“Operazione Tartaruga”, finale a sorpresa

“Operazione Tartaruga”, finale a sorpresa

9 gennaio 2009

LA FAVOLA HA UN LIETO FINE, CON UNA “MAGIA” A SORPRESA…

La torta-francobollo
(clicca per ingrandire)

Le forti nevicate di mercoledì 7 gennaio hanno determinato lo spostamento della Festa per la riapertura dell’ufficio postale a Venerdì 9 gennaio.
Vista la temperatura polare, anziché sulla piazza il rinfresco si è tenuto nei locali (che si affacciano sulla piazza) gestiti dal Centro Sociale Zenit per le attività dei bambini e dei ragazzi del quartiere.
Con il Presidente della Regione Claudio Burlando erano presenti il Prefetto, Anna Maria Cancellieri, il Questore, Salvatore Presenti, l’Assessore Regionale Bianca Maria Berruti (che si occupa della legge sulle case popolari), il Presidente del Municipio Mauro Avvenente con l’assessore Pietro MiliteElisabetta Corda, in rappresentanza del Comune di Genova, Vladimiro Augusti, direttore di ARTE, l’agenzia che gestisce le case popolari in Liguria, Omar Taiebi, responsabile del Centro Culturale Islamico Genova Cep, il parroco Don Josè Galdeano e tantissimi cittadini con i dirigenti dei diversi comitati dei quartieri collinari.
Un bell’esempio di comunità che, diventata protagonista delle decisioni riguardanti i servizi del suo territorio, ha potuto toccare con mano il rispetto e l’attenzione dei diversi importanti esponenti delle istituzioni.
La torta “Operazione Tartaruga”, a forma di francobollo, è stato l’ultimo tocco ironico con un singolare “annullo” con tanto di coltello affilato affidato a Claudio Burlando ed al responsabile dell’ufficio postale.

La riunione al Pianacci
(clicca per ingrandire)

Gli amministratori locali però non hanno fatto “passerella”: terminati i festeggiamenti la loro presenza si è spostata nel vicino Circolo Pianacci per una riunione operativa con i rappresentanti dei cittadini; un incontro nel corso del quale Claudio Burlando e Maria Bianca Berruti hanno reso noto che l’incontro tenutosi il 18 settembre ha già prodotto l’inserimento nella legge regionale sulle case popolari di molte delle istanze che ne erano scaturite; per le (poche) rimanenti l’iter si perfezionerà entro il 31 gennaio, con effetto retroattivo, e l’incontro al Pianacci ha consentito di mettere ulteriormente “a punto” l’accordo tra cittadini e Regione Liguria.
Il percorso di cittadinanza attiva, al Cep, continua con un’altra tappa che ha messo al centro del dibattito l’esigenza che questo tipo di attenzione (con cadenza periodica dell’interfaccia cittadini – istituzioni) si estenda anche ad altri pezzi della città che vivono simili situazioni; in buona sostanza la bella favola iniziata al Cep deve tradursi in atti concreti anche per gli altri quartieri a forte presenza di edilizia popolare.
Come in tutte le belle favole non poteva mancare un pizzico di “magia”: i locali in cui si è tenuto il rinfresco sono di proprietà di ARTE e, nei lavori di assegnazione al Centro Sociale Zenit, era sfuggito il fatto che i due termosifoni presenti non fossero in realtà collegati ad alcuna calderina, sostituiti da due stufette elettriche molto onerose e poco produttive…la segnalazione ha fatto breccia nel cuore di Vladimiro Augusti e, quasi con un colpo di bacchetta magica, prestissimo sarà installata una calderina….

 

7 gennaio
2009
Aperitivo al Cep per festeggiare la riapertura delle Poste Il Secolo XIX articolo
jpg/pdf
testo
word
8 gennaio
2009
Il furgone dei soldi non arriva al Cep. Salta la festa per la riapertura delle poste Il Secolo XIX articolo
jpg/pdf
testo
word
8 gennaio
2009
Ieri è tornato l’ufficio postale ma la festa con la gente è stata rimandata a domani Corriere mercantile   testo
word
10 gennaio
2009
Cep, festa per l’ufficio postale Il Secolo XIX articolo
jpg/pdf
testo
word
10 gennaio
2009
Ieri festa per la riapertura dell’ufficio postale Corriere Mercantile   testo
word

 Link correlati:

Operazione Tartaruga, il Cep sulla stampa nazionale..ed internazionale

Operazione Tartaruga, la storia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.