L’inconfondibile, largo sorriso del Sindaco Pericu

L’inconfondibile, largo sorriso del Sindaco Pericu

Appena terminata la discesa vidi alcune persone sedute ai tavolini.
Una di queste si alzò, venendomi incontro con il suo inconfondibile largo sorriso, accompagnato da un saluto a dir poco affettuoso…

Oggi, all’età di 84 anni, è mancato Giuseppe Pericu, primo cittadino della nostra città dal novembre 1997 al 2007.

Il Circolo ARCI Pianacci è stato inaugurato l’8 marzo 1997 (quel giorno era ancora Sindaco Adriano Sansa, cui si deve l’avvio della nostra storia) e quindi si può dire che Giuseppe Pericu abbia “accompagnato” i primi dieci anni di vita della nostra Associazione.

Con lui, sia a livello personale che in qualità di presidente (in quel periodo) del Circolo Pianacci, ho avuto un rapporto molto diretto ed altrettanto piacevole, costellato da una miriade di aneddoti.
Qui ne ricordo alcuni.

Il primo incontro fu al Pianacci, nel novembre 1997, al termine della campagna elettorale che lo portò a Palazzo Tursi.

Con la consueta franchezza, unitamente al mio “in bocca al lupo” per la sua campagna, gli confidai di avere molto apprezzato la “vicinanza” ed il cordiale rapporto che si era instaurato, in quei primi sei mesi, con il Sindaco Adriano Sansa, pure nuovamente candidato con una lista civica.

Lui ebbe parole, che recepii come molto sincere, di grande stima nei confronti di Adriano Sansa.

Un’eleganza che in quel periodo era difficile riscontrare in altri esponenti del partito di maggioranza…

il primo incontro al Pianacci con Giuseppe Pericu (novembre 1977). Il secondo da sinistra è l’indimenticato Presidente di Circoscrizione, Franco Maggi. Al suo fianco Ubaldo Benvenuti poi, dopo Giuseppe Pericu e me, Rossella D’Acqui, Carlo Rognoni e, sull’estrema destra, Fernando Veneziani e Gianna Dapelo.
(clicca per ingrandire)

Il 27 luglio 2003 il Pianacci ospitò il primo, prestigioso evento della sua storia.

Quel giorno, grazie al suo personale impegno (ed a quello dell’Assessore Luca Borzani) al Pianacci si esibì in un concerto straordinario fuori sede l’Orchestra Sinfonica del Teatro Carlo Felice, ben 91 musicisti diretti da Giuseppe Grazioli, con una grande partecipazione di pubblico (un migliaio di persone).

In quel periodo più volte il Sindaco Pericu aveva avuto modo di sottolineare l’importanza del nostro percorso, che aveva contribuito a far conoscere meglio nuovi pezzi di città (“La città non si ferma a piazza De Ferrari”) e fui molto felice di essere coinvolto, con uno strappo alla “liturgia” dei concerti sinfonici, nella presentazione dell’evento e nella consegna di un ricordo ai diversi rappresentanti delle istituzioni presenti quella sera, Sindaco compreso.

27 luglio 2003 – Concerto Orchestra Sinfonica del Teatro Carlo Felice – il saluto al Sindaco Giuseppe Pericu (clicca per ingrandire)
Il servizio del TgR Liguria – 28 luglio 2003

E’ il 2007, il Sindaco Giuseppe Pericu è alla fine del suo secondo mandato.

Gli faccio pervenire, sia a titolo personale che a nome della nostra Associazione, alcune righe di ringraziamento per la sua costante e concreta attenzione nei nostri confronti.

Pochi giorni più tardi ricevo una sua lettera, riprodotta qui sotto, che conservo ancora con comprensibile orgoglio.

La foto con me e Susanna fu invece scattata nella nostra farmacia, a mia memoria credo fosse il 2005.

Come ho raccontato alcuni anni fa, (https://www.carlobesana.it/quella-volta-con-pericu-ed-hamza-piccardo/) feci da “mediatore” per un incontro tra il Sindaco Pericu ed importanti rappresentanti della comunità islamica, tra i quali Hamza Piccardo, sul tema a quei tempi vibrante della necessità di una moschea in città.

Per evitare “appostamenti” di giornalisti e fotografi l’incontro fu allestito nell’ampio retro della mia farmacia al Cep, e fu per me l’occasione per apprezzare ancor più l’equilibrio e lo spessore culturale di entrambi gli interlocutori.

Io, il Sindaco Giuseppe Pericu e Susanna nella nostra farmacia.
(clicca per ingrandire)

L’ultima volta (sempre a mia memoria) in cui ho avuto occasione di incontrare Giuseppe Pericu è stato il 21 ottobre 2017.

Erano venuti a trovarmi, dalla Brianza, alcuni amici della mia gioventù.

Era una bella giornata, in tarda mattinata li portai a Boccadasse.
Appena terminata la discesa vidi alcune persone sedute ai tavolini.
Una di queste si alzò, venendomi incontro con il suo inconfondibile largo sorriso, accompagnato da un saluto a dir poco affettuoso…


ed è proprio così, con il suo largo, empatico sorriso, che mi piace ricordare Giuseppe Pericu…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.