La canzone di protesta

La canzone di protesta

 

8 febbraio 2012

Link all’articolo

(Paolo De Totero, per “Il Corriere Mercantile”)
La canzone di protesta
Sulle note di “Donne” di Zucchero siluri alla Vincenzi. L’autore “sono un suo elettore deluso”
MARTA DUDUDU, BESANA METTE IN MUSICA LE DISAVVENTURE DEL SINDACO “TRADITO”

Si può chiedere ad un creativo di essere politically correcti? Probabilmente no.
Certamente non si può pretendere che un elettore deluso non sfoghi la sua rabbia in maniera creativa con ironia al curaro.

Parole di Carlo Besana, íl farmacista intrattenitore del Cep che ha fatto della sua zona un miracolo sociale in salsa di periferia degradata, l’uomo mitizzato da “MicroMega” al punto di essere additato quasi come un’icona rivoluzionaria.
E musica di Zucchero Fornaciari.
Le note di “Donne” – poteva essere diversamente? – visto che la Marta è 38+1, nel senso che 38 sono stati i suoi predecessori e l’uno è lei, Marta Vìncenzi, il primo sindaco donna.

“Donne”, dunque di Zucchero Fornaciari, con tanto di “dududù”.
Senonché Carlo canta, graffiando, tutto lo struggimento di chi la SuperMarta l’ha votata rimanendone deluso, probabilmente giustificando le primarie in cui è incappata pur non volendole, con la raffica di scivoIoni in cui nei suoi cinque anni amministrativi è riuscita ad incappare.
E, come un amante tradito, non le risparmia nemmeno le disavventure giudiziarie del suo portavoce Stefano Francesca quelle del suo assessore Paolo Striano.
«Avrebbe potuto lasciare allora – spiega Besana – e si sarebbe potuta ricandidare in questa occasione.
Invece andò diversamente, con tanto di lacrime in consiglio comunale.

Ma l’autore si sofferma anche sulle difficoltà caratteriali e allude senza mezzi termini alla alluvione quando canta “Sei spesso confusa, nelle sciagure poi non chiedi mai scusa“.
Eccolo lì il difetto principale che in molti le hanno addebitato allorché è venuta a contatto con i poveri alluvionati.
Poi ci ha messo la faccia e in consiglio comunale è arrivato il momento della commozione. E delle scuse pubbliche. Ma sul momento la prima reazione è stata spigolosa, forse frutto, appunto della confusione.
Poi Besana va oltre per concludere con la bocciatura dei proclami pre-elettorali e della sua discontinuità, dalla gronda di Ponente alla rivalutazione delle periferie messe al centro del suo programma.
Da allora chi h ha visti i tuoi progetti e le tue idee?“.
Insomma l’abiura secca da parte di un ex sostenitore che evidentemente, a distanza di cinque anni, si sente tradito. E il tradimento evoca rabbia e voglia di vendetta, proprio come accade negli amori finiti.
Magari senza avere la necessaria lucidità per capire che in un simile momento anche la sua ultima fatica canora finisce per fare il gioco degli avversari della sua ex preferita.
Ma il cantautore della periferia urbana assicura di essere super partes, di più: che non andrebbe a votare alle primarie e che almeno al momento non parteggia per alcuno degli altri candidati.
Anche se, c’è da giurarlo, il suo ultimo “remake” presto verrà postato, magari anche solo per gioco, sui cinguettanti siti degli avversari di SuperMarta. 

MARTA (dududu)

Libero adattamento di Carlo Besana
al brano ”Donne”
di Zucchero Fornaciari e Alberto Salerno

Marta, dududu,
farà le primarie
si porta in dote disavventure varie
Marta, dududu,
che non le voleva
”Son stata brava” ma non le si credeva
Ma non ricordi il portavoce
e quel dì che fu arrestato
c’era un giro di tangenti
e lui era assai implicato
Poi l’assessor della tua giunta
indagò un magistrato
Roba sporca, roba unta
ed anche lui fu arrestato
Marta, dududu,
ci vuol molto meno
per dire “Lascio, forse ci rivedremo”
Marta, dududu ,
sei spesso confusa
nelle sciagure poi non chiedi mai scusa
Ti inventi il pubblico confronto
per la Gronda di Ponente
tutti i cittadini contro
mai fai finta che sia niente
Dicesti “Metterò al centro
tutte le periferie”
ma da allora chi li ha visti
i tuoi progetti le tue idee?
Marta, ooh
Marta
Marta, dududu ,
sei spesso confusa
nelle sciagure poi non chiedi mai scusa
Marta, dududu,
ci vuol molto meno
per dire “Lascio, forse ci rivedremo”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.