Periodo difficile? Manuel non lascia, anzi…raddoppia!!!

Periodo difficile? Manuel non lascia, anzi…raddoppia!!!

anche al Cep, come al Quartaccio di Roma, devi lavorare di più
per ottenere quello che dovresti già avere, fosse anche “solo” un’opportunità di lavoro…

Come noto, il Cep non è “solo” periferia, è in realtà “periferia di periferia”

in buona sostanza, è periferia di Voltri che a sua volta è l’estrema periferia del ponente di Genova…
e per giunta è pure sulle alture…

Le periferie, ovviamente, non sono solo quelle “geografiche”, come il Cep…
si considerano periferie tutti i luoghi in cui mancano le opportunità e, soprattutto per i giovani, la mancanza di opportunità ha come conseguenza una minore fiducia nel proprio futuro ed un progressivo aumento della propria insoddisfazione…

lo ha efficacemente testimoniato tempo fa la cantante Elodie, cresciuta al Quartaccio, una borgata della capitale.

Una realtà onesta, crudele, ma anche straordinaria dove non c’è l’acqua calda, non si arriva a fine mese e le persone sono demoralizzate. Come lo ero io. Ho sempre voluto fare questo mestiere, ma sembrava un sogno troppo grande per una bambina che non si sentiva all’altezza. E mi accorsi che non avevo neppure gli strumenti: non ho finito il liceo, non ho preso la patente, né studiato canto. Ho sbagliato, ma in certi contesti è difficile concentrarsi su cosa puoi fare di te. Si sopravvive ed è più difficile coltivare i propri sogni: devi lavorare di più degli altri per avere quello che dovresti già avere.

Il Cep, che per giunta è anche periferia sotto l’aspetto geografico, non fa eccezione…
anche qui, come al Quartaccio di Roma, devi lavorare di più per ottenere quello che dovresti già avere, fosse anche “solo” un’opportunità di lavoro…

Manuel Camedda, cresciuto al Cep, è riuscito, con tenacia, ad inseguire il suo sogno, coinvolgendo nel suo percorso amici d’infanzia, suo fratello Loris, le loro famiglie già cresciute di numero con l’arrivo di tenerissimi bimbi…

in passato ho già avuto modo di raccontare la loro bella storia, che ora si arricchisce di un nuovo, importante capitolo…

perché, nel periodo più difficile degli ultimi decenni, Manuel, da vero, tosto ceppista, non lascia…
anzi…raddoppia…

da “ilsecoloxix.it”, 21 giugno 2021

PEGLI, AVEVA CONSEGNATO PIZZE GRATIS AGLI OSPEDALI DURANTE LA PANDEMIA.
ORA APRE UN NUOVO NEGOZIO PER FAR RICRESCERE IL LAVORO

(clicca per ingrandire)


Non è mai rimasto fermo. 

Nel pieno del lockdown di un anno fa, piuttosto che lasciar scadere le provviste mentre tutto era chiuso per la pandemia, si era messo a cucinare pizze per il personale dell’ospedale di Voltri.
Ogni sera ne consegnava a decine, per quell’unico momento lontano dalla sofferenza di medici e infermieri, impegnati in turni devastanti.

Però aveva pensato anche ai suoi clienti.
Quelli dell’aperitivo, della prima serata, un punto d’incontro che a Pra’ mancava che è nato proprio a ridosso dell’epidemia. 

Per loro ha studiato un confezionamento speciale per i cocktail, potendoli così consegnare a domicilio, come le pizze.

Ora Manuel Camedda, che aveva iniziato come “garzone”, si dice da queste parti, nella storica pizzeria “Frae Buttin”, poi diventata con lui “Voglie di Pizza” ridando vita all’altrettanto storico “Bar Sport” di via Pra’, ora raddoppia a Pegli.
E lo fa per battere la crisi dovuta all’anno di pandemia.

Il 5 luglio prossimo inaugurerà una nuova pizzeria, “Voglie di Pizza 2” nel cuore del Risveglio.

«L’anno di restrizioni ha colpito tutto il tessuto commerciale – spiega Camedda – Molti non sono riusciti a riaprire, altri sono sull’orlo della chiusura. Io ho pensato ai ragazzi che lavorano con me, alla mia famiglia e per ripartire ho deciso di aumentare il volume del lavoro».

Il nuovo locale, che sarà ad asporto, aprirà sull’Aurelia del Risveglio di Pegli.

«Sarà una pizzeria diversa da quella che tutti conoscono a Pra’ – spiega Manuel Camedda, che insieme al fratello Loris gestisce le due pizzerie nel ponente genovese – Faremo tutte specialità da asporto, anche al taglio. È un esperimento, che non cambia la nostra idea di pizza: ingredienti freschi e di prima qualità».

La nuova pizzeria aprirà a fianco del bar Risveglio ‘77, in quegli angoli del ponente battutissimi negli anni Ottanta e che ora stanno tornando a vivere.

Ci saranno anche delle sorprese.

«Quando ho aperto la pizzeria di Pra’ ho preparato le pizze chiamandole con il nome dei miei amici, delle persone che avevo conosciuto o delle compagnie di ragazzi che vivono sul territorio», a Pegli è tutto ancora da studiare.

Di sicuro però, il prossimo 5 luglio, Voglie di Pizza si accenderà anche al Risveglio, per una esperienza ancora diversa.

link a
“Le nostre voglie di pizza’ e le ‘quattro stagioni’ di Sara e Loris…”
(25 ottobre 2018)
link a
“voglie di pizza”, voglie di…vincere e…voglia di belle storie…come questa…
(20 maggio 2020)
link a
“Bravi!!!…ed è ancora poco…”
(26 agosto 2020)
Manuel Camedda – foto dal sito “ilsecoloxix.it” –
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.