Candidamente, fatemi capire lo Sport

Candidamente, fatemi capire lo Sport

 

15 dicembre 2009

(clicca per ingrandire)

 

Il Concorso “Candidamente, fatemi capire lo Sport” spiegato ai lettori de “La Gazzetta dello Sport” da Filippo Grimaldi.

Link all’articolo

“Candidamente, fatemi capire… lo sport!”
Presentata a Genova un’importante iniziativa in memoria di Candidò Cannavò, direttore ed anima della Gazzetta dello Sport per quasi un ventennio, scomparso il 22 febbraio scorso. Si tratta di un concorso letterario – ideato dalla società di basket NBA (New Basket A-Zena) – aperto a centinaia di studenti delle medie inferiori e superiori del Centro Don Bosco di Sampierdarena, del Cep e di Prà

E’ una di quelle iniziative che lo avrebbero fatto impazzire di gioia. Ecco perché Candido, da lassù, stamane avrà sorriso. Osservando questa platea di ragazzi, avanguardia di quelle centinaia di studenti delle medie inferiori e superiori del Centro Don Bosco di Sampierdarena, del Cep e di Prà, che da qui al 31 marzo prossimo parteciperanno al concorso letterario in memoria di Candidò Cannavò, direttore ed anima della Gazzetta dello Sport per quasi un ventennio, scomparso il 22 febbraio scorso.

Bellezza e purezza
Il nome dell’iniziativa (“Candidamente, fatemi capire lo sport”), dice già tutto
. Candido amava esaltare la bellezza e la purezza dello sport. Cercava le storie più autentiche, voleva personaggi veri e leali. Di qui l’iniziativa ideata ed organizzata dalla società di basket NBA (New Basket A-Zena), principale realtà genovese in questa disciplina (la squadra milita nella B d’Eccellenza femminile e gioca non a caso con una divisa da gioco tutta rosa), rivolta ai ragazzi, che dovranno commentare un articolo di Cannavò (scelto fra otto pezzi suggeriti dalla Gazzetta dello Sport) e poi narrare in breve anche la loro più memorabile giornata legata allo sport. Gli elaborati verranno poi giudicati da una giuria composta da un dirigente e da una giocatrice della NBA, da un dirigente del Paladonbosco, da un giornalista della “Gazzetta”, da uno del “Secolo XIX” e da un rappresentante dell’Ussi ligure. I testi dei vincitori verranno pubblicati sui siti dei due quotidiani, nonchè premiati nel corso della serata di gala “Stelle nello Sport”, prevista nel maggio 2010.

un vecchio amico
All’incontro di presentazione dell’iniziativa, organizzato da Carlo Besana, presidente del club genovese ed anima del concorso, ha partecipato anche don Gallo, fra i protagonisti del volume “Pretacci” scritto da Cannavò. Di lui, don Gallo ha ricordato un loro incontro a spasso fra i caruggi, “dove lui mi nominò arcivescovo di una cattedrale che si chiama centro storico“.

indirizzi utili — Il regolamento del concorso è disponibile sul sito www.daveo.it/nba-zena/concorso/, mentre tutti gli elaborati possono essere inviati anche via posta elettronica all’indirizzo nbazena@daveo. it., oppure all’indirizzo NBA New Basket A-Zena, via della Benedicta 14, 16157 Genova.

 

Il servizio trasmesso il 16 dicembre 2009 da TeleGenova.

 

 

 

 

Link all’articolo

( Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
IL BASKET RENDE OMAGGIO A CANNAVO’
La Nba lancia un concorso in nome del giornalista scomparso.
E trova un fan d’eccezione

CATANIA Genova,via Milano.

Dove il capoluogo etneo è la città natale di Candido Cannavò, il notissimo direttore responsabile de La Gazzetta dello Sport, dove Milano è la capitale editoriale in cui il “timoniere” della “rosea” visse la maggior parte della sua irripetibile carriera, e dove Genova, ultima ma non per ultima,è il luogo dove il direttore strinse amicizia con Don Gallo, che infatti viene citato nel suo libro “Pretacci.”.
Storie di uomini che portano il Vangelo sul marciapiede”, edito nel 2008 dalla Rizzoli.

Ora, la città dei vicoli e del Porto Antico, il luogo della missione di Don Gallo e della sua comunità di San Benedetto al Porto che Cannavò conobbe e apprezzò, diventa, a ragione, la culla della prima edizione del concorso “Candidamente, fatemi capire lo sport”, dal nome di due rubriche che il famoso giornalista tenne sul suo giornale, “Candidamente” e “Fatemi capire”, pensato per rendere omaggio allo scrittore e uomo di sport che fu inimitabile testimone dei più grandi eventi sportivi di mezzo secolo.

Il concorso, riservato ai ragazzi delle scuole Don Bosco di Sampierdarena e a quelle di Pra’ e del Cep, è stato organizzato dalla società di basket femminile – B d’Eccellenza – Nba del pirotecnico presidente Carlo Besana, dal centro sportivo PalaDonBosco, casa della Nba, in stretta collaborazione con La Gazzetta dello Sport, Il Secolo XIX, con il Contributo di CoopLiguria e il patrocinio del Comune di Genova e del suo Assessorato allo Sport, del Coni, dell’Ussi Liguria, della Fip Liguria e di Stelle nello Sport, il gran galà dello sport ligure nell’ambito del quale, a maggio, saranno premiati i vincitori del concorso.

Agli studenti sarà richiesto di elaborare due scritti, uno inerente allo stato d’animo maturato dopo la lettura di un pezzo di Cannavò, l’altro relativo alle emozioni provate per aver partecipato o assistito a un evento di sport.

Ai vincitori, selezionati da una giuria composta da un giornalista di La Gazzetta dello Sport, Il Secolo XIX e dell’Ussi Liguria, da una giocatrice e da un dirigente dell’Nba e da un dirigente del PalaDonBosco, non solo l’onore di presenziare sul palco a Stelle nello Sport,ma anche la gioia di vedere le proprie parole campeggiare sui siti dei quotidiani La Gazzetta dello Sport e Il Secolo XIX.

E per conoscere meglio il Cannavò uomo e giornalista, verranno distribuite alle scuole molte copie del suo libro “E li chiamano disabili”.

«Un concorso pensato per rendere onore a quegli ideali di sport sano che, ai giorni nostri, sembrano essere un po’ dimenticati. In questo senso, l’etica giornalistica e umana, il comportamento sempre disposto al dialogo costruttivo, l’enorme talento, fanno di Cannavò l’uomo ideale a cui dedicare questo concorso ha detto Besana.In più, la scelta di Genova ci è apparsa davvero automatica, visto che non solo Cannavò fu amico di Don Gallo, che è il tifoso numero uno della mia Nba, ma anche perché il centro salesiano e la mia società si rispecchiano in quegli ideali di sport formativo che furono sempre difesi e sostenuti da Cannavò stesso».

Quali gli altri obiettivi del progetto? «Nelle nostre intenzioni spiega ancora Besana c’è la speranza che questa iniziativa sia non solo educativa, ma ispiri i giovani a meditare su cosa significhi praticare sport in modo sano e corretto. In questo senso, l’insegnamento di Cannavò è quanto mai attuale. Franco Arturi, vicedirettore della Gazzetta dello Sport, ha promesso che quando nascerà la Fondazione Cannavò, la Nba potrà anche fregiarsi del logo della Fondazione sulla maglia».

 Il SUPERTIFOSO
DON GALLO:«HO SEMPRE AMATO QUESTO SPORT»

Vedere Don Gallo, il combattivo Don dei vicoli, delle prostitute, dei deboli e dei reietti cantati da De André, vestire la maglia di basket numero uno della Nba, consegnatagli dalla capitana Ilaria Bestagno, fa un certo effetto.
Fa effetto anche la stretta di mano con la giocatrice Nancy Scozzari, siciliana di Palermo, isolana come il Cannavò catanese.
Trattandosi, però, di Don Gallo, lo stupore rientra subito e lascia spazio alla sua ironia e ai suoi ricordi.

«Non stupitevi ha detto Don Gallo nel corso della conferenza stampa di presentazione di “Candidamente, fatemi capire lo sport” ma io ho sempre amato la pallacanestro, per questo accetto questa maglia da tifoso numero uno quale mi considero. Anzi,mi ricordo gli anni Cinquanta e Sessanta vissuti proprio dai salesiani di Sampierdarena, quando leggere la “rosea” era quasi una sfida. E mi ricordo anche di Mauro Cerioni, studente salesiano, che poi divenne un pilastro della Simmenthal Milano e della nazionale. Ai ragazzi che praticano sport posso solo dire una cosa: osate la speranza, rendendo così omaggio anche al mio compianto amico Candido».

Rosa la maglia dell’Nba, rosa la casacca regalata a Don Gallo, rosa la Gazzetta dello Sport che un tempo era verde: come la speranza di uno sport sano sotto la Lanterna, e non solo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.