Le differenze, con i se e con i ma…

Le differenze, con i se e con i ma…

 

18 febbraio 2015

Alcuni amici, non espertissimi di basket femminile, mi chiedono le differenze tra la Serie A2 dello scorso anno e quella attuale, probabilmente per riuscire ad “inquadrare” meglio il nostro cammino ad un anno di distanza dall’esordio in Serie A2.

Non è semplice dare una risposta semplice…. Ci provo con una risposta articolata.

Lo scorso anno in Poule Promozione le squadre (8 per ognuno dei due gironi) portavano in dote i risultati acquisiti nei confronti diretti nella prima fase del campionato.
Quindi, in buona sostanza, le avversarie vere erano solo 4 (quelle non incontrate nella prima fase), con 8 partite complessivamente.
I posti a disposizione per i playoff erano 4 per ogni girone, con accesso alle semifinali che avrebbero poi designato le 3 squadre ammesse alla Serie A1 (le due squadre vincenti la finale di ogni girone e la squadra che avrebbe poi vinto lo spareggio tra le due perdenti).
Quest’anno i due gironi della Poule Promozione sono composti ognuno da sei squadre, si riparte da zero e quindi si disputano 10 partite. Non ci sono più le semifinali ma direttamente le finali incrociate tra prima e seconda dei rispettivi gironi, quindi i posti per i playoff saranno solo due (anziché 4) e le promozioni in Serie A1 saranno due anziché tre.
Già questo è sufficiente a rendere molto più problematico in linea assoluta il cammino in questa stagione, rispetto alla scorsa.
In aggiunta, quest’anno i due gironi della Poule Promozione sono molto equilibrati, mentre lo scorso anno ci furono fin dall’inizio “smobilitazioni” (cioè riduzioni degli organici), giustificate dalla salvezza già acquisita e dalle necessità di contenere, a stagione in corso, i costi, e questo facilitò ulteriormente il cammino delle squadre (come la nostra) maggiormente attrezzate e con una buona dote di punti ereditata dalla prima fase (ovviamente tutto questo senza nulla togliere ai meriti della squadra).
Per quanto riguarda nello specifico questa stagione e la nostra squadra, c’è un problema non indifferente in più: l’infortunio ad Alessandra Visconti ha sottratto al nostro team la miglior realizzatrice e miglior rimbalzista proprio nella fase calda del campionato, e per giunta poco dopo il cambio di guida tecnica, complicando ulteriormente il nuovo percorso intrapreso dal coach, che ha dovuto ricominciare daccapo con una squadra strutturata in modo ben diverso, e questo pesa non poco.
Se lo scorso anno avessimo dovuto fare a meno, da metà gennaio, della nostra migliore rimbalzista e migliore realizzatrice, nella fattispecie Marina Bestagno, quest’anno miglior realizzatrice italiana in Serie A1, il nostro cammino sarebbe stato ben diverso dal filotto di sette vittorie consecutive che ci portò fino alle semifinali, poi vinte da Trieste che vinse anche la finale, e questo nonostante le avversarie fossero mediamente, a mio modesto avviso, di caratura inferiore alle avversarie di quest’anno.
Nelle prime tre partite della Poule Promozione abbiamo finora vinto una partita su tre, e nelle due sconfitte (sia con Torino in casa che a Crema) le nostre ragazze non avrebbero “rubato” nulla se avessero vinto…
Insomma, la squadra sta facendo, nonostante le difficoltà, tutto quello che occorre per inseguire gli obiettivi più alti, sta dimostrando di essere comunque competitiva, anche se nei minuti finali, fatalmente, la “coperta corta” presenta inesorabilmente il suo conto.
Se, come mi auguro e come meriterebbero ampiamente le ragazze, dovessero arrivare altre vittorie, sarò il primo a festeggiarle con legittimo orgoglio: quello che ho chiesto alle mie giocatrici è di non mollare mai e finora, sotto questo aspetto, sono state fantastiche.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.