“La canzone dell’Acquasola”, di Battisti, Mogol, Flaubert, Besana…

“La canzone dell’Acquasola”, di Battisti, Mogol, Flaubert, Besana…

28 novembre 2009

Un gruppo di amici con nostalgia per l’Acquasola di un tempo e per le canzoni di Lucio Battisti descrive un brutto sogno dei nostri giorni.

Ma sarà veramente “solo” un brutto sogno?
Sta alla gente deciderlo…..

Questa è, a modo nostro, la “storia” di un parco cittadino che in pochi decenni passa dall’ammirazione, in versi, di Flaubert e di altri grandi autori, al rischio di essere trasformato in un parcheggio….

Così descriveva, Flaubert, nel 1845, il parco dell’Acquasola:
passeggiata, verdi viali, siepi di rose, musica.
Visto una donna che batteva il tempo con la testa, dal naso fine, pallida, la testa coperta da un velo bianco bordato di nero, il resto dell’abito a lutto; grandi occhi azzurri, profilo all’Esmeralda …
È la più bella donna che io abbia mai visto; non mi stancavo di guardarla …

La nostra canzone parte proprio dai versi di Flaubert ed arriva all’incubo dei giorni nostri, un incubo che, grazie alla tenacia della gente (ed all’aiuto di amici come Beppe Grillo), sembrerebbe trasformarsi, magicamente, in un brutto sogno…
Non abbassiamo la guardia….

 

 

La canzone dell’Acquasola
(di Battisti, Mogol, Flaubert , Besana)

Il viale verde
In mezzo al parco, e poi
Le siepi colorate
Da tante rose profumate che
Ti sembran più preziose
E c’è nell’aria quella melodia
Che ti fa anche sognare
E quella donna la più bella che ci sia
La starei sempre a guardare

Cosa mi dici
Cosa voglion far:
un parcheggio! peggio
molto peggio!
cosa vuol dir fare un parcheggio lì:
a quanta gente
l’hanno chiesto, tu lo sai?
non l’hanno chiesto, giammai!
Che importa tanto se ne fregan lo sai,
purtroppo.

Ma l’hanno vista l’Acquasola, poi?
Così bella che mi confondo
Di che colore è un parcheggio lo sai?
Dalla vergogna io sprofondo.

O Acquasola, Acquasola, ma perché?
Vogliono farne un parcheggio, anche di te
O Acquasola, Acquasola, ma perché?
Vogliono farne un parcheggio, anche di te

Le motorette tutte in fila sopra
il prato e poi
un autosilo sotto
se lo dipingi un po di verde, sai
ancora un parco sembra
e d’improvviso quel rumore tra noi
un suv che esce dal parcheggio
romba il motore a 5000 e poi
il fumo è ancora peggio

Ma poi mi sveglio
Cosè stato, mai?
Solo un sogno, strano
Proprio strano
Come pensar sia proprio vero che

Si prende un parco secolare tra i più belli che hai
Ci fai un Parcheggio, od anche peggio
E lo chiaman lo sai,
Sviluppo.
Ma per fortuna è solo un sogno e per noi
In quel bel viale verde
Tra quei colori delle rose ormai
Lo sguardo ci si perde

O Acquasola, Acquasola, ma perché?
Vogliono farne un parcheggio, anche di te
O Acquasola, Acquasola, ma perché?
Vogliono farne un parcheggio, anche di te

La gente quando vuole, può decider che
Un parco è sempre meglio di un parcheggio e poi
Le ombre dei cespugli all’imbrunire,
con le siepi e con le rose ancora in fiore
Sono il frutto della gente ancora
Piena di ardore!

Un sentito ringraziamento al gruppo musicale Locomotiv
con Ivano (basso) Gianni (batteria) Maurizio (chitarra)
guest Dario (chitarra)

al coro che nello studio di registrazione di Trasta era così composto:
Giusi, Etta, Monica, Paola, Norma, Rossana, MariaRosa, Pier, Aga, Carlo

agli amici che, con Marie Helène, si sono aggiunti durante le riprese nel parco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.