“Ciao amico, come va?”

“Ciao amico, come va?”

“Ciao amico, come va? Oggi borse e cinture prezzo buono!!!”.
“no grazie, non mi serve nulla, buona giornata!”.
“buona giornata, ciao!”.

Diciamo la verità: quando si trascorrono poche ore o un’intera giornata su qualunque spiaggia degli oltre 8000 km delle nostre coste, se non veniamo raggiunti almeno mezza dozzina di volte da proposte di questo tipo, ne sentiamo la mancanza, ci viene tolta una parte del “sapore di vacanza”

il braccialettino variopinto e portafortuna come primo approccio, poi asciugamani, occhiali da sole, cappelli di tutti colori, borse, cinture, poltroncine gonfiabili…

di tutto un po’, che nel tempo ha assunto la dimensione di un irrinunciabile ingrediente delle nostre giornate spaparanzati al sole

un rapporto che spesso si esaurisce in pochi secondi, sia quando la nostra risposta è un “no grazie, non mi serve nulla”, accompagnata da un sorriso sempre contraccambiato, seguito di frequente da un “buona giornata, ciao”, con il passo già indirizzato verso un altro bagnante, che quando “si scopre” che sì, quella cintura o quell’asciugamano mi servirebbero proprio…

nella maggior parte dei casi sono venditori ambulanti maschi, occorre un fisico forte e ben allenato per percorrere chilometri sotto il sole, sulla sabbia, carichi di mercanzia di ogni tipo…

quando il venditore ambulante è una donna, quasi sempre si presenta avvolta in tessuti variopinti, con elegante andatura flessuosa ed in grado di portare con disinvoltura quintalate di vestiti arrotolati magicamente in equilibrio in una cesta poggiata sulla testa…

è così che si è presentata a noi Amina qualche giorno fa, sulla spiaggia di Varigotti…

era da poco passato mezzogiorno, io e Susanna eravamo distesi al sole sui nostri lettini, io già da qualche minuto stavo osservando questa signora variopinta, ammirando proprio tutto quanto descritto poco fa…

eravamo un po’ defilati rispetto al suo tragitto ma, con mia sorpresa, ad un certo punto si è diretta proprio verso di noi…

mano a mano che si avvicinava, ci appariva, incorniciata da una varietà di splendidi colori,  in tutta la sua bellezza, accompagnata però da un’aria stanca, molto stanca…

chissà da quante ore stava mettendo a dura prova le sue forze, sotto il sole cocente degli ultimi giorni d’estate…

lo avremmo saputo di lì a poco…

il racconto di Amina…

(clicca per ingrandire)

arrivata alla nostra altezza, infatti, si è tolta il grosso carico dalla testa, ha appoggiato a terra il resto della sua mercanzia, e si è seduta accanto a noi…

un curioso intreccio del destino…

non poteva sapere che avremmo condiviso con lei un pranzo semplice, quello consentito dal baretto sulla spiaggia, ma per lei provvidenziale…

non poteva sapere che Susanna avrebbe comunque fatto incetta di diversi articoli del suo campionario, veramente molto belli, alcuni di sua produzione, immancabilmente gioiosamente variopinti, e senza “trattare” sul prezzo…

non poteva saperlo, ma il destino ha voluto che si sedesse proprio accanto a noi, dedicandoci oltre mezz’ora del suo tempo per raccontarsi, per condividere con noi le sue esperienze, anche dolorose, di donna e di mamma, per comunicarci con orgoglio i suoi sacrifici volti al benessere migliore possibile per i suoi figli uno dei quali, una ragazza dodicenne,  vive a Genova con lei…

Amina ha 42 anni, viene dal Senegal, paese in cui vive il resto della sua famiglia; nella bella stagione si alza prestissimo e parte da Genova verso le varie località di riviera, anche fino al confine con la Francia, portandosi appresso tutto il carico del suo lavoro, con la speranza di realizzare quanto le serve per pagare affitto, utenze, la scuola di sua figlia…

vive in un appartamento in comune con altra famiglia ma, per sua scelta, con pochissime persone, perché non vuole che la ragazza, che dispone di una camera tutta per sé, possa distrarsi, la sera, a chiacchierare fino a tardi con gli altri coinquilini…

“la mattina a scuola deve avere la testa lucida per imparare”, dice Amina, che oltre ad essere in regola con il permesso di soggiorno è anche in regola con il greenpass, in modo da potersi rapportare di frequente con i docenti, per verificare il buon andamento del percorso scolastico della ragazza…

il futuro dei figli, l’unico, grande obiettivo di una donna che non vuole che venga loro riservato nulla del suo passato, con esperienze analoghe a quelle di molti altri immigrati, e qualcosa di meglio del suo presente…

un presente fatto di giornate faticose, sulle spiagge della riviera, nella buona stagione, e di giornate altrettanto faticose, ma spesso illusorie, improduttive, nei periodi più freddi, quando si spinge nelle città più grandi, anche fino a Torino…

nel corso del nostro breve incontro il suo sguardo è cambiato, i segni della fatica hanno via via lasciato posto ad un’espressione più serena…

forse, aldilà della necessità di rifocillarsi, sentiva la necessità di trovare qualcuno a cui raccontarsi, confidarsi, farsi ascoltare, e per noi è stato un privilegio che il destino l’abbia portata proprio accanto ai nostri lettini…

quando si è alzata, suscitando un nuovo moto di ammirazione per la capacità di caricarsi tutta quella roba in testa, in assoluto equilibrio, ci ha dedicato un largo sorriso e, quasi rammaricandosi di non averlo fatto prima, ci ha chiesto i nostri nomi…

ha fatto due passi, si è girata salutandoci e ringraziandoci di nuovo, questa volta per nome, ed ha ripreso il suo cammino…

l’ho seguita con lo sguardo finché non è scomparsa alla nostra vista…

non è difficile…

ho pensato, con un velo di tristezza, a quante volte la sua stanchezza avrà dovuto fare i conti, passivamente con la diffusa arroganza e maleducazione di chi, spaparanzato al sole, non riesce a vedere, dietro un venditore ambulante, una persona, un essere umano con un passato spesso doloroso, un presente difficile ed un futuro incerto…

una persona che prova a migliorarlo, questo futuro suo e della sua famiglia, con dignità e sacrificio quotidiano…

una persona che ha la sola “colpa” di essere nata in zone del mondo in cui l’unica alternativa per sopravvivere è spesso migrare e vendere merce in spiaggia, percorrendo chilometri sotto il sole cocente, per un pugno di denari…

e questo è ampiamente sufficiente per meritarsi almeno un briciolo di rispetto, anche quando, come spesso capita, che quanto proposto non ci serva minimamente…

nessuno è obbligato ad acquistare, ci mancherebbe…
ma non c’è nessuna giustificazione alla gratuita mancanza di rispetto…

non è difficile…

“Ciao amico, come va? Oggi borse e cinture prezzo buono!!!”
“no grazie, non mi serve nulla, buona giornata!”
“buona giornata, ciao!”


con l’aggiunta di un largo sorriso…
come quello di Amina…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.