Noi, al Sindaco, gliele cantiamo…

Noi, al Sindaco, gliele cantiamo…

 

4 gennaio 2009

Insomma….
le scrivi, ad agosto, a nome di decine di cittadini, e non risponde…
le chiedi di partecipare ad un momento importante per la comunità del Cep, un’assemblea per affrontare il problema della chiusura dell’ufficio postale…e lei non viene…

lo stesso giorno il suo consulente, Nando Dalla Chiesa, ha allestito a Palazzo Tursi un brindisi (con rosa e panettone) per le donne in dolce attesa…si presentano solo in quattro (forse pensano che basti un annuncio per coinvolgere “le folle”)…al Cep eravamo un centinaio…

beh, tutto sommato, se qualcuno “gliele canta”, è perché se le cercano… abbiamo pubblicato su youtube questa mia prima “impresa canora” il 29 dicembre, giorno in cui eravamo impegnati all’ufficio postale di Pra’ con “Operazione Tartaruga”; non avevamo idea se potesse funzionare o meno.. poi, dopo qualche giorno, ti accorgi che il mondo che scruta il web ha fatto la sua scelta: il nostro “videocazzeggio” supera di gran lunga il video compassato ed istituzionale del Sindaco, ed il counter continua a crescere…

gran bella cosa il web, youtube…una risata li seppellirà!!!

Grazie alla collaborazione dell’amico Vito Carlucci ho potuto contare su una sala di registrazione audio in grado di mascherare adeguatamente le mie non eccelse qualità canore; Sergio Gibellini, un altro prezioso amico, ha consentito, come da moderne necessità di comunicazione,  la realizzazione del video.

Con tante scuse a Jovanotti per lo…”scippo” della sua bellissima “A te”, adattata nel testo al fine di tradurre adeguatamente la delusione di molti cittadini residenti al Cep che, come il sottoscritto, avevano dato fiducia, con il loro voto, alla Prof.ssa Marta Vincenzi.

 

 

Link all’articolo

(Vincenzo Galiano, per “Il Secolo XIX”)
Il Sindaco Marta Vincenzi sul web
JOVANOTTI “RIVISITATO” BATTE IL DISCORSO DI NATALE SU YOUTUBE

PUBBLICATO SU YOUTUBE il 22 dicembre, l’inedito “discorso alla città” (con auguri natalizi) di Marta Vincenzi ha incassato a ieri, in tredici giorni, 862 contatti contro i 1.042 registrati in appena sei giorni dal video di protesta lanciato sul medesimo sito nei confronti del sindaco da Carlo Besana, l’ex farmacista del Cep e creatore del Consorzio Pianacci.

Due modi opposti di utilizzare le immense potenzialità della Rete che, mai come in questo caso, si è confermata davvero democratica.
ll video istituzionale in cui il sindaco, seduto sulla sua poltrona a Palazzo Tursi, a ridosso del Natale fa il punto sull’anno appena trascorso ed esorta i genovesi ad affrontare «tutti insieme» le sfide del futuro, è stato “cliccato” da 862 cittadini.
Ma il controvideo musicale, postato una settimana dopo dall’opinion leader del Cep per protestare contro la chiusura (poi sventata) dell’unico ufficio postale del quartiere, ha totalizzato oltre mille contatti.
Pubblico diverso, o forse solo parzialmente uguale, per due messaggi di valenza opposta. Il primo, quello della Vincenzi, ha un taglio conciliante e possibilmente costruttivo. Il secondo, quello di Besana, gronda irritazione dalla dolce melodia di “A te”, la canzone di Jovanotti scelta non a caso per mettere in musica, con opportuno remake del testo, la protesta anti Vincenzi.
«Auguro che il 2009 porti qualche sorriso in più, qualche mugugno in meno e una visione strategica che aiuti le istituzioni e la politica a guardare avanti e cambiare», dice il sindaco al termine della registrazione fatta a beneficio della platea del web.
«Il Cep è periferia delle periferie – recita Besana sulle note di “A te”  – un quartiere dove possono firmare in 500 una lettera al sindaco senza ricevere risposta, un quartiere dove si toglie un ufficio postale come niente fosse».
Così l’ex farmacista, punto di riferimento del volontariato locale, ha scelto di dare voce (e musica) al malcontento del Cep a tre giorni dal concerto di Jovanotti che ha animato la notte di San Silvestro al Porto antico.
«Se Jovanotti conoscesse la nostra situazione, come la canterebbe?», si chiede Besana: «Forse così…».
E via con la contestazione in rima. A tratti anche molto dura: «A te che pensi solo al Capodanno e alla notte bianca, la gente qui in collina, sappilo, è già stanca. A te che parli tanto della gronda, ma non ti importa niente di ciò che ci circonda…».
Vincenzi, viceversa, ha evitato accuratamente qualsiasi accenno polemico nei suoi auguri ai genovesi, elencando i grandi temi strategici che impegneranno la giunta nel 2009: dal dibattito pubblico sulla gronda al nuovo piano regolatore, dalla scelta dell’impianto di trattamento finale dei rifiuti da realizzare a Scarpino al problema dell’integrazione e della coesione sociale.
«A gennaio – informa Vincenzi – partirà la nuova strada per Scarpino: precondizione per decidere entro l’anno sull’impianto di trattamento finale».
Vincenzi si è soffermata sul tema dei diritti: «La nostra è una città mediterranea, aperta da sempre alla comunicazione e al confronto». Del resto, sottolinea il sindaco, «come dimostrano le statistiche la nostra città è molto invecchiata e senza immigrati non potrebbe essere la grande città che vuole essere».

 

 

 

A TE
(dedicato a Marta Vincenzi)

(parlato)

Spesso, quando i cittadini protestano, si dice:
“occorre dare voce alla protesta della gente”;

noi abbiam pensato di fare qualcosa in più,
di dare voce e musica alla protesta della gente del Cep,

un quartiere che è periferia di periferia in questa città,
un quartiere nel quale i cittadini possono anche firmare, in 500,
una lettera inviata al loro Sindaco senza mai ricevere risposta,
un quartiere nel quale si toglie l’ufficio postale come se niente fosse;

e allora, visto che a Capodanno arriverà Jovanotti, abbiam detto:
“Se Jovanotti conoscesse questa situazione, come la canterebbe?”
A noi piace pensare che la canterebbe cosi:

A te che sei di fatto / il primo cittadino
Ma quando c’ho un problema / non sei qui, vicino

A te che quando scrivo / tanto non rispondi
E quando c’è bisogno / chissà dove ti nascondi

A te che fai promesse / sotto elezione
Ed io ci casco sempre / minchia!che coglione!

A te che parli tanto / della nuova gronda
E non ti frega niente /di ciò che ci circonda

A te che sei presente / se si taglia un nastro
E a noi manco ci caghi / Dio, che disastro!

A te che per la posta / c’hai un’impiegata
Io invece vado a Voltri /due ore per ‘na raccomandata

A te che sei, semplicemente sei
Delusione dei sogni miei
Delusione dei voti miei
A te che sei, semplicemente sei
Delusione dei voti miei
Delusione dei sogni miei

A te che ti circondi / di esperti e consulenti
Che studiano il cincin / per le partorienti
A te che puoi aver / la sala prestigiosa
Arrivan 4 donne / non proprio una gran cosa

A te che al Cep quel giorno / eran più di cento
Nemmeno un consulente / solo il malcontento
A te che se dicevi / solo una parola
Forse la gente qui / si sentiva meno sola

A te, che è tutto bello / dentro il tuo palazzo
Del Cep e dei suoi anziani / te ne frega un cazzo!
A te che pensi al Capodanno / ed alla notte bianca
La gente qui in collina / sappilo è già stanca

A te che sei, semplicemente sei
Delusione dei sogni miei
Delusione dei voti miei
A te che sei, semplicemente sei
Delusione dei sogni miei
Delusione dei voti miei

 (parlato)
è giunto il momento in cui occorre lottare tutti insieme, tutti uniti,
per far valere i propri diritti;
per far capire che anche la periferia, e la sua gente, fanno parte di una stessa città;
forse, così, anche il primo cittadino capirà che la gente di questo quartiere
non è vuota,
che ha qualcosa di magico dentro ed allora, forse,
forse il Cep non si sentirà più periferia,
magari diventerà un nuovo centro….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.