è bello rivederti, dopo 16 anni, nuovo “fiocco di neve”…

è bello rivederti, dopo 16 anni, nuovo “fiocco di neve”…

“Vittorio, che ci fa qui?”
“Ho portato ai giochi la mia nuova Giulia”…

Il signore a sinistra nella foto, con il cappellino bianco, è Vittorio Sabetta.

La bimba si chiama Martina, ed è la figlia di Giulia, nata il 4 agosto 1998 ad allietare l’unione tra Vittorio e sua moglie Annamaria.

Martina è assolutamente identica a Giulia quando aveva la sua età, tant’è che Vittorio la definisce, con un pizzico di orgoglio, “la nuova Giulia”

ed ha ragione, me la ricordo Giulia da piccola…

Vittorio, a cavallo tra fine anni ’90 ed inizio anni 2000, è uno dei nostri più preziosi collaboratori, sempre pronto a dare una mano negli spazi lasciati liberi dal suo lavoro, alla guida di quel furgone rosso che non passa inosservato…

fin dall’inizio della nostra attività al Pianacci puntiamo molto sulle serate musicali come semplice ma efficace strumento per offrire occasioni di socialità alla comunità del Cep, ed una svolta (dopo alcuni spettacoli sul tetto degli spogliatoi…) è rappresentata dal nostro primo cospicuo investimento: l’acquisto di un palco per gli spettacoli.

Nel 1999, con un impegno di circa 12 milioni di lire, acquistiamo una prima porzione (4 metri per 6) del grande palco ancora presente all’interno del PalaCep.

Il primo compleanno, le serate danzanti, le foto ricordo e “fiocco di neve”…

Il 4 agosto 1999, mercoledì, Giulia compie un anno, ed Annamaria e Vittorio decidono di festeggiare l’evento il sabato successivo…
la sera del sabato è in programma l’intrattenimento con i “Nemesi”, due bravi musicisti (ed ottime voci) con brillante repertorio da piano bar…

ed è così che sabato 7 agosto 1999 facciamo salire la timidissima Giulia sul palco, ed i “Nemesi” promuovono ed accompagnano in musica un festoso “Happy Birthday” collettivo…

il primo compleanno festeggiato pubblicamente al Pianacci…

i “Nemesi”, estate al Pianacci 2000
(clicca per ingrandire)

Qualche anno più avanti Vittorio si trasferisce a Mele, per qualche tempo continua, sia pure, comprensibilmente, con minore assiduità, a dare una mano, come volontario, alla nostra associazione.

Giulia, con la mamma Annamaria, è spesso al Pianacci, sempre presente alle serate danzanti, con la rituale foto ricordo con alcuni degli artisti più famosi che caratterizzano, in quegli anni, le estati al Cep, soprattutto le serate di Ferragosto…

(clicca per ingrandire)
14 agosto 2004, Giulia ed Annamaria con Dino
(clicca per ingrandire)
14 agosto 2006, Giulia ed Annamaria con Michele
(clicca per ingrandire)

sabato 7 agosto 2005 io e Susanna siamo invitati a Mele, un invito che ci fa molto piacere, per festeggiare con Annamaria e Vittorio il loro “fiocco di neve”, che tre giorni prima ha compiuto 7 anni…

la torta per il 7^ compleanno di Giulia
(clicca per ingrandire)
Giulia spegne la candelina
(clicca per ingrandire)
il taglio della torta
(clicca per ingrandire)
Giulia festeggiata da Annamaria e Vittorio
(clicca per ingrandire)

Perdersi di vista per molti anni…poi, qualche giorno fa…

nel tempo i diversi impegni di lavoro e di famiglia, uniti alla distanza, hanno la meglio sulla disponibilità di Vittorio, e fatalmente ci perdiamo di vista…

fino al pomeriggio di qualche giorno fa, il 27 settembre 2021…

io e Susanna, di ritorno da una passeggiata ad Arenzano, ci fermiamo a Voltri, in piazza Odicini, quella gioiosamente occupata ogni giorno da una miriade di bambini, attratti dalla presenza di vari giochi, soprattutto i gonfiabili…

è lì che incontriamo Davide Mulonia, uno dei ragazzini che ho visto crescere al Pianacci, ora papà di due bimbi e “colonna” della rinomatissima pizzeria “Voglie di pizza”.
E’ il suo giorno di riposo e con la moglie Alessia sta lasciando che i figli si scatenino tra gonfiabili ed altri giochi con i loro amici…

è sempre un piacere incontrarlo, anche perché è cresciuto molto bene, è persona matura, con un presente solido, figlio della capacità di mettere a frutto le esperienze vissute fin qui, il miglior presupposto per costruire il proprio futuro…

Nel bel mezzo di questa piacevole conversazione, improvvisamente si presenta davanti a me un signore che, nonostante la mascherina ed il lungo tempo trascorso, riesco a riconoscere in pochi secondi, con sorpresa assolutamente non mascherata…

è Vittorio Sabetta, e l’abbraccio affettuoso scatta, reciprocamente, spontaneo…

“Vittorio, che ci fa qui?”
“Ho portato ai giochi la mia nuova Giulia…”


La chiama, è sua nipote Martina, ed immediatamente capisco perché la chiami “la nuova Giulia”…
è assolutamente identica a sua mamma, la “piccola” Giulia Sabetta, il “fiocco di neve” di 16 anni fa…

anche Davide, frugando rapidamente tra i ricordi del bambino di allora, riconosce Vittorio: “Me lo ricordo, è il signore col furgone rosso”…

l’incontro con Vittorio si esaurisce rapidamente, non può perdere d’occhio in quella “movida infantile” la sua nipotina, che infatti alla prima distrazione del nonno si allontana, costringendolo ad inseguirla…

il tempo di salutare Davide e cerco di rintracciare nuovamente con lo sguardo Vittorio…
niente, non lo vedo più…

mi rammarico con Susanna di non aver avuto la prontezza di immortalare con una foto questo emozionante momento, chissà se capiterà di nuovo…

la magica dissolvenza…

ci fermiamo ad un bar sulla piazza, è l’ora dell’aperitivo, da “onorare” adeguatamente…

incontriamo Manuela, una dolcissima amica del Cep, e mentre stiamo conversando piacevolmente con lei…

“Arrivederci dottore!!!”…
è Vittorio, ci ha visti seduti al bar ed è venuto a salutarci…

ha fretta, deve riaccompagnare a casa la sua “nuova Giulia”, ma stavolta non mi faccio trovare impreparato…
lì, accanto al bar, c’è un gioco per bambini, l’ideale per la tranquillità necessaria a far mettere in posa Martina…

coinvolgo Manuela che, con il mio smartphone, si trasforma in reporter d’eccezione e ferma in un’immagine il ricordo di questo piacevole incontro…

Martina è nata il 6 gennaio del 2016, ha quasi sei anni, un solo anno in meno dell’età che aveva Giulia quel giorno in cui festeggiammo il suo compleanno nella casa di Mele…

provo ad immaginarla con la torta e la candelina…
la somiglianza è incredibile, più di quanto non riescano a dire le fotografie…


i volti delle due bimbe si sovrappongono…
quasi una magica dissolvenza…

è bello rivederti, dopo 16 anni, nuovo “fiocco di neve”…

27 settembre 2021 – Vittorio, Martina, Susanna ed io –
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.