“voglie di pizza”, voglie di…vincere e…voglia di belle storie…come questa…

“voglie di pizza”, voglie di…vincere e…voglia di belle storie…come questa…

 

 

 

quello che dovremmo fare davvero, è saperla mordere questa vita, proprio come se fosse un pezzo di pizza…

 

 

Loris e Davide, Ceppions League 2008
(clicca per ingrandire)


Loris
l’ho visto crescere al campetto di calcio del Pianacci, al Cep di Pra’, in tante edizioni della “Ceppions League”
Ho visto “nascere” la sua bella storia d’amore con Sara, una storia che ora ha due “personaggi” in più, gli stupendi Michael e Daniel

Anche Davide, da adolescente, è stato una presenza fissa al Pianacci; si è sposato con Alessia e pure loro hanno due bellissimi bambini, Fabrizio ed Alice.

Manuel e Francesca invece hanno fatto tris, con due gemelli, Melissa e Christian, che di recente sono andati ad aggiungersi alla primogenita Sofia…

Manuel è il titolare della pizzeria “Voglie di pizza” a Pra’; per la sua attività ha voluto al suo fianco il fratello Loris, con Sara, ed ha affidato il forno all’amico Davide, provetto pizzaiolo…

i cocktails vengono preparati dall’ottimo barman Alessio, fratello di Sara…

la singolare storia di Manuel è stata ben raccontata sulla pagina Facebook “Io parlo da sola…” 

E’ una bella storia, ed anche un bell’esempio per chi si crogiola nel “non è possibile, non ce la posso fare”
Certo, non tutti ce la possono fare, è la legge della vita…
Ma spesso, chi ci crede veramente, un suo spazio lo trova…
anche partendo dalle colline di periferia…

 

dalla pagina Facebook
“Io parlo da sola…”
18 maggio 2020

VOGLIE DI…VINCERE

 

Oggi vi racconterò una storia e ve la racconto per un sacco di buone ragioni: perché questa potrebbe sembrare una favola ma non lo è, perché è la storia di chi non si è arreso e perché oggi, proprio oggi, con la riapertura di quasi tutte le attività, abbiamo bisogno di un senso profondo di fiducia in sé stessi, e questa storia lo racconta bene.

Può sembrare la biografia di qualche luminare o del primo uomo sulla luna, ma non lo è, questa è la storia di un pizzaiolo.

Quando sei ragazzino e vivi in un quartiere periferico, non è facile scontrarsi con la realtà dura e aspra fatta di motorini senza marmitta e di giorni di scuola saltati, poi arriva il momento in cui bisogna darsi una svegliata, perché magari vorresti portar fuori la tua prima ragazzina o vorresti comprarti quel casco appena uscito in negozio.
Allora ti cerchi un lavoretto, ma non è semplice trovarne uno, così, anche se non credi sia il massimo, accetti la proposta di fare il portapizze e mentre pioggia e vento iniziano a non avere più segreti per te, osservando chi le pizze le fa davvero, impari le dosi, le quantità, impari come si fa, impari un mestiere.

Capita poi che dopo tre anni, quell’attività che nel frattempo è diventata la tua seconda famiglia, per svariati motivi, ti ceda il posto e ti ritrovi a fare un salto nel buio di un negozio con le serrande abbassate e un motorino nuovo ancora da pagare…
però una cosa l’hai guadagnata, ora sai come si fa e da buon testone, decidi che quello sarà il tuo futuro, quello diventerà il tuo locale e così fai in modo che succeda.

Avverrà poi che qualche anno dopo, quell’angusto localino diventi uno dei posti con il maggior numero di richieste, con recensioni assolutamente positive e con cinque portapizze tutti per te, i ruoli si sono scambiati, ma li saprai sempre trattare in un certo modo, diventeranno una nuova famiglia, perché tu sai davvero cosa voglia dire “essere dall’altra parte”, sai cosa voglia dire fare quel mestiere.

Poi succede che le mura dell’attività che ti hanno visto crescere non riescano a contenere tutto il lavoro che ti sei creato e con tanta sofferenza, decidi di chiudere, per fare un altro salto nel buio…un locale più grande, con non solo l’ asporto ma un luogo in cui le persone possano stazionare un po’ di più per mangiare…

e inizi a renderti conto forse, che magari davvero ci sai fare, che la tua testardaggine che tanto mamma non sopportava, alla fine ti ha portato esattamente dove sei, ti rendi conto che ami avere persone attorno, che la gente lì sta bene, sei bravo, li coccoli, perché, non ci sono dubbi, sai che il segreto per tutto ciò che si fa è l’amore…
e così, qualche anno dopo, decidi di allargarti ancora di più, non solo pizza ma anche cocktail e aperitivi e capirai di aver fatto davvero in tutti quegli anni prima le scelte giuste e pareggiato i conti con te stesso e con quel ragazzino che la sera prendeva il motorino e faceva le consegne.

Questo è un messaggio di speranza per tutti coloro che in qualche modo sono stati abbandonati in questo periodo, per tutti coloro che ci tengono compagnia durante i nostri acquisti, per le piccole botteghe, per i negozietti sotto casa, per chi ha chiuso e chi non ha chiuso mai, questa è la storia di un ragazzo che con tenacia e caparbietà si è realizzato, dando dignità a sé stesso, lavoro ad altri e felicità a tante famiglie…

questo è un inno per coloro che sono stati messi alla prova dalla vita ultimamente, perché spesso questa nostra esistenza la accarezziamo o ci arrabbiamo su e invece quello che dovremmo fare davvero, è saperla mordere questa vita, proprio come se fosse un pezzo di pizza.

Un in bocca al lupo a tutti coloro che oggi hanno riniziato a lavorare.

Un grazie a Manuel che mi ha permesso di raccontare la sua storia.

Un avviso a tutti voi: questo ragazzo pieno di risorse si è pure inventato il cocktail a domicilio, spedizioni in tutta Italia, in 24/48 ore suoneranno alla vostra porta, perché lo spritz e il coraggio, arriveranno davvero ovunque, se solo si vorrà.

Io gliene darei atto e mi inventerei un apericollettivo, fissando una data, sarebbe strafigo.
Pensiamoci.

Nel frattempo, per ordinare, cercate “Voglie di Pizza “ a Genova, alla fine non siamo poi così tirchi, portiamo felicità a domicilio.

 

 

Davide e Loris al Pianacci nel 2008…

Loris e Davide, Ceppions League 2008
(clicca per ingrandire)

e qui Davide e Loris al PIanacci, 10 anni dopo,  con mogli e bimbi…

29 maggio 2018, Davide, Alessia e Fabrizio al Pianacci
(clicca per ingrandire)

 

29 maggio 2018, Loris, Sara, Michael e Daniel al Pianacci
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.