini.

La notizia fu salutata con grande soddisfazione, ed alla presentazione pubblica del piano definitivo era palpabile la curiosità degli inquilini…

Il percorso di condivisione tutto sommato c’era stato…insomma, non proprio quello ideale, però…

ok, vabbè, si erano visti una sola volta, sia pure di sfuggita, nell’androne del palazzo, erano presenti sia l’architetto MonCheri che l’amministratore del condominio.
ok, l’orario non era proprio quello ideale (di giorno la gente lavora…) e l’incontro con alcune casalinghe di ritorno dal supermercato, alle quali erano stati mostrati alcuni scarabocchi per loro pressoché incomprensibili, era durato più o meno tre minuti…

però, suvvia, l’importante è comunque fare…

ed il gran giorno era arrivato…

con palese soddisfazione, l’architetto MonCheri e l’amministratore del condominio potevano finalmente presentare ai condomini il rivoluzionario progetto…

rifacimento delle facciate del palazzo, installazione di sofisticati sistemi di videosorveglianza, sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento a metano con un modernissimo impianto ad energia rinnovabile, vetusti serramenti rimpiazzati da modernissime finestre con silenziose tapparelle elettriche, spazi verdi comuni trasformati in prati inglesi di pregio…

gli “oohh” di stupore non si contavano più, finché uno degli inquilini, il signor K, timidamente, chiese in quali tempi tutto questo sarebbe diventato realtà…

l’amministratore di condominio scambiò un complice sguardo d’intesa con l’architetto MonCheri, e con ingiustificato tono d’orgoglio rivelò:
”Beh, i costi per realizzare tutto questo sono molto elevati, occorrerà trovare il modo di reperire i finanziamenti adeguati, speriamo di farcela…ma in ogni caso si parte, per ora sistemeremo i citofoni!!!…”

E tutti, con entusiasmo altrettanto ingiustificato, fecero scattare un caloroso applauso…

Guardarono tutti il signor K, sgomento, e lo rassicurarono…
“Dai, non bisogna stare sempre a sottilizzare…l’importante non è tanto “fare bene”, l’importante è cominciare a fare…”

L’amministratore del condominio e l’architetto MonCheri esibirono un giustificato largo sorriso, e si congedarono, salutati dalla folla plaudente…

Il signor K fu l’ultimo ad uscire…non stava bene…
un’improvvisa cefalea…un fastidioso cerchio (rosso) alla testa…

 

Secolo XIX, 18 dicembre 2019
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.