More than this…

More than this…

 

15 febbraio 2015

 

Il nuovo logo di Genova

Genova, anno del Signore 2015.

Si inaugura, benché non ancora completamente “collegata” al resto della città, la nuova strada a mare.

E’ evidente la fretta dettata dall’imminenza delle elezioni regionali, la nuova strada si rivela (almeno per ora), inevitabilmente, un flop, aumentando i disagi del traffico in una città già di per sé abbondantemente caotica.

In buona sostanza, sarebbe un perfetto “boomerang” in chiave elettorale…

Nel frattempo si susseguono le “riunioni a sinistra”, si intravvede un’unità di intenti (nonché un fronte comune nei confronti della candidata PD) che fa gridare al miracolo, però….

però non si trova un candidato, le settimane passano e questa nuova unità fa pensare, sempre più, ad un’ulteriore occasione perduta…

e a destra? anche lì niente di nuovo sotto il sole.

Tutti apparentemente uniti, poi Forza Italia (Liguria) candida un suo uomo, subito smentito dallo staff di Berlusconi che ne vorrebbe imporre un altro alla faccia (la solita..) della Lega che per prima aveva indicato un “forte candidato ligure che rappresenti tutte le forze di centrodestra”….

Quindi, in buona sostanza: c’è un partito al governo della Regione che tra mille polemiche (ed intervento della magistratura, poi si vedrà) impone la sua candidata ma nella città capoluogo la “inaugurazione della grande opera marchetta elettorale” si trasforma in boomerang che le varie forme di opposizione non riescono a cogliere, impegnate a cercare con il lanternino un candidato che vada bene…

Insomma, in questa città è difficile trovare qualcosa che abbia un senso compiuto, qualcosa di iniziato e ben completato…

Non a caso il logo scelto per rappresentarla nel mondo (sic!) è proprio il suo nome scritto in modo incompleto…

non occorre niente più di questo (more than this…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.