Goodbye Elton!!!

Goodbye Elton!!!

8 giugno 2004 io e Susanna siamo presenti (con il privilegio di una invidiabile 5^ fila) al concerto “Elton John solo piano”, nello spazio espositivo della Fiera di Genova.

16 giugno 2016, con la nostra amica Teresa, siamo presenti a Piazzola sul Brenta (Padova) per il concerto “Elton John & the Band – Wonderful Crazy Night Tour”.

L’amico Luca Giachin ne è a conoscenza, e gli sembra strano che venerdì 3 giugno, alla sua domanda “Domani sei a Milano per il concerto di Elton John?” gli risponda “Non ne so nulla, è un periodo zeppo di impegni e mi è proprio sfuggita la notizia”…

E che notizia!!!

E’ in programma l’unica tappa italiana del “Farewell Yellow Brick Road”, il “Final Tour” con il quale Elton John intende salutare tutti i suoi fans e chiudere la sua lunga carriera…

Una delle canzoni di Elton John (non una delle più famose) è la “colonna sonora” dell’inizio della nostra storia…
Possiamo, io e Susanna, perdercelo?
Certo che no!!!, ed inizia la ricerca dei biglietti.


Vana, perché sui canali ufficiali di vendita risultano disponibili solo biglietti per posti sugli spalti di San Siro ed alcuni costosi biglietti dichiarati però “a visibilità limitata”

il resto, anche i salatissimi posti in Platea Gold (in buona sostanza sul prato davanti al palco) risultano sold out…

Ci viene in soccorso l’imprevedibilità di quell’affascinante libro della vita che di norma chiamiamo “destino”

nel pomeriggio di venerdì io ed Enrico Testino abbiamo in programma una videochiamata con un amico, importante organizzatore di spettacoli, il quale, venuto a conoscenza della mia frustrazione (e della disponibilità ad affrontare i costi della Platea Gold) si fa parte attiva con i suoi canali di lavoro, ed in pochi minuti eccomi in possesso dei due preziosissimi tagliandi (nel frattempo si è aggregato anche Luca, che ha trovato posto in altro settore).

i preziosissimi biglietti
(clicca per ingrandire)

Abbiamo così potuto “vivere”, ieri sera, uno spettacolo semplicemente fantastico, iniziato dalla ventesima fila della platea e proseguito poi a bordo palco, a pochi metri da uno straordinario Elton John.

Non si è risparmiato: due ore abbondanti di show, 24 tra i suoi immortali successi accompagnato da una band spaziale, con Davey Johnstone alla chitarra, Nigel Olsson alla batteria, Ray Cooper alle percussioni, John Mahon a percussioni e coro, Kim Bullard alle tastiere e Matt Bissonette al basso.

E lui, Elton, ovviamente al pianoforte, lo strumento che lui pose al centro delle sue performances pop 50 anni fa, in un’epoca in cui ancora era il rock, e di conseguenza la chitarra, a fare la voce grossa…

(clicca per ingrandire)

il colpo d’occhio è fantastico…

(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
(clicca per ingrandire)
c’è ancora un po’ di luce, ma non toglie nulla alla suggestione delle “lucine” che illuminano gli spalti, e non solo…
(clicca per ingrandire)

Il pianoforte è posto su un binario che, di tanto in tanto, durante le sue esibizioni, attraverso un marchingegno meccanico, gli consente di essere trasportato lungo tutta l’estensione del grande palco…

E’ lo stesso “binario” che lo porterà, durante l’esecuzione dell’ultimo brano, a poter salutare continuamente il pubblico mentre raggiunge il punto di arrivo, all’estremità destra del palco…

togliendosi la bizzarra vestaglia indossata nella breve pausa che ha preceduto i brani finali, ed esibendo una tuta (rossonera, non so se casuale, ma a me molto gradita), sulla quale campeggia, ovviamente, una grande scritta luccicante con il suo nome, Elton John sale su un cestello che lo solleva fino al punto più alto del fondale del palco, nel quale si apre una piccola breccia che lo “inghiotte” letteralmente, facendolo ricomparire sul grande ledwall sorridente, prima di voltarsi per incamminarsi poi, di spalle, verso la luce…
l’ultimo brano infatti è, non a caso, “Goodbye Yellow Brick Road”, e l’uscita di scena è un chiaro riferimento alla copertina dello storico album del 1973, che dà il titolo al tour…

Non ha voluto cancellare la tappa milanese nonostante l’invito al Giubileo di Platino della regina Elisabetta II, pure in programma proprio ieri sera.

Al Platinum Party, nel parco davanti a Buckingam Palace, viene trasmesso un video registrato mentre lui, in carne, ossa, abiti ed occhiali stravaganti firmati Gucci e pianoforte è lì, con noi e per noi…

in due ore attraversa le “colonne sonore” della vita di tutti gli spettatori, cinquantamila presenti appartenenti a diversissime fasce d’età, dai nonni ai nipoti…

Le struggenti Your Song e Candle in the wind (quest’ultima nella versione originale, quella dedicata a Marylin Monroe le cui immagini scorrevano sullo schermo)…

Border Song, brano attualissimo che parla di razzismo e condanna l’intolleranza, che lui presenta ricordando Aretha Franklin che l’aveva inciso nel 1970, e che ha indicato come l’artista che più ha influenzato il suo modo di suonare il piano, oltre ad essere donna e artista meravigliosa…

Have mercy on the criminal, con una performance straordinaria del chitarrista Davey Johnstone…

Don’t let the sun go down on me, dedicata all’amico Gianni Versace

Cold heart”, brano inciso con Dua Lipa che durante l’esibizione compare sugli schermi in un video preregistrato…

Rocket man, con un preludio ed un lungo intermezzo musicale che sembra letteralmente proiettare San Siro e tutti gli spettatori direttamente nello spazio…

“È il nostro ultimo show in Italia, cercheremo di fare del nostro meglio per regalarvi una serata speciale”, aveva detto Elton John, ed è stato di parola, esibendo sia sul piano vocale che con il pianoforte una forma straordinaria, che ha raggiunto il suo punto più alto con una strepitosa performance, durata parecchi minuti, al termine della quale per un attimo si è letteralmente “lasciato andare” sulla tastiera…

(clicca per ingrandire)
Davey Johnstone
Davey Johnstone
(clicca per ingrandire)

All’inizio dello show sugli schermi era comparso un avviso perentorio: “Elton John incoraggia tutti i suoi ospiti ad alzarsi in piedi e ballare davanti alle loro sedute. Per favore, mantenete i corridoi di sicurezza liberi, ma esprimete voi stessi”…

ma, come accaduto anche al concerto del 2016, ad un certo punto c’è stato il “via libera”, ed in un secondo gran parte del parterre si è riversata festante sotto il palco, lasciando deserte le “costosissime” sedie fino al termine del concerto…

è l’ultimo concerto di Elton in Italia, e non mi interessa starmene seduto, sia pure in posizione più che privilegiata, a guardare ed ascoltare…

ascoltare in mezzo a gente di ogni età sotto il palco, condividendo commenti ed emozioni con persone mai viste prima, e che non rivedrò più, trasforma il tutto in una dimensione nella quale il solo “ascolto” non è sufficiente, è una limitazione rispetto alle emozioni che può dare la partecipazione ad un rito collettivo…

e le foto scattate mentre si canta, tutti insieme, sotto il palco, saranno da oggi in poi un efficace strumento che potrà rinnovare, nel tempo, il ricordo, anche visivo, di una serata irripetibile…

(una selezione di primi piani – e curiose espressioni – di Elton John
cliccare sulle singole foto per ingrandire)

(tutte le foto – cliccare sulle singole foto per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.