“Operazione Tartaruga”, la storia

“Operazione Tartaruga”, la storia

30 dicembre 2008

Una vicenda che merita di essere letta fino in fondo…
quella volta che pensionati e casalinghe si trasformarono in “CepBlock”...

OPERAZIONE TARTARUGA, ovvero:
PENSIONATI E CASALINGHE DEL CEP DANNO SCACCO A POSTE ITALIANE

ma andiamo con ordine…

Il 23 dicembre 2008 presso il Circolo Arci Pianacci ha organizzato una conferenza stampa  per presentare l’avvio di Operazione Tartaruga, l’iniziativa promossa dal Circolo Pianacci stesso per dare voce alla protesta dei cittadini del Cep contro la chiusura dell’ufficio postale 71 di via Due Dicembre 1944.

LA STORIA
L’ufficio postale al Cep fu atteso per oltre 20 anni dai cittadini del Cep e fu aperto dopo lunghe battaglie “burocratiche”.
L’apertura dell’ufficio 71 di via Due Dicembre consentì di evitare, a moltissimi anziani, di doversi far accompagnare da amici o parenti fino a Voltri o a Palmaro (l’alternativa: almeno due autobus all’andata ed altrettanti al ritorno) per le normali operazioni postali o per ritirare la propria pensione. 
All’inizio l’ufficio venne strutturato con il personale in numero adeguato (3 unità) poi, nel tempo, il servizio si fece sempre più carente con la presenza, sempre più frequentemente, di un solo operatore.
Già dal 2007 iniziarono a circolare voci relative alla chiusura dell’ufficio, voci che divennero più insistenti all’inizio del 2008.

Il 16 gennaio 2008 venne inviata una lettera sia alla Direzione nazionale che alle sedi regionali di Poste Italiane con la quale si segnalava il disservizio ormai cronico e si chiedevano garanzie sul futuro del servizio stesso. 
In data 29 gennaio 2008 Poste Italiane inviò una comunicazione con la quale ci veniva chiesto di rassicurare i cittadini in quanto non erano in atto né riduzioni né tanto meno ipotesi di soppressione del servizio.
In data 11 dicembre 2008 alle 7.45 l’ufficio fu teatro di una rapina (la prima in tanti anni….); in tarda mattinata, con sospetta rapidità…vennero affissi all’ingresso dell’ufficio postale cartelli che comunicavano sia la cessazione del servizio che il trasferimento, già definito nei dettagli (!!!), del servizio in altri uffici causa atti criminosi…

UN PAIO DI CASI
In un giorno qualunque, entrando a qualunque ora nell’ufficio postale 71, poteva capitare di dover attendere, oltre al proprio turno, anche il tempo necessario (di norma almeno ulteriori 20 minuti) all’archiviazione delle raccomandate da parte dell’operatore (unico) presente allo sportello.
All’inizio di dicembre il Comitato di quartiere Ca’ Nuova aveva necessità di fare una spedizione di più lettere; alla richiesta di 30 francobolli è stato risposto di rivolgersi all’ufficio di Voltri in quanto non c’era quella disponibilità…

IL VERO CRIMINE
Nel corso della sua breve storia, l’ufficio postale 71 può annoverare il suo piccolo record, quello della più paradossale “rapina al contrario”
Un impiegato di Poste Italiane, che ha lavorato presso questo ufficio per parecchio tempo, aveva infatti trovato modalità creative per arrotondare il proprio stipendio, sottraendo quattrini agli ignari utenti dell’ufficio.
Per la gente semplice, quale quella che popola le periferie, la “Posta” è un luogo sicuro, quasi come la Chiesa, e quindi la creatività di questo squallido personaggio ha trovato un buon terreno sul quale operare.
Smascherato, dopo segnalazione alla polizia postale, si è scoperto che l’entità di denaro complessivamente sottratto (anche con abilità informatica, ma sempre poggiando sul diffuso senso di fiducia verso le Poste e, di conseguenza, anche nei suoi confronti) ammontava a parecchie migliaia di euro.
In quel caso nessuno ha affisso cartelli lamentando attività criminose…

LE NOSTRE STRATEGIE
Già in passato (come ad esempio nel singolare caso del “compleanno del furgone bruciato”) abbiamo dimostrato di poter contare su una vena creativa in grado di costruire azioni di protesta collettiva efficaci nonostante l’assenza di “disturbo” di qualunque natura alla cittadinanza.
Non mancano, quindi, le possibilità per individuare ed attuare risposte “forti” all’ennesima “disattenzione” nei confronti del quartiere. E con grande senso di responsabilità si eviteranno, per il momento, azioni tali da arrecare disturbi alla collettività (bloccare l’Aurelia o l’autostrada sarebbe assolutamente semplice ma danneggerebbe anche chi, il “cittadino comune” come noi, non ha colpe sulla chiusura dell’ufficio postale).
Colpevole è l’Amministrazione di Poste Italiane ed è il “sistema” di Poste Italiane che andremo, per il momento, a disturbare, confidando che il disturbo arrecato possa essere sufficiente a far recedere gli amministratori dalla decisione di chiudere l’ufficio al Cep.

OPERAZIONE “TARTARUGA”
Nel corso della conferenza stampa del 23 dicembre viene preannunciata l’azione concordata, definita “Operazione Tartaruga”.
Questo l’annuncio:
A partire dal 28 dicembre 
sceglieremo, di volta in volta, un ufficio postale diverso e lì ci recheremo, in diverse decine, a pochi minuti dalla chiusura.
Ognuno, secondo la turnazione dettata dal numero ritirato all’ingresso, chiederà le informazioni che riterrà più opportuno chiedere e che gli saranno dovute, nei tempi necessari.

Ad esempio, visto che al Cep non è più possibile farlo, quali sono le modalità per aprire un conto? Ed i benefici sui depositi?
E così via, tutte informazioni che richiedono il rispetto della privacy e con tempi complessivamente tali da costringere il personale a prolungare ad libitum la permanenza nell’ufficio ed il rallentamento (se non il blocco) della sua operatività.
I gruppi cittadini (che ci piace definire “CepBlock”), radunati al Pianacci, saranno informati solo all’ultimo momento sulla destinazione di quel giorno, in modo da non far mancare l’effetto sorpresa, esattamente come ha fatto l’Amministrazione di Poste Italiane nei loro confronti.

LE ISTITUZIONI
Il Municipio si è immediatamente schierato al fianco dei cittadini, inviando al Prefetto una richiesta ufficiale di intervento a sostegno della riapertura dell’ufficio postale, preannunciando azione di protesta da parte dei cittadini.
Il Presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, ha offerto il suo importante supporto istituzionale, impegnandosi a contattare sia l’azienda Poste Italiane che il Governo per perorare la riapertura dell’ufficio postale di via Due Dicembre.
Nel frattempo viene avviato, su facebook, il gruppo “Operazione Tartaruga”, e fioccano immediatamente molte adesioni.

L’AZIONE…ED IL KO!!!
Il 29 dicembre un nutrito gruppo di cittadini del Cep (casalinghe e pensionati) si ritrova presso il Circolo Pianacci; vengono date istruzioni dettagliate e, soprattutto, viene “svelato” il primo obiettivo: l’ufficio postale di via Airaghi, a Genova Prà, proprio quello indicato da Poste Italiane ai cittadini del Cep in “sostituzione” dell’ufficio chiuso una decina di giorni prima.
Via Airaghi dista circa 5 chilometri; il “commando” di Operazione Tartaruga si presenta poco prima dell’orario di chiusura, si mette ordinatamente in coda (senza disturbare gli altri utenti, cui viene consentito di accedere immediatamente agli sportelli) e mette in atto la sua strategia: porre, uno ad uno, diverse richieste agli impiegati presenti, esigere le risposte dovute cercando di far passare più tempo possibile.
L’ufficio chiuderà con due ore di ritardo, con la presenza di inviati di diverse testate giornalistiche (sia emittenti televisive che quotidiani); su facebook scorrono immediatamente le immagini girate all’interno dell’ufficio di via Airaghi.
Il primo obiettivo è stato raggiunto: la notizia dell’impresa dei cittadini del Cep si diffonde rapidamente ma non occorrerà attendere il secondo round.
Nel tardo pomeriggio, infatti, una nota diffusa da Poste Italiane preannuncia la riapertura dell’ufficio postale di via Due Dicembre 1944: i cittadini del Cep hanno sconfitto, un vero e proprio ko al primo round, Poste Italiane.

I festeggiamenti si terranno il 7 gennaio 2009, alla riapertura.

Questa “vittoria” va alla comunità tutta e alle sue istituzioni ed enti (comprese Poste Italiane) che, seppure in ritardo e con modalità rocambolesche, hanno saputo reindirizzare le decisioni riguardo un servizio ritenuto essenziale dagli abitanti.
In particolare va sottolineata la capacità del quartiere Cep, ancora una volta, di sintonizzarsi su obiettivi di comunità e di operare in modo opportuno, rispettoso degli altri, e unitario per contribuire a gestire il proprio territorio.
Inoltre un grande apporto l’hanno fornito i giornalisti e il sistema dei media cittadini che ha dato ampio spazio pubblico di discussione al problema e alle iniziative in essere.

 

link correlati:

Operazione Tartaruga, il Cep sulla stampa nazionale..ed internazionale

Operazione Tartaruga, finale a sorpresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.