“Ciao Udo, ancora sveglio???”…

“Ciao Udo, ancora sveglio???”…

 

 

Facebook e WhatsApp riducono le distanze…ma vedersi di persona, va da sé…è un’altra cosa…

 

Ieri giornata particolarmente intensa per me e Susanna.

La pioggia incessante ci ha accompagnati fino in Brianza, alle 18 ci attendeva, a Lurago d’Erba, la Messa in ricordo di mia sorella Augusta, che ci ha lasciati 12 anni fa…

Passando da Cantù un salto a casa dell’amica Teresa, per recuperare il libro di Edoardo Ceriani che aveva acquistato per me l’estate scorsa.

(clicca per ingrandire)

Poi, sempre a Cantù, un saluto alla zia di Susanna, ultranovantenne.

Ci eravamo ripromessi di salutare Udo, mio compagno di scuola alle elementari, che da otto anni vive in Austria e che occasionalmente in questi giorni è a Lurago, dove vivono i suoi figli e nipoti.

La famiglia di Udo, quando eravamo piccoli, abitava a Ca’ Ronchi, non molto distante dal distributore di benzina di mio papà, del quale i genitori di Udo erano assidui clienti.

Con Udo ci siamo poi ritrovati alla fine degli anni ’80, quando gestivo la farmacia di Inverigo.

Udo veniva spesso a trovarmi, abbiamo condiviso la stessa passione per il basket (suo figlio Jonathan ha militato nelle giovanili di Cantù), ogni tanto giocavamo insieme a squash e lui, che lavorava in giro per il mondo per la divisione cravatte del gruppo Armani mi portava ogni tanto cravatte “griffate” che conservo ancora…

Poi, a fine ’92, il mio trasferimento a Genova e non ci siamo più rivisti fino al 22 ottobre di 4 anni fa…

link alla pagina “Dopo 25 anni…”

Udo viveva già in Austria, eravamo in contatto tramite Facebook e ci aveva comunicato la sua gioia per essere diventato nonno.
Proprio il 22 ottobre sarebbe arrivato a Lurago, per il suo primo impegno da “nonno”, con il nipotino nato un paio di giorni prima…

quel giorno partimmo “al volo” da Genova, e raggiungemmo Lurago esclusivamente per poterlo salutare dopo tanto tempo…e fu una bella emozione…

 

Ieri però non c’era più tempo, non potevamo arrivare tardi in Chiesa, e dopo la Messa era in programma una cena con mio cognato e mio nipote…

All’uscita dal ristorante però invio un messaggio whatsapp a Udo:
“Ciao Udo, ancora sveglio?”…

non solo era ancora sveglio ma si trovava a casa di Teresa, sua ex moglie (che noi non vedevamo da quasi trent’anni), ad un paio di chilometri dal ristorante…

un’occasione irrinunciabile, ed infatti non ci abbiamo pensato due volte…

Facebook e WhatsApp aiutano a colmare le distanze, e grazie a questi strumenti anche se Udo vive in Austria e noi a Genova c’è un contatto molto frequente…

ma vedersi di persona, va da sé, è un’altra cosa…

ed anche ieri, come quattro anni fa, è stata una bella emozione…

ps: di certo era emozionata anche Susanna…
20 diversi “selfie” e questo è quello più “leggibile”…

io, Udo, Susanna e Teresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.