…il mio Amico Luca, ed un’idea che si potrebbe mangiare…

…il mio Amico Luca, ed un’idea che si potrebbe mangiare…

 

 

“un’idea, un concetto, un’idea, finché resta un’idea è soltanto un’astrazione…se potessi mangiare un’idea avrei fatto la mia rivoluzione….”…

 

 

Conosco da una vita Luca Corsolini, è un Amico…
no, non è un errore di battitura, la “A” non a caso è maiuscola…

mi è sempre piaciuto “leggerlo”, fin dai tempi in cui, ragazzino e precoce giornalista, ci narrava il basket, dalle colonne di testate nazionali, attraverso simpatici siparietti di famiglia
e non potevano che essere simpatici, visto che poteva contare su due personaggi fantastici come sua mamma Mara e suo papà Gianni

 

2006, io e Susanna con Gianni e Mara
(clicca per ingrandire)

poi la sua carriera è continuata, sempre nell’ambito della comunicazione, anche televisiva…(Gazzettino e Messaggero Veneto, Guerin Sportivo, RAI, Tele+, Sky Sport, Adidas, Lega Calcio, Bologna Calcio, Virtus Bologna… e chi più ne ha più ne metta…).

Lo si potrebbe definire un idealista, e lo è, ma preferisco definirlo, più romanticamente, “sognatore”

ecco, Luca è sempre stato un sognatore, nel senso più profondo del termine, ed i suoi sogni hanno sempre avuto, al centro, lo Sport, anche qui non a caso con l’iniziale maiuscola, ed i valori che lo Sport è in grado di trasmettere alla collettività…

anch’io, nel mio piccolo, mi ritengo un sognatore, anche se con uno spettro di ampiezza più limitata rispetto alla sua, il che non è difficile…

a volte, ho fatto fatica a vedere le possibilità di traduzione pratica dei suoi sogni
e la causa va ricercata, senza dubbio, nei limiti, miei, cui facevo cenno…

stamane, all’accensione del pc, mi è comparso, sulla bacheca di Fb, il suo post, che ho letto con immutata curiosità…

un post che ha fatto centro fin dal titolo (“Le parole sono importanti”), che potrebbe sembrare, a prima vista, semplice ed ovvio…

ma con Luca nulla è semplice ed ovvio

oggi, con l’ulteriore esplosione dei social determinata dalla forzata permanenza, di tutti, a casa, sarebbe ancor più importante fare proprio questo concetto…

le parole sono importanti…

(foto da crimemagazine.it)

 

 

e si assiste invece, sempre più, al loro barbaro utilizzo per ferire, denigrare, offendere…gratuitamente ed impunemente…

 

 

 

Luca però va oltre…
parte da questo chiaro concetto per formulare una proposta, offrire un’idea…

Ricordate Giorgio Gaber?
“un’idea, un concetto, un’idea, finché resta un’idea è soltanto un’astrazione…se potessi mangiare un’idea avrei fatto la mia rivoluzione….”…

ecco, oggi Luca con la sua precisa analisi e con l’intrigante proposta, vestita da elegante ed affascinante sogno, mi ha regalato una netta, piacevole percezione…

sì, quest’idea la si potrebbe mangiare…
aggiungiamo un posto a tavola…

 

 

Luca Corsolini

LE PAROLE SONO IMPORTANTI

Leggo, con crescente disagio, come tutti, quello che è successo nelle RSA, che in altri tempi avremmo chiamato case di riposo, e mi viene in mente Nanni Moretti in Palombella rossa.

Intervistato da una giornalista che lo ferisce con una sequenza micidiale di frasi fatte e banali, la prende a schiaffi e urla: “Le parole sono importanti”.

Parto dallo sport per arrivare a casa, quella di tutti.
Se Ludwig Guttman avesse continuato a parlare dei suoi pazienti nell’ospedale di Stoke Mandeville, vicino a Londra, solo come di amputati ed handicappati tornati dal fronte della Seconda Guerra, oltre tutto con una limitata speranza di vita per la medicina di allora, non avremmo scoperto poi le Paralimpiadi.

Lui cominciò a chiamare quei soldati per nome e cognome, li trattò da persone e non da relitti senza speranze, e oggi quel Mondo migliore, e possibile, che sono le Paralimpiadi lo riconosciamo, grazie agli esempi di Alex Zanardi, Bebe Vio, Giusy Versace, Martina Caironi, Francesca Porcellato, Riccardi Bagaini, Francesco Messori, Gianni Sasso, come abitato da persone appunto che non definiamo disabili per quello che non possono fare ma abili per quello che sanno fare ed essere: un esempio.

Se Eunice Kennedy si fosse rassegnata al giudizio dell’epoca, pensando che sua sorella era ritardata, e non solo le parole contano, anche i giudizi pesano, dare a uno del ritardato legittima quasi il fatto che tu scelga di non occupartene, non avremmo gli Special Olympics che oggi ci fanno appunto scoprire la ricchezza delle persone con disabilità mentale.

Se avessimo continuato a parlare, come anni fa, di vecchie glorie per riferirci a quanti smesso di essere atleti in senso classico provavano a continuare ad allenarsi, a disputare gare e partite, non avremmo spalancato le porte di stadi e palestre a quanti oggi hanno scoperto la categoria Master.

Si è allungata l’aspettativa di vita, non c’è nemmeno più la terza età, ci sono nuove età, ognuno sceglie come sentirsi, e tutti cercano di essere in forma per sé e per gli altri.

Chi vuole sentirsi una vecchia gloria quando fin dalla definizione ti mettono polvere addosso, ti confinano nell’ombra?
Facile risposta: nessuno.

Chi vuole essere un Master, una Legend, un Classic come li chiamiamo oggi ?
Altrettanto facile risposta: tutti.

Le parole contano: sono il trampolino di lancio su cui sono saliti tre movimenti sportivi, Paralimpiadi, Special Olympics e Master che hanno cambiato, e migliorato, non solo lo sport ma anche e soprattutto la società, perché ci hanno insegnato e insegnano a garantire i diritti di tutti, il rispetto delle persone; perché ci portano a comunità inclusive.

Se noi, uno dei Paesi del mondo con l’età media più alta, parliamo ancora di vecchi non abbiamo capito questa lezione: le parole contano.
Va bene non seguire l’economia, che è fuorviante, che parla di silver economy.

Ma, direbbe Nanni Moretti, parliamo come mangiamo invece che per frasi fatte e allora invece di chiamarli vecchi, in modo anonimo, cominciamo a chiamarli e riconoscerli come nonni, genitori, ognuno col suo nome, che tutti sappiamo.

Sono dei Master, delle Legends, persone Speciali e Special che non ci possiamo permettere di ignorare: perché siamo noi quelle persone.

VIAGGIARE

Esiste il club dei grandi viaggiatori, forse dovrei dire esisteva, non so.
Si possono iscrivere quanti hanno visitato almeno 25 paesi.

L’Italia vale tre, per dire, perché ci sono anche Città del Vaticano e San Marino.

Per parecchio tempo sarà difficile andare all’estero, viaggiare low cost come ci eravamo abituati: non era solo una questione di prezzo, si poteva andare letteralmente ovunque.
Mi piacerebbe che per parecchio tempo si viaggiasse solo in Italia, e non sarebbe, per quanto detto, una rivendicazione alla Salvini.

Ci presentiamo nelle agenzie viaggio, perché pure loro devono ri-partire, e riceviamo un passaporto aggiuntivo.

Poi, per ogni provincia italiana che visitiamo, su quel passaporto ci mettono un timbro.
Dopo, esempio, 40 timbri diversi di province fuori dalla nostra regione, e già tutta l’operazione genererebbe qualcosa di positivo, potremmo avere uno sconto-permesso per andare all’estero.

Però, invece di vivere come una privazione il fatto di non poter viaggiare, davvero dovremmo vivere come straordinaria opportunità questo poter conoscere l’Italia.

Io, che pure ho viaggiato tanto, per passione e per lavoro, non sono stato a Saturnia, Paestum, Villa Adriana, Selinunte, non ho visto il teatro Olimpico di Vicenza e la Cascata delle Marmore, non ho mangiato in quel ristorante nella grotta a Polignano, non sono mai andato al Conero e neppure all’Isola d’Elba, vorrei passeggiare nell’Oasi Zegna, andare a Stromboli, e nell’album mi mancano pure le cartoline di …

 

(clicca per ingrandire)

 

(clicca per ingrandire)
Stadio Marassi, 2018, io, Susanna e Luca
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.