Noemj, un angelo di soli 9 anni, poche ore fa è tornata in cielo…

Noemj, un angelo di soli 9 anni, poche ore fa è tornata in cielo…

Noemj, 9 anni, poche ore fa è tornata in cielo…

no, non è un errore…
Noemj non ce l’ha fatta, ed aveva solo 9 anni…

dopo una lunga malattia, interventi chirurgici, terapie pesanti, sopportate senza far mancare mai il suo sorriso, il suo fisico, minuto ma tenace, ha infine ceduto…

È la prima volta che mi capita di scrivere qualche riga a ricordo di una creatura ancor così piccola, per giunta una bimba che ho visto crescere, al Pianacci…
e questo rende tutto terribilmente più difficile…


Noemj era vivacissima e nello stesso tempo dolce come lo può essere una bimba affettuosa…

quando era più piccola diverse volte mi è capitato, come con altri bimbi della sua età, di farle “fare un giro” sul mio scooter, all’interno dell’Area Pianacci…

in piedi, tra me ed il manubrio, tenuto molto stretto, con la continua tentazione, mai repressa, di staccare una mano ed azionare il clacson…
e quante volte, lei come tutti gli altri, mi ha chiesto di “andare più forte”, ed io son riuscito a bluffare con sporadici, innocui, rumorosi colpi di acceleratore…
un bluff necessario per renderla felice senza farle correre inutili rischi…

poi la lunga malattia, e le speranze di tutti sempre più affievolite, fino alla rassegnazione, che ha creato crescente sgomento ed incredulità nell’intera comunità del Cep…

poco fa, alla triste notizia, mi sono chiesto come avrei potuto spiegare, ad un bambino della sua età, perché Noemj non c’è più…

forse avrei provato a dire, nel modo più convincente possibile, che Noemj era un angelo e che gli angeli vengono mandati vicino a noi per regalarci la loro compagnia, la loro allegria, ma non possono fermarsi troppo a lungo…
noi siamo stati fortunati ad avere accanto a noi, in questi anni, un tenerissimo angelo che ci ha voluto dimostrare come si possa affrontare la sofferenza senza perdere il sorriso…

poi si sa, gli angeli vengono richiamati lassù perché la loro compagnia non è un dono esclusivo nostro, è un privilegio che deve essere donato ad altre persone…

non so se sarei riuscito ad essere convincente…

forse era più facile, con un innocuo colpo d’acceleratore, convincere Noemj che con lo scooter stessimo andando veramente veloci, proprio come aveva chiesto lei…

ed è stata lei invece ad essere veloce, troppo veloce, nel lasciare la vita che avrebbe dovuto invece sorriderle ancora per molti anni, accanto a chi le ha voluto bene, e gliene avrebbe avuto sempre, in primis sua mamma Daniela…

quando, nel giorno già scritto nel nostro destino, mi toccherà salire lassù, andrò anche alla sua ricerca…

mi farò prestare uno scooter fantastico, da paradiso, e per farmi perdonare la porterò a scorrazzare davvero, velocissimi, senza ingannarla con finti colpi di acceleratore, e senza limiti di spazio e di tempo…

non correremo rischi, non avrò motivi di preoccupazione…
lassù saremo al sicuro…

avete mai sentito dire che in Paradiso possa capitare qualcosa di male???…
io mai!!!…
tantomeno ad un angelo di soli 9 anni in attesa del volo verso una nuova missione…

19 dicembre 2018 – Recita Scuola Materna (clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.