Marta (dududu)

Marta (dududu)

 

7 febbraio 2012

Il nuovo “video-cazzeggio” è dedicato alle primarie 2012 che designeranno il candidato del centro sinistra alla carica di primo cittadino del Comune di Genova, con un particolare riferimento al sindaco uscente, Marta Vincenzi.
Una candidatura, quella del sindaco uscente, per molti sorprendente, viste le voci che, immediatamente dopo l’alluvione del 4 novembre 2011, davano per certa la rinuncia di Marta Vincenzi , non tanto perché le venissero attribuite responsabilità dirette , da spalmare invece su qualche decennio di “disattenzione amministrativa”, quanto per la gestione complessiva del “dopo alluvione”, proprio come era capitato un anno prima, quando un’analoga sciagura colpì il territorio di Sestri Ponente.
Con l’aggravante, cronica, di non pronunciare , a nome dell’amministrazione da lei guidata, una semplice parola di 5 lettere (“scusa”) che molti avrebbero apprezzato.
Così come sarebbe stato apprezzato, da molti suoi sostenitori, un diverso atteggiamento quando due uomini della sua giunta, scelti direttamente da lei, cioè il suo portavoce ed un assessore, vennero arrestati per questioni di tangenti e corruzione (“roba unta” si riferisce al coinvolgimento alla vicenda dell’ex Oleificio Gaslini).

Molti attendevano un gesto di coerenza, le sue dimissioni, con l’assunzione di responsabilità non direttamente sue ma di due suoi stretti collaboratori; un gesto che le avrebbe consentito di ripresentarsi più forte all’inevitabile e conseguente nuovo appuntamento elettorale.
Nel testo viene messo in evidenza anche un percorso “bizzarro” , il dibattito pubblico (anzi, debat publique…) sui lavori invasivi della Gronda di Ponente, in cui il parere, fortemente contrario, espresso dai cittadini , non è stato minimamente considerato , spacciando scelte già assunte dall’amministrazione come frutto di percorsi condivisi.

Infine le promesse disattese, in particolare la volontà, espressa in campagna elettorale, di mettere le periferie al centro della sua azione politica , salvo poi “dimenticarsene” una volta arrivata sul gradino più alto di Palazzo Tursi.
Gli esempi potevano essere ancor più numerosi (nulla di personale, solo una riflessione sulle scelte, o “non scelte”, che caratterizzano un’azione politico-amministrativa) , ma, purtroppo, il brano dura solo tre minuti….

e si conclude con un episodio del 2008 (video tratto da youtube) quando, nel corso di una conferenza stampa, due giornalisti vennero cacciati in malo modo da Marta Vincenzi; la loro colpa: aver chiesto lumi in merito ai notevoli costi di promozione di un evento, curato dal suo portavoce..

p.s.: non sono un cantante (e si nota), gli altri cazzeggi li ho preparati con più tempo, una sala in cui fare più prove,più tracce da assemblare. In questo caso lo “stimolo” è giunto improvviso (i cazzeggi nascono così) e l’amico con la sala abituale non era disponibile. Quindi registrazione unica, senza prove, e per giunta con improvvisa raucedine... ma ne convengo, alla tonalità di Zucchero non ci arrivo… ma alla voglia di cazzeggio non si resiste…

 

 

Libero adattamento di Carlo Besana
al brano “Donne”
di Zucchero Fornaciari e Alberto Salerno

Marta, dududu,
farà le primarie
si porta in dote disavventure varie

Marta, dududu,
che non le voleva
“Son stata brava” ma non le si credeva

Ma non ricordi il portavoce
e quel dì che fu arrestato
c’era un giro di tangenti
e lui era assai implicato

Poi l’assessor della tua giunta
indagò un magistrato
Roba sporca, roba unta
ed anche lui fu arrestato

Marta, dududu,
ci vuol molto meno
per dire “Lascio, forse ci rivedremo”

Marta, dududu ,
sei spesso confusa
nelle sciagure poi non chiedi mai scusa

Ti inventi il pubblico confronto
per la Gronda di Ponente
tutti i cittadini contro
mai fai finta che sia niente

Dicesti “Metterò al centro
tutte le periferie”
ma da allora chi li ha visti
i tuoi progetti le tue idee?

Marta, ooh
Marta

Marta, dududu ,
sei spesso confusa
nelle sciagure poi non chiedi mai scusa

Marta, dududu,
ci vuol molto meno
per dire “Lascio, forse ci rivedremo”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.