Nostalgia per “Il Male”…

Nostalgia per “Il Male”…

 

15 gennaio 2015

 

è giunto il momento di fare outing…

lo so, molti resteranno delusi o quantomeno perplessi, ma non ce la faccio più a tenere dentro di me questo macigno….

ebbene….

fino alla scorsa settimana non avevo la più pallida idea che esistesse “Charlie Hebdo”…

la tragedia, terribile, mi ha profondamente colpito, come mi avrebbe colpito qualunque altra tragedia analoga…

qualcuno ricorda le cosiddette “bombe intelligenti”, che di intelligente non avevano proprio nulla?…

anche in quei casi come in questo, non conoscevo nessuna delle vittime, ma questo è ininfluente rispetto all’orrore che si prova…

nei giorni scorsi ho letto decine, centinaia di post sui social network, ho assistito davanti alla tv ad un’ininterrotta sequenza di opinioni, dall’uomo di cultura all’uomo della strada, tutti pronti a disquisire su Charlie Hebdo…

evidentemente, pur presi a caso dagli inviati, ci sono una moltitudine di abituali lettori ed esperti…

tutti pronti a farmi sentire più solo in questa mia profonda ignoranza…

come sempre mi accade in queste situazioni, ho cercato di recuperare, di rimettermi in linea con il comune sapere, di potermi sentire anch’io al passo con i tempi…

ho scandagliato il web, alla ricerca di vignette pubblicate in questi anni, facilitato anche dai ricordi scolastici della lingua francese…

e devo confessare anche questo: scusate il “francesismo”, ma molte vignette (direi la maggior parte) fanno veramente c..are”, non ci trovo nulla di divertente, indifferentemente dal fatto che colpiscano il Papa, Maometto o i Capi di Stato…

ho provato una profonda nostalgia per “Il Male” (chi ha la mia età sicuramente se lo ricorda), forse sarà la luce radiosa del tempo (che spesso trasforma i ricordi in “miti”) ma mi pare francamente che ci siano pianeti di distanza (in termini di qualità) tra la satira del settimanale di Pino Zac e quella, che trovo spesso di bassa lega, di Charlie Hebdo….

detto questo, massima condanna di tutti gli atti terroristici, qualunque “cornice” ideologica abbiano o venga loro assegnata…

assolutamente necessario esprimere il proprio sdegno, e lo sarebbe anche quando accadono eccidi meno evidenziati dai media, e ne capitano ogni giorno, in tanti paesi lontani…

però in questo caso si aggiunge, per me, una percezione fastidiosa…

come se la dovuta, necessaria, umana solidarietà dovesse rendere obbligatoria la celebrazione della “caustica satira” del settimanale francese….

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.