Besana, Gadolla e la moschea…

Besana, Gadolla e la moschea…

 

19 novembre 2009

Gianfranco Gadolla e Carlo Besana
TeleNord, 2009

Martedì sono stato invitato a partecipare, così mi era stato detto, ad un dibattito televisivo sul cosiddetto “problema moschea”, in quanto occorreva qualcuno che, come nel mio caso, oltre a non essere contrario avesse anche un’esperienza di collaborazione con organizzazioni di religione diversa dalla nostra, nella fattispecie con la religione islamica.

Arrivato nello studio televisivo mi rendo conto che, in realtà, si tratta di uno spazio acquistato per conto del “coordinatore metropolitano del Pdl”, Gianfranco Gadolla, noto a livello cittadino per la lunga militanza in An e per la sua campagna anti moschea.

Anziché un dibattito aperto il tutto viene strutturato in tre segmenti, moderati dalla giornalista Bonelli, intervallati da spazi pubblicitari: primo segmento Gadolla-Ravalli (cittadino residente al Lagaccio), secondo segmento con me e Gadolla, terzo segmento con il solo Gadolla.

Il video si limita qui al secondo segmento, preceduto da un singolare passaggio del primo segmento, nel quale, in modo palese, Gadolla corregge Ravalli che si era permesso di dire che a lui, della moschea, non importava nulla e, a domanda precisa della giornalista, rispondeva di non aver paura.
Subito dopo però viene quasi bacchettato da Gadolla e si corregge immediatamente: un siparietto degno delle comiche d’antan; d’altro canto anche la mancanza di argomenti fa trasparire, immediatamente, dinamiche vecchie, che credevo appartenessero ad un’altra epoca…

fuori onda ho chiesto conferma che anche Gadolla fosse in diretta, perché le sue esternazioni mi sembravano prese dalle tenere teche Rai degli anni 60, solo un po spolverate…
Dinamiche spacciate per politica trasparente, nelle quali l’unica trasparenza deriva dal fatto che l’azione di questi soggetti, nella nostra città, è proprio trasparente, talmente trasparente da risultare invisibile, nel senso che non si accorge nessuno della loro utilità.

Un peccato, perché mi sarebbe piaciuto illustrare il percorso, molto positivo, di vera partecipazione che si è generato al Lagaccio e che ha consentito, finalmente (e la questione moschea non è manco stata presa in considerazione) , la possibilità, per i cittadini, di decidere insieme agli amministratori le priorità d’intervento.
Ad esempio, nel quartiere esistono: il gruppo “Progettare la città” che sta lavorando in modo apolitico, ha raccolto le firme di 250 cittadini e l’adesione di diverse associazioni; il gruppo “arcipelago Lagaccio”, che è un insieme di associazioni, parrocchie ecc. che hanno espresso, a chiare lettere, la volontà di accoglienza al quartiere del Lagaccio.
Queste realtà hanno legittimità di rappresentanza esattamente come il sig. Ravalli, che la pensa diversamente ma non per questo può essere definito “il” rappresentante dei cittadini, è semplicemente “un” rappresentante di cittadini….

tutto questo mi sarebbe piaciuto dire, ma non me ne è stata data opportunità…

al termine, fuori onda, Gianfranco Gadolla mi ha elargito, a piene mani, la sua sapienza derivante dalla lunga esperienza politica.
Devo, secondo lui, adeguarmi: in campagna elettorale (ma non era un dibattito?) è “corrida” ma alle corride, se non sbaglio, partecipano i tori con il loro straordinario muggito…
il raglio, semmai, in questo periodo, preferisco ascoltarlo in un presepe vivente.

Magari quello di Don Prospero, al Lagaccio, con tanto di minareto….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.