Io, mia moglie e… la notte di San Valentino

Io, mia moglie e… la notte di San Valentino

14 febbraio 2015

IO, MIA MOGLIE E …. LA NOTTE DI SAN VALENTINO

 

Potrei limitarmi, in questo racconto, alla fulminante, atroce battuta con la quale è stato liquidato, poche ore fa, da mia moglie Susanna, quello che nelle mie intenzioni voleva essere un romantico, delicato momento nella notte di San Valentino…

Però, affinché possiate cogliere appieno tutti gli elementi, anche quelli apparentemente più insignificanti, che, come in un sapiente cocktail, vanno a definirne il gusto finale, occorre che faccia alcune premesse (o, come dicono quelli che parlano bene, contestualizzi l’accaduto).

Io e Susanna siamo sposati da quasi 27 anni ed il momento in cui ci si va a coricare, a qualunque ora, non è più contrassegnato dalle vecchie, piacevoli “ritualità” ma da nuove liturgie, molto più tecnologiche…

No, che avete capito? Niente “perversioni” o cose simili ..

semplicemente io mi attardo al pc, lei si mette a letto, normalmente su un fianco (in modo da “dare la schiena” a chi entra, manca solo il cartello “non disturbare”), immersa in un rapporto a tre con tablet e smartphone, uno collegato a siti che propongono improbabili ricette (tipo il “popolarissimo” facocero brasato in pudding di malva sudafricana con crema inglese all’arancia e cannella) e l’altro perennemente collegato a siti di shopping on line (quelli che, purtroppo, non tirano giù la saracinesca alle 19 e quindi sono “aperti” anche di notte, proprio come la mia carta di credito…).

Non ha fatto eccezione la scorsa notte; era da poco terminata la penultima serata del Festival, ho quasi subito spento il pc, sono entrato in camera da letto e…. ho realizzato che da due ore era già San Valentino e…

sarà che per tutta la sera avevo ascoltato canzoni inneggianti all’amore …

sarà che anche il pigiama di Susanna, di quelli in ciniglia felpata spesso come un intonaco, che potrebbe dissuadere anche il più terrificante stupratore, al confronto con le mises inguardabili di Emma Chiara ed Arisa dava a Susanna, pur non vedendola, o forse proprio per questo, un fascinoso nonsoche tipo Charlize Theron…

sarà che Sanremo è Sanremo ma San Valentino è San Valentino…

insomma, sarà quel che sarà (Tiziana Rivale, Sanremo 1983, l’anno in cui ho conosciuto Susanna….)…

sta di fatto che in un battibaleno mi sono infilato, furtivamente, nel letto, senza che lei se ne accorgesse, ho trovato un passaggio nell’intonaco di ciniglia felpata, ed ho iniziato ad accarezzarle la schiena, con la stessa delicatezza di polpastrelli che nemmeno il più bravo degli scassinatori quando cerca di violare la combinazione di una cassaforte…

Immediatamente Charlize Theron ridiventa Susanna, e con un grugnito da facocero sudafricano mi urla “fai piano!” …

non mi perdo d’animo, anzi, colgo l’occasione per sdrammatizzare il grugnito…

sarà che avevamo assistito poco prima all’esibizione di Giovanni Allevi…

immediatamente propongo “Vuoi che faccia piano? Ai tuoi ordini!, e muovo i polpastrelli come se anch’io stessi virtuosamente sfiorando i tasti bianchi e neri eseguendo magistralmente la melodia di Michael Nymann …CasaBesana_tromba

come spesso accade, mi faccio prendere la mano dal cazzeggio, sia pure delicatamente romantico, e propongo: ”Dopo il piano, vuoi che faccia anche batteria?, e come un dolcissimo Tullio de Piscopo batto il tempo, sfiorandola con le mie dita.

Non replica, ed insisto: ”Dopo piano e batteria, vuoi che faccia anche arpa?, e mi metto ad “arpeggiare”delicatamente tra i suoi capelli…

mi sembra di essere diventato, nel magico incanto della notte di San Valentino, un raffinato musicista e, nello stesso tempo, sapiente, ed apprezzato, direttore d’orchestra …

Un nuovo grugnito, ahimè più articolato, mi riporta con i piedi per terra…

“Piano, batteria, arpa… mai che ti venga in mente la tromba!!!”

Colpito da questa “dolcissima”, “romantica” rivendicazione, ripongo tristemente gli strumenti (la bacchetta era già riposta), e mi giro anch’io su un fianco, l’altro…

non sarà necessario mettere il cartello “non disturbare”…

mentre sto cercando di prendere sonno, mi viene in mente di aver visto, in cucina, una cassetta di arance ed una confezione di cannella….

Vuoi vedere che a pranzo mi fa trovare in tavola il brasato di facocero???

Sipario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.