Drina A12, Giuliogol e…una parete colma di libri al Cep…

Drina A12, Giuliogol e…una parete colma di libri al Cep…

 

 

 

il nuovo murale di Drina A12 e Giuliogol…un’efficace, dolcissima immagine…
un incrocio tra sogno e favola sullo sfondo di una parete colma di libri…

 

 

l’ho già affermato pubblicamente più volte ma con piacere lo ribadisco: Grazia Bongiorno e Giulio Centanaro sono due carissimi amici e soprattutto due belle persone…
e questo lo sanno anche tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerli di persona…

a Genova sono soprattutto noti come DRINA A12 e Giuliogol, due bravissimi artisti che con le loro opere di street art stanno impreziosendo diverse parti della nostra città, come ampiamente (anche se non completamente) documentato in diverse pagine di questo blogghiario.

In questi giorni hanno terminato un’opera fantastica, la decorazione di un’intera facciata (su due piani) della palazzina che ospita la Biblioteca Civica Firpo al Cep.

Quasi cinque anni fa avevano già decorato un’altra facciata della stessa palazzina, quella posta sul vialetto che porta all’ingresso: una sorta di “simbolo” della presenza, nella stessa struttura, del Centro Socio Educativo Zenit, un vero e proprio riferimento per gli adolescenti del Cep da un quarto di secolo.

 

il murale all’ingresso
(clicca per ingrandire)


La loro nuova opera
, stupenda, non passa inosservata quando si percorre la sottostante via Martiri del Turchino…
è un’efficace, dolcissima immagine…
un incrocio tra sogno e favola sullo sfondo di una parete colma di libri…

 

il nuovo murale
(clicca per ingrandire)

in molte altre occasioni ho avuto modo di immortalare anche il “work in progress” delle loro opere…
(vedi links a fondo pagina)
stavolta invece, causa (mia) semi reclusione cautelativa per via del Covid 19, mi son dovuto “limitare” a riprendere l’opera, solo oggi, a lavori terminati…

l’avevo già vista sui social, ed aveva suscitato tutta la mia ammirazione…

nulla al confronto dell’ammirazione che è riuscita a suscitare “dal vivo”, con la possibilità di osservare, da vicino, la (consueta) cura dei dettagli, con le finestre della biblioteca in assoluta armonia con i libri ordinatamente riposti su quei singolari scaffali…

e proprio lì, accanto alla finestra sulla destra, c’è un libro che mi ricorda il periodo in cui, sedicenne studente alle superiori, frequentavo assiduamente la biblioteca di Como.

 

(clicca per ingrandire)

 

“La spartizione”

 

Il docente di lettere, il Prof. Davì, mi aveva raccontato alcuni aneddoti riguardanti Piero Chiara, scrittore varesino che lui aveva avuto occasione di frequentare.
Quegli aneddoti mi avevano incuriosito, e fui invogliato a leggere alcuni dei suoi romanzi più famosi.

Il suo stile mi intrigò immediatamente.

Piero Chiara amava ambientare i suoi romanzi nei luoghi in cui era cresciuto, quelli dei piccoli paesi che si affacciano sul Lago Maggiore, realtà molto simili ai paesini della Brianza in cui ero cresciuto.

Storie in gran parte autobiografiche
, nelle quali riusciva a tratteggiare con fine umorismo vizi (tanti) e virtù (poche) di personaggi della quotidiana vita di provincia, al centro di situazioni anche scabrose, senza mai cedere alla volgarità.

Uno delle sue opere più popolari, “La spartizione”, vinse il Premio Campiello nel 1964.
Da questo libro qualche anno più avanti fu tratto il film “Venga a prendere il caffè da noi”, diretto da Alberto Lattuada ed interpretato mirabilmente da Ugo Tognazzi, con gli stessi Lattuada e Piero Chiara impegnati in due parti secondarie.

 

La locandina del film
(clicca per ingrandire)

Ovviamente, letto il romanzo, non mi feci sfuggire l’occasione di poter vedere il film, in programma in un cinema di Como…
non mi era mai capitato, prima di allora, di leggere un romanzo e subito dopo vederne la versione cinematografica…
con la sorpresa, aggiuntiva, dell’autore, “quello” degli aneddoti del prof, nella parte di uno dei personaggi, “il Pozzi”

forse anche per questo ho un “legame” particolare con questo libro…

e se mi si dovesse chiedere di citare un libro tra i tanti che ho letto…
beh…il primo che mi verrebbe in mente è proprio quello lì…

quello vicino alla finestra sulla destra…

 

 

altri articoli correlati

Pianacci, un grande murale per ricordare Don Gallo
https://www.carlobesana.it/pianacci-un-grande-murale-per-ricordare-don-gallo/

Arte urbana – Cep, il quartiere della Resistenza
https://www.carlobesana.it/arte-urbana-cep-il-quartiere-della-resistenza/

I “figgieu” di Drina A12 e Giuliogol
https://www.carlobesana.it/i-figgieu-di-drina-a12-e-giuliogol/

il nuovo murale di Drina A12 e Giuliogol
https://www.carlobesana.it/il-nuovo-murale-di-drina-a12-e-giuliogol/

il pilone 82 e le brave persone
https://www.carlobesana.it/il-pilone-82-e-le-brave-persone/

Il nuovo “viaggio” di Giuliogol e Drina A12
https://www.carlobesana.it/il-nuovo-viaggio-di-giuliogol-e-drina-a12/

Il Tg dei ragazzi con Giuliogol e Drina A12
https://www.carlobesana.it/il-tg-dei-ragazzi-con-giuliogol-e-drina-a12/

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.