Il sindacato ad un bivio: marketing o…marchette?

Il sindacato ad un bivio: marketing o…marchette?
3 maggio 2009
 
Sono presente su Facebook con due account, uno personale e l’altro riferito al Consorzio Pianacci, e al momento (sono quasi le 2 di mattina del 3 maggio), cioè nelle 26 ore successive alla chiusura del Concerto del 1° maggio, ho intercettato decine di links ai diversi filmati pubblicati su youtube (la maggior parte dedicati a Vasco) già durante il concerto e decine di commenti. 


Non ho però ancora avuto il piacere di individuare (non escludo che ci possano essere) commenti all’infelice conduzione di Sergio Castellittto.
Faccio una premessa: ho seguito, in tv, solo una parte, piccola, dell’evento, ma mi è bastata per indurmi a tornare su SkySport, a seguire una sana, avvincente partita di basket.

Vengo al dunque: sta per entrare in scena Vasco e Sergio Castellitto si presenta con in mano un libro e legge con enfasi un capitolo, in cui si parla di Vasco, tratto dal libro “Venuto al mondo”, di Margaret Mazzantini che, guarda un po’?, è la moglie di Castellitto….

Non contento, poco più in là, la stupenda “Halleluiah” di Leonard Cohen (riproposta anni dopo in un’altrettanto mitica versione dal compianto Jeff Buckley), va ad interferire in modo inquietante con l’intensa versione di Paola Turci (accompagnata dal trombettista Paolo Fresu, superlativo) intervallando l’esecuzione con una serie infinita di versi di una poesia sui figli, recitata in modo accorato dallo stesso Castellitto e da Claudia Gerini.
Una poesia (ma dai….) scritta, guarda un po’?, dalla moglie Margaret Mazzantini…..

Sergio Castellitto
Sergio Castellitto

Per finire, durante una lunga pausa tecnica, si mette a lanciare rose rosse dal palco (non lo fanno più nemmeno nelle sagre paesane) anziché recitare poesie perché, dice lui stesso, non conosco poesie a memoria”…
Evidentemente sa solo leggere quelle della moglie….

E se poi si dovesse nuovamente verificare che da un libro di Margaret Mazzantini venga tratto un nuovo film di Sergio Castellitto con la colonna sonora di Vasco (vedi “Non ti muovere”) il quadro diventerebbe ancora più inquietante…

Ora, che il movimento sindacale viva un momento di grande confusione, è noto, e ci sta che possa capitare in certi momenti storici.
Che però l’organizzazione cui il sindacato si è affidato per il suo più grande evento mediatico si “svenda” così deve far riflettere, anche perché stiamo parlando di Sergio Castellitto e Margaret Mazzantini, non di Sir Laurence Olivier e William Shakespeare….

A meno che non si pensi di combattere il nemico con le sue stesse armi, il marketing…
solo che si è confuso il marketing con le marchette…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.