Tursi immobile, il Pianacci cancella la programmazione

Tursi immobile, il Pianacci cancella la programmazione

 

11 febbraio 2012

Qualcuno pensa che a noi faccia piacere, quasi un perverso piacere, a fare polemica con il Comune.
La realtà invece è semplice: se un soggetto (il Circolo Pianacci) gestisce uno spazio pubblico in virtù di un’apposita convenzione ed il Comune lascia scadere la convenzione, sia pure “per pigrizia” (un

 

Link all’articolo

(Alessandro Ponte, per “Il Secolo XIX”)
La struttura del riscatto del quartiere 
Besana: «Forse si preferisce il silenzio delle siringhe»
TURSI ZITTISCE IL PALACEP DI CELENTANO
Manca il via libera del Comune promesso sei mesi fa: cancellata la programmazione

«EVIDENTEMENTE la città preferisce, per il Cep di Pra’,che si ritorni alla tranquillità di un decennio fa, con il “piacevole” silenzio delle siringhe».
Sembra passato un secolo da quando Carlo Besana, storica guida del consorzio di società sportive dell’area Pianacci, chiudeva in un abbraccio collettivo le millecinquecento persone intervenute per la serata pro alluvionati alla Pianacci.
Quel sabato che aveva segnato il ritorno alla canzone dal vivo, dopo quattordici anni, di Adriano Celentano. Proprio al Cep.
Invece era il 3 dicembre scorso, poco più di due mesi fa, ma di quella gioia non rimane più niente.
Un documento del Consorzio Sportivo Pianacci «comunica la propria impossibilità a organizzare eventi per il futuro e quindi la sospensione della strutturazione degli eventi previsti per l’anno in corso», in particolare per l’estate.
«E non stiamo parlando della luna – dice l’ex farmacista simbolo del riscatto del quartiere Cep – ma dell’organizzazione di eventi che nel resto della città sono consentiti».
Tutto finito. Cancellati dal calendario che si andava ad allestire , tutti i concerti, le iniziative.
Il perché lo si legge sempre nel documento diffuso dall’associazione: «Questa sospensione è dovuta alla mancata soluzione, da parte del Comune di Genova, dopo sei mesi di attesa, dei problemi relativi ai permessi per realizzare spettacoli ed eventi pubblici».
Davanti a questo immobilismo si arena la storia dell’area Pianaccci.
Una struttura simbolo ovunque si parli di quartieri ghetto.
Quattordici anni di impegno e passione che hanno restituito orgoglio a un angolo buio di Genova. Ma anche scatenato invidie, colpi bassi.
Come quel petardo che ha squarciato il tendone del Palacep lo scorso capodanno, o quella denuncia del gennaio di un anno fa « per disturbo della quiete pubblica » con procedimento ancora in corso.
Proprio da quest’ultima si arriva alla realtà dei fatti di oggi.
«Dopo la denuncia, nell’agosto scorso – spiega Besana – l’assessore ai lavori pubblici Margini ci aveva detto che avremmo dovuto chiedere un permesso permanente, promettendo il suo nullaosta da subito». Poi il silenzio. Nonostante le numerose lettere di sollecito spedite a Tursi dal Consorzio, l’ultima lo scorso 31 gennaio. Silenzio anche davanti alla minaccia di dover interrompere tutte le manifestazioni che hanno trasformato l’area «da struttura periferica a centro di valore cittadino e regionale».
Parole proprio dell’assessore Mario Margini.
«Avremmo preferito dire che tutto si era risolto, ma non è così» incalza l’ex farmacista. «E a dire il vero siamo anche noi increduli. Con l’assessore Margini si può anche litigare facilmente, ma solitamente non è il tipo che viene meno alla parola. Per questo eravamo convinti che i permessi sarebbero arrivati».
Invece no. La minaccia è diventata realtà. Depennati tutti gli impegni che gli organizzatori della Pianacci avrebbero affrontato.
Dopo un decennio si cancella anche il ciclo di spettacoli “Che estate alla Pianacci” e non è poco. Una rassegna che ha consentito di allestire al Cep 112 eventi di spettacolo a ingresso gratuito, i concerti di 150 gruppi, 1.100 artisti seguiti complessivamente da oltre oltre 100 mila spettatori, dove prima si esibiva sul serio un «silenzio di siringhe».
«E ci lascia attoniti pensare che si tratta di permessi che vengono rilasciati in abbondanza in ogni angolo della città.Qui invece sembra impossibile averli».
Senza un perché, zero decibel la risposta.
E lo aveva detto Adriano Celentano, quel primo sabato di dicembre, «che i genovesi non avrebbero dovuto sognare».
Lui, insieme a Beppe Grillo, Gino Paoli e Biagio Antonacci. C’era Don Gallo anche.
Aveva ragione. Perché senza le certezze, già promesse dal Comune, si cancellano, in un colpo: il raduno regionale con oltre 600 scout, gli spettacoli allestiti dagli istituti scolastici del ponente cittadino, i concerti con l’Orchestra sinfonica del Carlo Felice e quella di Sanremo, gli incontri tra culture e religioni diverse, la serata speciale con Marco Travaglio e Moni Ovadia.
E tutto il resto chiaramente.
«Senza quei permessi si torna al silenzio del quartiere – conclude Besana –a meno che qualcosa si sblocchi subito».

 

Link all’articolo

(Paolo De Totero, per “Il Corriere Mercantile”)
Il Circolo Pianacci da 6 mesi attende risposte
TURSI IMMOBILE, IL PALACEP CHIUDE
Dopo le denunce per disturbo della quiete pubblica mancano i permessi per manifestazioni ed eventi

Rischia di chiudersi l’esperienza del PalaCep lanciato dal circolo Pianacci.
Una realtà che va avanti da una decina di anni ed è stata citata come esempio rivoluzionario di cambiamento della “periferia urbana”.
Il presidente Carlo Besana proprio ieri ha comunicato di essere nell’impossibilità di organizzare nuovi eventi per il futuro e di essere costretto a sospendere anche gli eventi previsti per quest’anno.
La colpa viene addossata al Comune che sei mesi fa si era impegnato a risolvere la questione dei permessi relativi allo svolgimento degli spettacoli dopo che lo stesso Besana era stato denunciato per disturbo della quiete pubblica.

Non c’è pace per il PalaCep, struttura all’interno della quale il circolo Pianacci organizza da una decina di anni attività ricreative per la cittadinanza che abita nella zona con spettacoli che, di volta in volta, hanno avuto una rilevanza cittadina .
Al PalaCep, in omaggio a una buona causa, I’ultima manifestazione è stata quella organizzata per raccattare qualche soldo a favore delle famiglie che avevano perso tutto per colpa della alluvione: si erano esibiti Beppe Grillo, ma anche Gino Paoli, i Subsonica, Biagio Antonacci.
Al Palacep è tornato ad esibírsi in pubblico Adriano Celentano, prima di essere invitato proprio a Sanremo.
Epperò, nonostante questo biglietto da visita, il circolo Pianacci denuncia che il Palacep rischia di chiudere i battenti .
Di più: gli estensori del comunicato accusano senza mezzi termini il Comune di averli illusi e abbandonati, visto che nonostante le assicurazioni i rinvii si protraggono ormai da sei mesi e tutta la faccenda è ben lontana dall’essere risolta.

Tutto è cominciato proprio nel gennaio dello scorso anno con una denuncia penale per disturbo della quiete pubblica il cui iter è tuttora in corso. Vi furono proteste e abboccamenti vari sino a che il 25 agosto del 2011 per i soci del circolo Pianacci sembrò finalmente aprirsi uno squarcio positivo.
Fu l’assessore ai lavori pubblici Mario Margini che, dopo essersi interessato della faccenda, nel corso di una conferenza stampa promise solennemente: «ll Pianacci ha trasformato una struttura periferica in una struttura di valore cittadino e regionale: ora devono chiedere un permesso permanente per la loro attività e io mi impegno a dare il nulla osta subito».
«Da allora, però – fanno sapere i rappresentanti del circolo – nonostante le continue sollecitazioni scritte e gli incontri in assessorato (l’ultimo tre mesi fa) nulla è mutato ed al circolo Pianacci non è più pervenuta alcuna comunicazione relativa alla possibilità di allestire al PalaCep, come accaduto in passato, spettacoli musicali “dal vivo” che, per loro natura, ancorchè con la limitazione a non sforare oltre la mezzanotte, presentano inevitabilmente un’emissione di decibel superiore ai limiti imposti dalla classificazione (residenziale) in cui è stato collocato il quartiere in materia di inquinamento acustico».
Proprio per questo motivo e in assenza di provvedimenti precisi il circolo Pianacci ha cercato di avere ancora venerdì scorso qualche risposta dall’assessorato. in assenza di assicurazioni i responsabili hanno deciso di gettare la spugna.

Racconta Carlo Besana, presidente e “anima” della Pianacci.
«Avevamo in programma per l’anno in corso due spettacoli di grande levatura, uno di respiro internazionale, l’altro di livello nazionale con un personaggio che parteciperà al Festival di Sanremo. Di fronte alla mancata soluzione di un problema che ci sta molto a cuore e per il quale rischiamo personalmente sanzioni di carattere penale, però, non ce la siamo sentita di continuare. Avevamo chiesto agli artisti di pazientare in attesa che il Comune ci desse le garanzie che ci avevano promesso. Li abbiamo avvertiti che non potevamo ancora rinviare e li abbiamo lasciati liberi.».
«Senza le certezze che ci avevano garantito sei mesi fa – conclude Besana – non possiamo assumere alcun impegno nemmeno per la rassegna estiva e saremo quindi costretti ad interrompere dopo altre un decennio di attività il nostro fiore all’occhiello “Che estate alla Pianacci’. Una rassegna che ha consentito di allestire in questi anni al Cep 112 eventi di spettacolo ad ingresso gratuito con oltre 100 mila spettatori. Ci auguriamo che quanto meno venga salvaguardata l’attività di pattinaggio che, per essere a norma, necessita di un particolare impianto di amplificazione il cui acquisto era stato garantito oltre due mesi fa. Non ho nessuna intenzione di esporre nuovamente né la mia persona né l’associazione che presiedo al rischio di altre denunce penali. Evidentemente la città preferisce, per il Cep, che si ritorni alla tranquillità di un decennio fa, con il “piacevole” silenzio delle siringhe».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.