14 dicembre, via Calamandrei: un “Prato” con il profumo d’Erba…Lurago d’Erba…

14 dicembre, via Calamandrei: un “Prato” con il profumo d’Erba…Lurago d’Erba…

 


e poi capita che tu fai un salto in via Calamandrei, al Cep, e vieni travolto dal “profumo” dei ricordi di gioventù, della Lurago d’Erba in cui ci si conosceva tutti…

…e poi capita che tu fai un salto in via Calamandrei, al Cep, alla sede dell’Associazione “Prato Onlus” (poi vi darò qualche informazione su questa splendida realtà), per fare gli auguri al “ciclone” Giovanna Rossi ed ai suoi collaboratori, ed improvvisamente, inaspettatamente, vieni travolto dal profumo dei ricordi di gioventù, della Lurago d’Erba in cui ci si conosceva tutti…

a Lurago chi non conosceva la famiglia Bertelè?

L’Ing. Corrado è stato apprezzatissimo Sindaco di Lurago d’Erba dal 1956 al 1970; la moglie Rosa, professoressa di lettere, ha insegnato italiano, geografia e storia ad intere generazioni di ragazzi luraghesi.

Ed ovviamente tutti conoscevano anche i loro figli: spero di non sbagliarmi, in ordine cronologico (e con il prezioso aiuto di Emanuela Caspani…) Giuseppe, Maria Teresa, Antonio (coetaneo di mia sorella), Giovanni, Laura ed Anna.
Li ho ben presenti anch’io, benché per motivi anagrafici non ci si sia “incrociati” nei percorsi scolastici (ho un paio d’anni in meno di Laura ed un paio in più di Anna).

Però me li ricordo perfettamente, benché siano trascorsi alcuni decenni dall’ultima volta in cui ho avuto occasione di incontrare uno dei “figli del Sindaco” (per me hanno, da sempre, ed avranno sempre, questa “definizione”, come io per molti luraghesi credo di essere ancora “il figlio del benzinaio”…).

Quindi, tornando a ieri, io e Susanna raggiungiamo la sede dell’Associazione “Prato”, in via Calamandrei, e Giovanna ci accoglie con il suo sconfinato sorriso e ci presenta suo cognato (marito di sua sorella Maria).

Giovanna mi dice che pure suo cognato è “comasco”…
sul momento il volto mi dice qualcosa ma non riesco immediatamente ad incrociare i diversi microchips della memoria…

mai avrei pensato che potesse essere Giovanni, uno dei “figli del Sindaco di Lurago”…

nonostante il comprensibile “affollamento” della “Prato” per la festa di Natale, abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere…

(link alla pagina)

manco a dirlo, come capitato nella recente “reunion” luraghese dei nati nel ’54, uno dei ricordi ha riguardato “Barbis”, un singolare, bizzarro personaggio notissimo a quei tempi a Lurago, la cui officina di riparazioni biciclette e moto si trovava dietro il distributore di benzina di mio papà, nel cortile in cui sono cresciuto…
lo stesso cortile cui ho dedicato un ricordo un paio d’anni fa…

un ricordo nel quale il protagonista di uno dei più divertenti aneddoti fu Antonio Bertelé, fratello maggiore di Giovanni…

nel corso della Festa di Natale si è tenuto un breve spettacolo che ha visto protagonisti gli amici della “Prato”.
In apertura Federico Migone ha voluto ricordare un loro caro amico, Simone, che da lontano, dalla Lombardia, collaborava con la “Prato”, mettendo a disposizione le sue preziose conoscenze informatiche.

Simone aveva 26 anni, pochi mesi fa è stato vittima di un terribile incidente stradale che ha posto fine, troppo presto, alla sua vita ed ai progetti che da poco più di un anno condivideva con Giulia.

I suoi genitori hanno deciso di onorare la sua memoria con un gesto di grande generosità: tramite una raccolta fondi hanno acquistato diversi defibrillatori donati ai rifugi di montagna che si trovano nei dintorni del Lago di Como.
Simone amava la montagna, frequentava spesso quelle montagne, ed i genitori hanno voluto partecipare, come assistenti, ad una esercitazione con i tecnici del Soccorso Lariano.

I genitori di Simone sono Maria (sorella di Giovanna Rossi), e Giovanni Bertelé…

Il loro gesto, di grande generosità, affonda le sue radici nella vocazione per il sociale che ha sempre contraddistinto (e fatto benvolere) la famiglia Bertelé e che sarà stato sicuramente apprezzato, lassù, da papà Corrado e mamma Rosa…

 

 

io e Giovanni Bertelé
(clicca per ingrandire)

L’ASSOCIAZIONE “PRATO Onlus”

 

Gruppo Prato Onlus – Foto dal sito dell’Associazione
(clicca per ingrandire)

 

 

L’Associazione “Prato Onlus” nasce grazie all’intraprendenza della presidentessa Dr.ssa Roberta Antonello, psichiatra con lunga esperienza nei percorsi di auto aiuto, che può contare sul costante, importante supporto rappresentato dalla segretaria Giovanna Rossi, un vero vulcano.

E’ una onlus che sostiene, appoggia, l’esistenza di chi ha avuto o ha problemi psicologici aiutandolo a sviluppare le sue risorse, soddisfare i suoi desideri e aspettative, anche i suoi sogni.

Essere protagonista, avere in mano le sue scelte, uscire dall’assistenza per acquistare la forza per essere tra gli altri con le sue risorse.

Non è un luogo separato, non dà cure, non si sostituisce agli esperti (psichiatri, psicologi, educatori) ma nei suoi gruppi di auto aiuto, nelle sue iniziative, nelle sue attività è con tutti gli altri per dimostrare continuamente che si può vivere e non sopravvivere.

Dà voce e ascolto a chi conosce per sua esperienza la sofferenza psicologica e riconoscimento di una capacità di scelta.
Offre spazi autonomi per esserci, per vivere, per sperimentare la libertà ma anche la responsabilità che l’autonomia comporta.

Dispone di quattro appartamenti, abitati, per residenti ed ospiti, per foresteria, in un percorso di cohousing affinché la residenzialità di chi ha o ha avuto problemi sia veramente stabile, libera, sicura e perfino di esempio….

Non ha né vuole convenzioni con i servizi della assistenza psichiatrica per poter essere anche una voce critica, esterna, oltre ad un luogo fuori da connotazioni di ‘cura’ e ‘controllo’.

E’ sostenuta da chi condivide questa filosofia, dagli stessi sostenuti, dagli amici, dai volontari, dal 5×1000, ma ha bisogno per poter continuare ad esistere anche di donazioni, per una residenzialità alternativa, per percorsi di recovery, per tutte le iniziative che hanno dato respiro e vita alla “Prato Onlus” in questi primi 14 anni.

Per eventuali donazioni

Intesa San Paolo
IBAN  IT61 L030 6909 6061 0000 0113 234

www.prato-onlus.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.