Una brutta tegola…

Una brutta tegola…

 

14 gennaio 2015

Certo che se ci si mette anche la sfortuna più nera….

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
SCONFITTE E INFORTUNI, PER L’ALMORE UN PERIODO NERO
«FORZA RAGAZZE, ORA VINCETE SENZA DI ME»
La Visconti, ferma un mese, salterà le sfide decisive per la poule: «Spogliatoio unito ma serve l’aiuto dei tifosi»

INIZIO PEGGIORE per questo 2015 l’aLmore Genova non poteva immaginare.
Non solo ha inaugurato l’anno nuovo con una sconfitta contro il Piramis Torino lo scorso fine settimana, pur giocando alla pari e disputando la migliore prestazione tra le mura amiche, ma ora anche la forma fisica volta le spalle alle rosanero.
La fuoriclasse Alessandra Visconti, migliore marcatrice e rimbalzista della squadra, dovrà stare ferma per quattro settimane.
Proprio durante il match contro le piemontesi, la Visconti ha avuto un duro scontro di gioco con l’americana O’Rourke, riportando una micro frattura alla testa dell’omero: niente di grave, ma per la parte finale di regular-season, ancora due giornate, la giocatrice sarà ai box.
Come si sente?
«Sono arrabbiata e delusa. Arrabbiata perché, per un semplice scontro di gioco come tanti, mi ritrovo con una frattura alla spalla, delusa perché questo non mi permetterà di dare il mio contributo alle compagne»”.
Momento ostico, appunto. Ma quanto?
«La cosa è un po’ inspiegabile anche per tutte noi. Non abbiamo giocato male né contro il Sanga, né contro il Piramis,ma sono arrivate due sconfitte, di un punto solo contro le milanesi, a causa di episodi contro Torino. Si può anche perdere, ma perdere in questo modo fa male. Forse nei momenti clou delle partite non riusciamo ad essere fino infondo concentrate ed è anche vero che in certi frangenti dovremmo essere più ciniche e chiudere prima la partita o sfruttare meglio certe occasioni. Ci sta tutto nel basket, ma certe sconfitte in parte immeritate lasciano l’amaro in bocca».
E la poule promozione?
«Era il nostro primo obiettivo stagionale è ancora lo è. Le sconfitte contro Sanga e Torino ci hanno complicato un po’ le cose, e ora ci troviamo ad affrontare il Broni e il Selargius, ultime gare per decidere chi andrà in Poule. Noi prima eravamo terze, ora siamo quarte e passano, appunto, le prime quattro, ma vietato dormire sugli allori».
In che senso?
«Perché non è sensato, per altro rischiando, puntare alle varie casistiche di punteggi o differenze canestri con le altre squadre con cui ce la giochiamo, perché il fatto è solo uno: due gare alla fine, bisogna vincerle tutte e due per andare matematicamente alla seconda fase di stagione. Poi è vero che anche una vittoria potrebbe bastare, ma guai a pensarlo, vinciamo entrambe le gare per toglierci ogni patema d’animo».
Broni e Selargius allora.
«Contro il Broni in trasferta servirà una gara perfetta, ma noi siamo uno spogliatoio unito, per nulla demoralizzato, e ci sono tante capacità che il neo coach Grandi conosce bene. Contro il Selargius poi, già battuto all’andata, al PalaDonBosco si dovrà sfruttare al top il fattore campo».
E lei?
«Farò il tifo dalle tribune, il mio appoggio esterno non mancherà, le compagne lo sanno. Mi spiace solo che il tifo casalingo sia sempre un po’poco numeroso e tiepido. Siamo un team di A2, abbiamo un ottimo sponsor, e il basket è con il volley il secondo sport nazionale e uno dei più amati al mondo. Genova è un po’ refrattaria in questo senso, e questo per chi gioca mettendocela tutta delude un po’».
Uno sfogo che nasconde un appello. Una richiesta d’aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.