Quella volta…io, Eros Ramazzotti e Mogol…

Quella volta…io, Eros Ramazzotti e Mogol…

 

di solito la domenica mattina dormivo fino a tardi…quella domenica invece ero lì, a Molteno, con due miti come Eros Ramazzotti e Mogol…

 

Era il 1991, ed abitavo ancora in Brianza.
In quel periodo mi occupavo della squadra di basket di Costamasnaga, unica formazione in Italia a portare sulle maglie il logo Unicef; qualche anno prima (nel 1986) avevo fondato il Comitato Provinciale di Como per l’Unicef che aveva trovato sede proprio nella sede della società sportiva.
Questo per quanto riguarda il “tempo libero”…
quello che, con non poche difficoltà, riuscivo a ritagliare dalla gestione della farmacia di Inverigo, paese distante una dozzina di chilometri da Costamasnaga.

Proprio ad Inverigo si era trasferito, qualche tempo prima, Eros Ramazzotti.

Aveva acquistato una grande villa, circondata da oltre 1000 metri di parco, che era stata la dimora degli eredi Fabbri (quelli della famosa “Fratelli Fabbri Editori”).

Una delle dépendance della villa, a quanto si sussurrava in paese, era stata trasformata in una modernissima sala prove e la leggenda voleva che fossero passati di lì, ospiti suoi, diversi famosi musicisti del panorama musicale internazionale di quei tempi.

Eros era già molto famoso; aveva vinto il Festival di Sanremo nel 1984, categoria giovani, e nel 1986, categoria Big.
Da lì la sua carriera era letteralmente esplosa, anche a livello internazionale.

L’anno precedente il Ramazzotti Tour aveva segnato oltre 80 date in tutta Europa, quell’anno (il 1991) si sarebbe tenuto, in estate, un concerto in Germania, sulla famosa pista del Nurburgring…

La “Villa Fabbri”, nella frazione Villa Romanò di Inverigo, non era molto distante dalla farmacia, e fu così che una sera d’inverno, poco prima della chiusura, proprio Eros capitasse lì, in coda tra i clienti.

Benché fossi proprio io a servirlo, non riuscii proprio a riconoscerlo, forse a causa di un berretto di lana calato fino alle sopracciglia.

Acquistò una quantità inusuale (se non ricordo male una dozzina) di scatole di cerotti, di misura medio piccola.

Quando uscì venne da me, emozionatissimo, il magazziniere, Luca Pianello, che faticò a credere che non l’avessi riconosciuto…

Eros tornò qualche giorno più avanti, con il fratello Marco (che in quel periodo fungeva da suo manager); Marco mi chiese di dedicargli qualche minuto, aveva necessità di trovare una persona che potesse occuparsi della mamma, che si era trasferita con loro e che aveva necessità di assistenza, e la farmacia del paese era un buon punto di riferimento per quel tipo di ricerca.
La mia curiosità mi portò a chiedergli i motivi che avevano portato Eros ad acquistare una dozzina di scatole di cerotti…mi spiegò che era dovuto all’uso intenso, in quel periodo, della chitarra che, a quanto pare, aveva procurato ad Eros alcuni tagli sui polpastrelli…

Fu anche l’occasione, per me, per soddisfare alcune mie curiosità, soprattutto sugli aspetti organizzativi che stavano attorno al mondo di un personaggio di questo calibro, in particolari gli interminabili “tour”
diversi TIR al seguito…una vera e propria “macchina da guerra” della quale avvertivano sia orgoglio che  senso di responsabilità, visto che “dava da mangiare” a diverse famiglie…

In un’occasione successiva, scambiando (lo confesso, un po’ emozionato…) quattro chiacchiere con Eros, feci cenno all’impegno per l’Unicef.
Lui in un attimo propose di destinare all’Unicef una parte dei proventi di un incontro di calcio che stava programmando a Lecco, con la Nazionale Cantanti opposta al “suo” Ramazzotti Tour.
Aveva preso un impegno con Mogol, quello di destinare l’intero ricavato alla “Casa terapeutica Sorella Amelia” di Molteno, che si occupava del reinserimento sociale di ex tossicodipendenti; questa comunità si trovava proprio accanto alla casa di Mogol e fu proprio lì che mi diede appuntamento la domenica successiva.

Si può comprendere la mia emozione…

Di solito la domenica mattina dormivo fino a tardi…
quella domenica invece ero lì, a Molteno, con due miti come Eros Ramazzotti e Mogol, sul campo da calcio che il grande compositore aveva fatto allestire e sul quale si stavano allenando un po’ di cantanti…

Mogol, sentita la proposta di Eros Ramazzotti, non fece alcuna opposizione: il 70% dei proventi sarebbe stato destinata alla “Casa di Sorella Amelia” ed il 30% all’Unicef.

La partita fu disputata il 6 aprile 1991 allo Stadio Rigamonti di Lecco.

La Provincia di Como – 28 marzo 1991
(clicca per ingrandire)

Fui convocato negli spogliatoi, c’erano, tra gli altri, Gianni Morandi, Paolo Belli, Sandro Giacobbe, Luca Carboni, Francesco Baccini ed anche il grande Hansi Mueller, convocato da Eros Ramazzotti per dare man forte alla sua squadra.

Fu l’occasione per consegnargli, in segno di gratitudine, il “piatto Unicef” di quell’anno, e mi colpì la sua emozione.
Purtroppo a quei tempi non esistevano ancora gli smartphone, e non ebbi quindi l’occasione di fare un selfie a ricordo di quel momento.

C’era un fotografo lecchese che ci fece mettere in posa, ma stupidamente non mi feci dare il suo recapito telefonico…
e così non ho un ricordo fotografico di quell’evento, che comunque è, comprensibilmente, molto vivo dentro di me… 

Andai in tribuna a gustarmi la partita, che finì 3-3, con pareggio siglato da Hansi Mueller.
Duemila gli spettatori (un po’ inferiori alle attese) ed un ricavato di 20 milioni di lire, sei dei quali destinati all’Unicef.

La Provincia di Como – 7 aprile 1991
(clicca per ingrandire)

Rividi Eros Ramazzotti, sempre in farmacia, diversi mesi più avanti.

La sua popolarità era ulteriormente cresciuta, al Nurburgring, se non ricordo male, erano accorsi circa 70mila spettatori, eppure…
eppure “non se la tirava” neanche un po’…

le ragazzine di Inverigo raccontavano che spesso, uscendo da scuola, che non era molto distante dalla villa, lui si facesse trovare ai cancelli, pronto a soddisfare la voglia di autografi…
più che meritato l’affetto che ha sempre circondato la sua carriera…

in quell’ultima occasione gli presentai il magazziniere della farmacia, Luca Pianello, sottolineando il fatto che fosse intenzionato ad andare in vacanza in Honduras, dove avrebbe raggiunto degli amici impegnati in un’attività di volontariato…

lo abbracciò, e salutandomi mi disse: ” Il tuo è un impegno importante, ma il suo mi sa che vale ancora di più…”,

A fine 1992 io e Susanna ci trasferimmo a Genova…

Fossimo rimasti fino al 1995 chissà, forse avremmo avuto modo di avere in coda, tra i clienti, con Eros, pure Michelle Hunziker…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.