L’inaugurazione del loro nuovo murale…ed un motivo in più per voler bene a queste due belle persone…

L’inaugurazione del loro nuovo murale…ed un motivo in più per voler bene a queste due belle persone…

 

 

non è stata “solo” l’inaugurazione di uno stupendo murale…

 

 

Una quindicina di giorni fa avevo pubblicato alcune foto relative al nuovo, stupendo murale realizzato al Cep, su un’intera facciata della Biblioteca “Firpo”, dagli artisti Drina A12 e Giuliogol.

L’avevo definita un’efficace, dolcissima immagine…
un incrocio tra sogno e favola sullo sfondo di una parete colma di libri(link)

Stamane il murale è stato inaugurato ufficialmente

Erano presenti rappresentanti delle istituzioni (l’Assessore alla Cultura del Comune di Genova Barbara Grosso, il Presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti unitamente ai consiglieri Silvia Brocato, Rita Bruzzone e Rosa Morlè, il Consigliere Comunale Fabio Ariotti), ed ovviamente i “padroni di casa”, Ferdinando Barcellona e Yuri Pertichini, in rappresentanza della Cooperativa Agorà – che gestisce la Biblioteca “Firpo” – e di Arciragazzi Prometeo).

Non poteva mancare Paolo Villanoce, “storico” maestro del quartiere, ora in pensione, e rappresentanti di realtà territoriali che negli anni hanno partecipato attivamente ai progetti di rete sviluppati al Cep.

Agli interventi di Barbara Grosso, Claudio Chiarotti, Fabio Ariotti e Ferdinando Barcellona ha fatto seguito l’intervento di Yuri Pertichini che, con la sua abituale effervescenza, ha sottolineato il percorso virtuoso di questa bella realtà che si avvia a sottoscrivere un innovativo patto di collaborazione con Comune, Municipio, e soggetti del territorio per traguardare una biblioteca pienamente inserita nel sistema bibliotecario urbano che sancisca ulteriormente il suo ruolo di vero e proprio come presidio del territorio.

La conclusione degli interventi è stata affidata agli emozionatissimi autori.
Giuliogol è, da sempre, il più emozionato tra i due..
e come vuole la “tradizione” ha affidato il compito a Drina A12.

Poche, ma sentite parole, per ribadire l’affetto che entrambi nutrono per il ponente cittadino e soprattutto per il Cep, quartiere nel quale Grazia Bongiorno (questo il suo vero nome) è cresciuta e verso il quale entrambi non fanno mai mancare il loro prezioso contributo nei progetti mirati alla riqualificazione del territorio.

Un motivo in più per voler bene a queste due belle persone…

 

(dopo la galleria fotografica, ci sono links e testi degli articoli dedicati a questo murale da “Il Giornale” e da “Il Secolo XIX”).

 

 

 

link all’articolo de “Il Giornale”, 10 febbraio 2021

Mercoledì 10 febbraio 2021
l’articolo di Monica Bottino
per “Il Giornale”

Un presidio fondamentale nel Municipio VII Ponente
LA BIBLIOTECA CHE METTE I LIBRI IN BELLA VISTA SULLA FACCIATA
Grande murales degli artisti Giuliogol e DrinaA12 alla Firpo, nel quartiere del Cep di Prà: inaugurazione venerdì

Impossibile, conoscendone l’opera, non ritrovare in ogni murales il loro tratto distintivo, un misto di verità e racconto magico, molto evocativo.

Segni potenti che si ritrovano anche nella nuova opera di Giuliogol e DrinaA12, artisti di strada del ponente genovese, che questa volta raccontano la passione per i libri in un luogo che è presidio vivo della lettura, in un quartiere difficile come il Cep di Prà.

L’opera è un grande murales che occupa un’intera facciata della Biblioteca Edoardo Firpo e che sarà inaugurato, purtroppo senza il pubblico e la festa che meriterebbe (causa covid) venerdì mattina alle 10.30.

«L’iniziativa del murales, voluto dal circolo Arciragazzi Prometeo, dalla cooperativa sociale Agorà e dal Municipio VII Ponente è un importante punto di svolta nella storia della biblioteca, aperta bene 40 anni fa, nel 1981, nel più grande quartiere popolare di Genova», spiegano gli organizzatori, che rivendicano anche di aver tenuto in vita la biblioteca grazie a un accordo di collaborazione fra Arciragazzi e Agorà, proprio su proposta del Municipio, per garantirne la fruizione dal 2012, grazie allo spostamento nei suoi locali del Centro aggregativo Zenit e del centro servizi per la famiglia del ponente.

Il murales, insomma, è la ciliegina sulla torta di un processo di rilancio strutturale importante, nel quale il Municipio e la popolazione hanno creduto molto, insieme alle forze del terzo settore del territorio. E come non ammirare il grande lavoro di Giuliogol e DrinaA12, che lavorano al progetto dal 2016.

I grandi disegni coprono circa 100 metri quadrati, 60 dei quali riproducono, sulla parete ovest della grande casa contadina che ospita la biblioteca e il centro civico circa 40 libri disegnati i cui titoli sono stati scelti (o sono stati loro dedicati) da un gruppo di bambini e ragazzi del centro aggregativo Zenit e persone che a vario titolo sono state significative per la storia della biblioteca, come maestri, educatori, ma anche direttori e volontari.

Un invito alla lettura e alla scoperta che passa attraverso le copertine della Costituzione Italiana, ma non dimentica i grandi classici Disney, o il fenomeno Harry Potter, e non può nemmeno non rendere omaggio al grande Sepùlveda con “La storia della Gabbianella e il gatto che le insegnò a volare”.

E poi c’è l’immagine di un bambino che legge, immaginato in una stanza dove i libri sono parte integrante del gioco, rappresentato da un bianco cavallino a dondolo e sullo sfondo, non a caso un mappamondo.

L’inaugurazione di venerdì è dunque il culmine di un progetto che parte da lontano. Dalla fine del 2016 dopo i primi anni di avvio della riqualificazione di un servizio che sembrava destinato alla chiusura, sono state integrate altre 10 linee di finanziamento con progetti socioculturali, educativi e aggregativi, mettendo a disposizione circa 125mila euro per spazi, arredi, dotazioni, libri, aperture e servizi, oltre alla riorganizzazione delle sale, l’apertura di nuovi locali, l’accesso e la fruizione per i disabili e anche l’acquisizione di una bicicletta per la consegna dei libri a casa, insieme alla riorganizzazione di spazi nel giardino esterno e alla realizzazione dei murales su tre dei quattro lati dell’edificio.

«Il murales, dicono dal Municipio, è anche espressione della volontà di dare vita a una nuova fase che porterà entro il 2021 e a 10 anni dall’inizio della gestione partecipata della biblioteca al suo consolidamento e alla certezza che non sarà chiusa, anzi sarà potenziata».

Sono in corso dal 2020 le procedure per realizzare un patto di collaborazione fra Municipio e Comune e i soggetti del territorio per una biblioteca sociale che sia pianamente operativa nel sistema bibliotecario urbano e come presidio del territorio, per tutte le fasce di età.
All’interno uno spazio speciale 06 anni, una fumettoteca con 800 titoli e spazio di studio, oltre che connessione wifi pubblica.

L’obiettivo è rendere sempre più la biblioteca Firpo punto di aggregazione per i giovani della zona, per uno stare insieme di qualità e per crescere con uno scambio di esperienze e interessi.

Restano da dire ancora almeno due parole per i due street artist che tanto stanno facendo per Voltri e Crevari dove vivono, ma anche per altre zone della città.

Artisti che sono contraddistinti dalla vitalità del racconto, dall’impressione del movimento che rimandano le loro opere.

Una creatività, la loro, che ha anche segnato lo spazio scolastico della scuola primaria Canepa, di Crevari, dove hanno realizzato un grande murales dedicato ai bambini e alla bellezza della multiculturalità.
Non solo.
Uno dei loro disegni è stato scelto per il calendario 2021 dei vigili del fuoco di Genova.

 

link all’articolo de “Il Secolo XIX”, 12 febbraio 2021

 

Venerdì 12 febbraio 2021
L’articolo di Valentina Bocchino
per “Il Secolo XIX”

Alle 10.30 l’inaugurazione con gli street artist Drina A12 e Giuliogol
Dall’immobile recuperato partiranno progetti di inclusione sociale

UN MURALE PER LO SPAZIO FIRPO
SI COLORA LA BIBLIOTECA DEL CEP
“SI RIPARTE DA LIBRI E CULTURA”

C’è una bambina, seduta su una pila di libri, che legge.

E poi, dietro di lei, una libreria grande quanto la facciata di un palazzo: sul dorso dei libri i titoli di opere per grandi e piccini come “La fata Carabina”, “Io sono Malala”, “Moby Dick”, “Sostiene Pereira”, “La forma dell’acqua”, “Harry Potter”, “Il cacciatore di aquiloni”, ma anche la Costituzione Italiana.

E tanti altri libri senza titolo, perché il nome lo diano, con la loro fantasia, i lettori a seconda delle loro preferenze.

È il nuovo murale che decora la facciata della biblioteca Firpo del Cep, aperta dal 2012 grazie alla collaborazione fra Arciragazzi e Agorà, su proposta del Municipio Ponente, grazie allo spostamento nei suoi locali del Centro Aggregativo Zenit del Centro Servizi per la Famiglia del Ponente.

L’opera realizzata dagli artisti Drina A12 e Giuliogol verrà inaugurata questa mattina alle 10 e 30, è stata voluta dal circolo Arciragazzi Prometeo, dalla Cooperativa Sociale Agorà e dal Municipio Ponente.

Con questo step si conclude il progetto “Book trek” finanziato dalla Compagnia di San Paolo, che si avvale dei fondi del programma di contrasto alla povertà educativa “Codice” e del progetto di partecipazione giovanile regionale “GPP Giovani Protagonisti a Ponente”.

Oltre quattro anni di intenso impegno di rilancio della biblioteca, con progetti socioculturali, educativi e aggregativi, con apertura di nuovi locali, abbattimento delle barriere architettoniche, acquisto di una bici per la consegna libri a casa, e murales su 3 dei 4 muri esterni.

«Si conclude uno dei progetti a cui sono più legata – spiega l’artista Drina A12 – intanto perché lavorare al Cep per me è un piacere, essendoci cresciuta: è un modo per riqualificare il quartiere che amo dando il mio contributo. E poi perché è un progetto durato 4 anni, Giuliogol e io abbiamo fatto amicizia con tante persone che credono in quello che fanno con passione e impegno, si sono creati dei legami. Lavorare insieme è bello, unendo le forze si superano gli ostacoli».

I titoli dei libri nel murale non sono casuali: «L’idea è stata di Yuri Pertichini della Cooperativa Sociale Agorà – continua DrinaA12 – voleva omaggiare, oltre ai bambini, anche tutte le persone che hanno gravitato intorno a Zenit lasciando il segno. Dunque ha chiesto quali fossero i loro libri preferiti, e noi abbiamo scritto il titolo. Sarà bello, per grandi e piccini, passare di qui e riconoscere il loro libro, un modo per sentire proprio questo luogo».

Quest’ultima opera (in totale sono 3 le facciate della palazzina coinvolte) chiude una fase, ma ne apre un’altra: sono infatti in corso dal 2020 le procedure per realizzare un Patto di Collaborazione fra municipio/comune e altri soggetti del territorio, per una biblioteca sociale operativa nell’ambito del Sistema Bibliotecario Urbano.

Un presidio culturale del territorio ma anche risorsa aggregativa, ludica ed educativa per i bambini e i ragazzi, per tutti gli adulti e i giovani.

L’obiettivo è avere uno spazio che possa offrire libri e testi, cartacei e informatici, un luogo di studio e di incontro, uno spazio bambini, una fumettoteca con oltre ottomila fumetti, un punto di accesso Internet e wifi pubblico, servizi a supporto dei cittadini e luogo aperto per associazioni e gruppi del quartiere e non solo.

In programma, anche eventi culturali e collaborazione con le scuole, servizio di consegna libri a domicilio e organizzazione di bookcrossing sia in biblioteca che nelle piazze e vie del quartiere.

 

 

(clicca per ingrandire)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.