La “misura” di Fulvio Collovati…

La “misura” di Fulvio Collovati…

 

Nella sua carriera, calcistica e non, Fulvio Collovati ha fornito più occasioni per dare una …”misura”… al suo spessore…

 

L’ex calciatore Fulvio Collovati è uno degli opinionisti di “Quelli che il calcio”, programma domenicale di Rai2.

Il programma prevede collegamenti in diretta con gli stadi e spesso protagoniste dei collegamenti sono fidanzate, mogli, sorelle, amiche di molti dei protagonisti delle diverse formazioni di Serie A.

Lo scorso 17 febbraio in collegamento dallo stadio di Empoli c’era Sara Piccinini, moglie di Federico Peluso, calciatore in forza al Sassuolo.

Sara Piccinini stava commentando la sconfitta del Sassuolo giustificandola anche con l’assenza dei due esterni d’attacco titolari, Berardi e Djuricic.

Dallo studio la sorprendente replica di Collovati:

“Scusate quando sento una donna, poi anche una moglie di un calciatore…poi questa è la mia opinione, parlare di tattica mi si rivolta lo stomaco. Non ce la faccio, una donna non capisce come un uomo. Se parli di una partita come è andata e come no, va bene, ma non di tattica. Le calciatrici qualcosa capiscono, qualcosa sanno, ma non al 100%. Sarò anche maschilista ma mia moglie non si è mai permessa di parlare di tattica con me. Non dico che le donne devono stare in cucina, non mettetela giù così”.

I conduttori e gli altri ospiti in studio provano a sdrammatizzare, ma la frittata è fatta.
Collovati viene sospeso dalla Rai per due settimane, e le sue giustificazioni, anche a freddo, sono apparse quasi un rimedio peggiore del danno già fatto… (come dicono nel Nord Est, zona di provenienza di Collovati, “Xe pèso el tacòn del buso…”)…

 

 

 

A distanza di soli 4 mesi la sconcertante teoria di Fulvio Collovati viene sonoramente smentita dalla Nazionale Italiana di Calcio Femminile, capace di conquistarsi, ai Mondiali, un posto quantomeno tra le prime otto al mondo (il campionato mondiale è ancora in corso, e, magari, si potrà anche andare oltre…).
A guidare le azzurre una donna, Milena Bertolini, cui viene riconosciuta, tra le chiavi del suo successo, la capacità di variare, tatticamente, la sua formazione.

Gazzetta dello Sport – 26 giugno 2019
(clicca per ingrandire)

Non ho mai avuto simpatia per il “Collovati opinionista”, molto supponente e (a mio modesto avviso) di spessore tecnico imbarazzante rispetto ad altri opinionisti.
Non ne ho mai avuta (simpatia) manco per sua moglie, antesignana delle commentatrici di calcio e, sempre a mio modesto avviso, a suo tempo molto “gettonata” perché, andando spesso, volutamente, sopra le righe, poteva generare ascolti…

Sul Collovati calciatore, da tifoso milanista, stendo un velo pietoso…
Con la maglia del Milan aveva vinto, da titolare, lo scudetto della “stella”.
Era poi diventato capitano dei rossoneri (sostituendo Aldo Maldera) e lo era anche nell’anno in cui il Milan finì (stavolta “sul campo”) in Serie B.

A differenza di altri Campioni (quelli veri…) Collovati non accettò di disputare la Serie B e si trasferì all’Inter (sic!) con la quale disputò 4 dimenticabili stagioni, senza vincere nulla…

eloquente il logo sulla maglia nerazzurra…

già da allora dava la… “misura”… del personaggio…

 

 

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.